CONDANNATO A MORTE TUTTI GLI ISLAMICI

    
Vasco Rossi ammette : “Ho fatto un altro patto con il diavolo” di Haiaty Varotto. Vasco Rossi dopo, il concerto da record per i suoi 40 anni dal primo disco, alla affermazione del giornalista:
    "Alla vigilia dei quattro concerti di Roma lei è parso a Lignano in bella forma fisica. La voce tiene, si coglie un bello spirito. Una rinascita... " Afferma di aver fatto un altro patto con il diavolo:     «Ho fatto un altro patto con il diavolo. Sono in forma perché debbo fare per forza una vita sana, dentro la quale sono un po’ spaesato. Già in passato in un intervista su radio DeeJay, dopo che l'intervistatore gli disse che lo vedeva veramente in forma, lui,  ridendo aveva affermato di aver fatto un patto con il diavolo. Sentite al minuto 0:25:
Dunque sapendo che ha fatto un patto con il diavolo diventa chiaro il motivo di tanto successo e di tanti soldi. Satana quando tentò Gesù Cristo gli disse che avrebbe potuto dargli tutti i regni del mondo se Lui lo avesse adorato. Quindi ha il potere di far diventare ricco o famoso o potente qualcuno. E' non è l'unico che ha fatto un patto con il diavolo perchè anche molti altri cantanti famosi lo hanno ammesso pubblicamente: Bob Dylan, Kanye West, Rihanna, Katie Perry, Eminem e molti altri. D'altronde l'intera industria della musica è nelle mani della Massoneria e degli Illuminati che sono anche loro servi di Satana.
Purtroppo però il diavolo è astuto ed è ingannatore. Seduce le persone, dà loro potere e fama ma alla fine porta le loro anime alla perdizione. Non credo che i soldi e la fama possano essere scambiate con un eterna infamia nella atroce sofferenza provocata da fiamme di fuoco non attizzate da mani d'uomo.
Vasco Rossi, sappi che Satana è bugiardo e padre della menzogna. Egli ti ha ingannato e sedotto, ti ha dato fama potere e soldi e tu ora gli sei schiavo e la tua anima sta andando in perdizione. Tu stai andando verso le fiamme dell'inferno e quando sarai giudicato da DIO sarai condannato e scaraventato nel lago ardente di fuoco e di zolfo.
Ma ti voglio dire che anche per te c'è speranza. Cristo Gesù è morto anche per te e soltanto Lui ti può liberare da questo patto con il principe di questo mondo. Scampa all'ira ardente di YHWH che è su di te per tutti i crimini che hai commesso contro le Sue sante leggi. Ravvediti dei tuoi peccati e credi nell'evangelo di Gesù Cristo, cioè che Egli è morto per i nostri peccati e che al terzo giorno risuscitò dai morti per la nostra giustificazione. Soltanto in questa maniera potrai essere riconciliato con il Solo vero DIO.  Haiaty Varotto

============
===========

Rescue Persecuted Christians in Pakistan. Walid Shoebat and Rescue Christians launch infomercial to raise awareness as well as funds to save the lives of 300 families in immediate risk in Pakistan. All supporters who wish this infomercial to be shown on their local Christian or public TV channel please contact us on how they can help get this shown on their local TV channel. It will also be shown as a permanent link on www.Shoebat.com and www.RescueChristians.org.


se noi chiediamo a questi scellerati delle sinistre: PD M5S, socialisti, cosa significa identità italiana? ecc.. , ecc.. oppure, cosa significa identità europea? in realtà, loro non hanno in mente qualche concetto di tipo soprannaturale spirituale o religioso, ecco perché stanno preparando la strada alla soprannaturale demoniaca shariah invasione islamica: il più pericoloso nazismo della storia del Genere umano!!

Massimo D'Alema disse: "come possiamo dichiarare guerra a 1,5miliardi di musulmani?"
quindi la sua prospettiva è quella di diventare musulmano! tanto grande è l'odio di Gay LGBTI e di ogni anticristo contro Gesù di Betlemme! Quindi ci hanno preparato una invasione islamica di migranti!

 “per il raggiungimento di una soluzione definitiva del conflitto?“. MA TUTTA LA LEGA ARABA  UN SOLO GENOCIDIO NAZISTA SHARIAH A CIELO APERTO! QUESTO È ALTO TRADIMENTO! Il Parlamento francese ha approvato una mozione in cui chiede al Governo di riconoscere lo Stato di Palestina. Con 339 voti a favore, 151 contrari e 16 astenuti l’Assemblea di Parigi rimette nelle mani degli uomini di Manuel Valls, in maniera non vincolante, la decisione del riconoscimento. A favore del provvedimento si è espressa la maggior parte dei parlamentari socialisti, i verdi e l’estrema sinistra. Contrari, invece, i centristi dell’Udi e il gruppo di centrodestra. Nel testo approvato dall’Assemblea parigina si legge che il riconoscimento dello Stato di Palestina è volto al “raggiungimento di una soluzione definitiva del conflitto“.

===============
 30/06/2017 - INDIA. INDUISMO ASSASSINO E RAZZISTA? UNA VACCATA! Il premier condanna gli omicidi in nome delle vacche. Attivista: è solo adesione di facciata (Video) Narendra Modi interviene ad un comizio in Gujarat. Poche ore dopo, un altro musulmano linciato a morte dai protettori delle vacche in Jharkhand. L’86% degli omicidi compiuti dai nazionalisti è a danno dei musulmani; il 97% perpetrato da quando il premier è al potere. Modi contestato con lo slogan “#NotInMyName”.
============
mAOMETTO È IL FIGLIO DEL DEMONIO!  30/06/2017 - PAKISTAN – VATICANO. Chiede aiuto al Papa un cattolico pakistano profugo in Grecia, In una lettera si racconta che Kamran Iqbal Maseh è dovuto fuggire dal suo Paese a causa della sua fede. Ora è in Grecia, ma rischia di essere rimandato in Turchia e da lì in Pakistan, dove rischia la vita.

==================

 01/07/2017, MAOMETTO È IL FIGLIO DEL DEMONIO! BANGLADESH
A un anno dalla strage di Dhaka, ancora tanta la paura
Il primo luglio 2016 l’attacco terroristico all’Holey Artisan Bakery Cafè ha provocato 20 vittime. Il quartiere Gulshan è deserto, abbandonato da turisti e negozi. Diversi cattolici si sono trasferiti all’estero; alcuni missionari protestanti hanno lasciato il Paese. Il resoconto completo delle indagini sarà pubblicato “molto presto”.
Dhaka (AsiaNews) – A un anno esatto dalla strage all’Holey Artisan Bakery Cafè di Dhaka, nella quale sono morte 20 persone in maggioranza stranieri, la paura in Bangladesh è ancora grande. In seguito all’attacco nel bar del quartiere Gulshan, sede di varie ambasciate e rappresentanze diplomatiche, molti cattolici – compresi diversi missionari protestanti – hanno abbandonato il Paese. Uno di loro è un giovane che dice ad AsiaNews: “Non mi sentivo sicuro in Bangladesh a causa della mia fede cristiana, perciò mi sono trasferito negli Stati Uniti insieme alla mia famiglia”. Nel frattempo l’unità anti-terrorismo sta portando avanti le indagini sui terroristi e sui loro complici e a breve dovrebbe rilasciare il rapporto finale.
Il primo luglio 2016 cinque estremisti islamici hanno assaltato il locale al grido di “Allah akbar” (Allah è grande) e, sotto la minaccia delle armi, hanno preso in ostaggio decine di clienti che stavano cenando. Poi hanno chiesto loro di recitare versetti del Corano: chi conosceva il testo sacro per l’islam è stato rilasciato; gli altri ancora detenuti. Al termine di un lungo assedio durato tutta la notte, i terroristi hanno sparato agli “infedeli”. Il bilancio è stato pesante: uccisi in tutto 20 prigionieri, di cui nove italiani, sette giapponesi, un’indiana, un’americana di origine bengalese e due bangladeshi (tra cui Faraaz Ayaaz Hossain, studente musulmano che i terroristi avevano graziato perché conosceva il Corano, ma lui si è rifiutato di abbandonare il locale per non lasciare sole le amiche straniere).
I testimoni della strage hanno raccontato di aver vissuto la terribile violenza con un senso di sgomento. Da sempre considerato come moderato e dialogico, dalla sera del primo luglio è emerso che anche l’islam del Bangladesh ha assunto connotazioni fondamentaliste. Torun Gomes, un cristiano residente nell’area dell’attacco, racconta di aver “sentito il nome dell’Isis in televisione, in radio e sui giornali. Ma quando i terroristi hanno attaccato vicino casa mia, sono rimasto sorpreso. Ci siamo rattristati per la distruzione compiuta dai militanti e viviamo ancora nella paura”. Egli riferisce che molte persone che abitavano nella zona hanno lasciato il quartiere. Dapprima brulicante di negozi e persone, ora l’area si presenta deserta. Il silenzio assale i visitatori dato che molti ristoranti hanno chiuso l’attività. Anche gli stranieri, in precedenza residenti abituali, se ne sono andati.
Monirul Islam, capo dell’Unità di contrasto al terrorismo e al crimine transnazionale (Cctc), che coordina le indagini, riporta che sono state identificate 24 persone coinvolte nell’attacco a vario titolo, tra i pianificatori, i formatori e gli esecutori materiali. Di questi, 15 sono stati uccisi in vari blitz delle forze speciali, quattro sono in carcere e altri cinque ricercati. Tra i fiancheggiatori uccisi ci sono: Tamim Chowdhury, Nurul Islam Marjan, Major Zahidul Islam, Sarowar Jahan, Tanveer Quaderi, Md Abdullah alias Rony, Abu Rayhan alias Tareq e Faridul Islam Akash. Dei quattro incarcerati, tre hanno confessato in base alla sezione 164 del Codice di procedura criminale; essi sono: Jahangir Alam alias Rajeeb Gandhi, Raqibul Hassan alias Rigan e Mizanur Rahman alias Senior Mizan.
Il costo totale delle indagini e delle operazioni ammonta a 900mila taka (10.465 euro). Il 28 giugno Asaduzzaman Khan Kamal, ministro dell’Interno, ha detto che l’agenzia investigativa pubblicherà un “impeccabile” elenco dei dati sul caso dell’Holey Artisan. Di fronte ai giornalisti riuniti davanti all’ufficio del Segretariato, ha affermato: “Stiamo preparando un impeccabile elenco dei dati e lo sottoporremo presto all’attenzione del tribunale”.


 01/07/2017 - INDONESIA SHARIA, Jakarta, due poliziotti feriti mentre pregavano in moschea, ucciso l’assalitore
I simpatizzanti indonesiani dello Stato islamico (IsIS 666 SHARIA) prendono di mira gli agenti. L'aggressore si è unito alla preghiera di circa 20 poliziotti e ha lanciato l’attacco. L’attentatore ucciso durante la fuga. I legislatori impegnati a passare entro l’anno le revisioni della legge antiterrorismo. Dall’amministrazione Widodo una campagna antiterrorismo.

===================

07/01/2017, MAOMETTO SHARIAH IL FIGLIO DEL DEMONIO! BANGLADESH. One year after the Dhaka massacre, fear remains strong. On 1st July 2016, terrorists attacked the Holey Artisan Bakery Café killing 20. Following this, the Gulshan area has become deserted, abandoned by tourists and shops. Several Catholics and Protestant missionaries have left the country. A full account of the investigations will be published "very soon".
Dhaka (AsiaNews) – Fear remains strong in Bangladesh a year to the day after the massacre at the Dhaka's Holey Artisan Bakery Café, where 20 people, mostly foreigners, were killed.
Following the attack in the Gulshan area, a neighbourhood home to various embassies and diplomatic missions, many Catholics and Protestant missionaries have left the country. "I did not feel safe in Bangladesh because of my Christian faith, so I moved to the United States with my family,” said one who spoke to AsiaNews.
For their part, the authorities have continued their investigation into the terrorists and the accomplices who took part in the attack and are expected to release their final report soon.
On July 1, 2016, five Islamic extremists attacked the restaurant shouting "Allahu Akbar" (Allah is great) taking scores of customers hostage. Then they proceeded to ask separate those who could recite verses of the Qur‘an from those who could not. The former were released, the latter were detained.
At the end of the long, overnight siege, the terrorists shot the “infidels”. Some 20 hostages were killed: nine Italians, seven Japanese, one Indian, one Bangladeshi-American and two Bangladeshis (including Faraaz Ayaaz Hossain, a Muslim student who refused to leave his foreign friends).
Witnesses later talked about the terrible violence with a sense of shudder. Once seen as moderate and open, Islam in Bangladesh took on more extremist connotations on that 1st July.
Torun Gomes, a Christian living in the area of ​​the attack, remembers “hearing the name of ISIS on television, radio and newspapers. But when the terrorists attacked near my home, I was surprised. We are saddened by the mayhem caused by the militants and we still live in fear. "
He added that many residents left the neighbourhood. Once full of shops and people, it is now deserted. Visitors are struck by the silence as many restaurants simply shut down. Many foreigners, who once called the place home, have picked up and left.
Monirul Islam, head of Bangladesh’s Counter-Terrorism and Transnational Crime (CCTC) Unit, which is co-ordinating the investigation, said that 24 people involved in various capacities – planning, training and execution – have been identified.
Fifteen of these were killed by security forces. Four are in jail and five are still wanted. The dead include Tamim Chowdhury, Nurul Islam Marjan, Major Zahidul Islam, Sarowar Jahan, Tanveer Quaderi, Md Abdullah alias Rony, Abu Rayhan alias Tareq, and Faridul Islam Akash.
Of the four prisoners, three – Jahangir Alam aka Rajeeb Gandhi, Raqibul Hassan aka Rigan, and Mizanur Rahman aka Senior Mizan – have confessed under Section 164 of the Criminal Procedure Code.
The total cost for the operation was 900,000 Taka (US$ 11,100).
Home Affairs Minister Asaduzzaman Khan Kamal on Wednesday said that the investigating agency will submit a report in connection with the case. “We’re preparing a flawless charge sheet, and it will be submitted before the court very soon,” he told reporters at his Secretariat office.


=======================

01/07/2017, MAOMETTO SHARIAH IL FIGLIO DEL DEMONIO! BANGLADESH. A un año de la masacre de Dacca, aún sigue habiendo mucho miedo. El 1ero de Julio de 2016 se produjo el atentado terrorista en el Holey Artisan Bakery Cafe, que causó 20 víctimas. El barrio Gulshan está desierto, abandonado por los turistas y las tiendas. Varios católicos se han trasladado al extranjero; Algunos misioneros protestantes han abandonado el país. El informe completo de la investigación será publicado "muy pronto". Dacca (AsiaNews) – A exactamente un año de la masacre en el Holey Artisan Bakery Cafè de Dacca, en el que 20 personas murieron, la mayor parte de ellas extranjeros,en Bangladesh sigue habiendo mucho miedo. Tras el atentado en el bar del barrio de Gulshan, que alberga varias embajadas y misiones diplomáticas, muchos católicos - incluyendo varios misioneros protestantes - han abandonado el país. Uno de ellos es un joven que dice a AsiaNews: "No me sentía seguro en Bangladesh, a causa de mi fe cristiana, por lo que me trasladé a los Estados Unidos con mi familia." Mientras tanto, la unidad antiterrorista está llevando a cabo la investigación de los terroristas y sus cómplices, y pronto debería difundir el informe final.
El primero de julio de 2016 cinco extremistas islámicos  irrumpieron en el local gritando "Alá Akbar" (Dios es grande) y, bajo la amenaza de las armas, tomó como rehenes a decenas de clientes que estaban cenando. A continuación, les pidieron recitar versos del Corán: el que conocía el texto sagrado para el islam fue puesto en libertad; los otros siguieron detenidos. Al final de un largo asedio que duró toda la noche, los terroristas dispararon a los "infieles". El balance fue tremendo: mataron a cerca de 20 prisioneros, nueve italianos, siete japoneses, un indio, un estadounidense de origen bengalí y dos bangladesíes (incluyendo a Faraaz Ayaaz Hossain, un estudiante musulmán a quien los terroristas habían indultado porque sabía el Corán, pero que se negó a salir del local para no dejar solos a sus amigos extranjeros).
Los testigos de la matanza dijeron que experimentaron la terrible violencia con una sensación de consternación. Durante mucho tiempo considerado moderado y dialogante, desde la tarde del 1ero de julio, quedó demostrado que el islam de Bangladesh también ha asumido connotaciones fundamentalistas. Torun Gomes, un cristiano que vive en el área donde se produjo el atentado, dijo que "escuchó el nombre de Isis en la televisión, la radio y en los periódicos. Pero cuando los terroristas atacaron cerca de mi casa, me sorprendió. Estamos entristecidos por la destrucción llevada a cabo por los militantes y aún vivimos con miedo". Se informa que muchas personas que viven en la zona han dejado el barrio. En un primer momento, lleno de tiendas y gente, ahora el área aparece desierta. El silencio invade a los visitantes ya que muchos restaurantes han cerrado sus actividades. Incluso los extranjeros, que antes eran residentes habituales, se han ido.
Monirul Islam, Jefe de lucha contra el terrorismo y la delincuencia transnacional (CCTC), a cargo de la coordinación de las investigaciones, informa que se han identificado a 24 personas implicadas en el ataque de varias maneras, incluyendo a los planificadores, los entrenadores y los autores. De estos, 15 fueron muertos en operativos de las fuerzas especiales, cuatro están en la cárcel y cinco más son buscados. Entre los partidarios muertos figuran Tamim Chowdhury, Nurul Islam Marjan, el mayor Zahidul Islam, Sarowar Jahan, Tanveer Quaderi, Md Abdullah alias Rony, Abu Rayhan alias Tareq y Faridul Islam Akash. De los cuatro encarcelados, tres han confesado bajo la sección 164 del Código de Procedimiento Penal; que son: Jahangir Alam alias Rajeeb Gandhi, Raqibul Hassan alias Rigan y Mizanur Rahman alias Senior Mizan.
El costo total de las investigaciones y operaciones ascendió a 900 mil takas (10.465 euros). El 28 de junio, Asaduzzaman Khan Kamal, el Ministro del Interior, dijo que el organismo de investigación publicará una lista de los datos "impecable" en el caso del 'Holey Artisan. Frente a los reporteros reunidos afuera de la oficina de la Secretaría, dijo: "Estamos preparando una lista impecable de los datos y pronto será sometida al análisis de la corte."

=====================

Il mondo musulmano alla ricerca dello “Stato di natura civile”
Fady Noun

Un colloquio in Libano per dare il più grande impatto politico alla dichiarazione fatta da al-Azhar sulla cittadinanza. Verso il riconoscimento dello “Stato di natura civile” (espressione destinata a evitare l’ambiguità che per un musulmano ha quella di ‘Stato laico’) nel quale la nozione di cittadinanza, con tutte le sue implicazioni giuridiche (uguaglianza dei diritti e doveri di tutti i cittadini) sostituisce quella dell’appartenenza religiosa musulmana o cristiana, di minoranza e di maggioranza.

Beirut (AsiaNews) – Nella esplicita volontà di dare il più grande impatto politico alla dichiarazione fatta da al-Azhar il 28 febbraio-1 marzo sulla cittadinanza e la convivenza, il Patriarcato maronita ha convocato un congresso islamo-cristiano nel corso del quale in una dichiarazione conclusiva, detta “dichiarazione di Louaïzé” ha espresso piena adesione al documento di al-Azhar.

“Il congresso di Nostra Signora di Louaïzé – afferma il primo punto della dichiarazione - saluta e appoggia la dichiarazione di al-Azhar come un sincero appello da parte della più alta istituzione religiosa araba e islamica a una totale collaborazione in tutti i Paesi arabi, all’interno di uno Stato nazionale costituzionale civile che distingue tra religione e Stato, e basato sull’uguaglianza di tutti i cittadini di uno stesso Paese; un Paese che valorizza la diversità e la pluralità culturale e religiosa e sostituisce con la parole ‘cittadinanza’ i termini di maggioranza e minoranza”

Il colloquio si è tenuto sabato scorso, primo luglio, all’Università di Louaïzé (Kesrouan), promossa dall’ordine religioso mariamita, del quale fa parte il patriarca Rai, presente un certo numero di esperti musulmani e cristiani che avevano preso parte al Cairo ai lavori sfociati nella dichiarazione di al-Azhar, oltre ai capi di tutte le comunità musulmane del Libano.

La dichiarazione di Louaïzé spinge quella di al-Azhar verso il riconoscimento dello “Stato di natura civile” (espressione destinata a evitare l’ambiguità che per un musulmano ha quella di ‘Stato laico’) nel quale la nozione di cittadinanza, con tutte le sue implicazioni giuridiche (uguaglianza dei diritti e doveri di tutti i cittadini) si sostituisce, sul piano delle conseguenze giuridiche e civili, a quella dell’appartenenza religiosa musulmana o cristiana, di minoranza e di maggioranza. Questa questione di terminologia potrebbe apparire secondaria, agli occhi di qualcuno. In realtà, non lo è affatto. La dichiarazione di al-Azhar aveva utilizzato la frase “Stato nazionale costituzionale” per parlare dello Stato moderno, che costituisce il superamento definitivo del concetto di “Stato islamico” esaltato finora sia nella sua accezione moderata che in quella estremista. Alcuni avevano comunque criticato questa ambiguità di formulazione. Con la dichiarazione di Louaïzé questa è eliminata, perché la definizione “Stato di natura civile” vi coesiste parallelamente a quella di Stato nazionale costituzionale, in quanto le due espressioni sono equivalenti.

Del resto, lo stesso sceicco Abbas Choumane, braccio destro del grande imam di al-Azhar ha adottato, nel suo intervento all’inizio del colloquio la definizione “Stato dinatura civile” per parlare dello Stato della cittadinanza difeso dalla dichiarazione di al-Azhar.

Letta personalmente dal patriarca Rai alla fine dell’incontro, la dichiarazione di Louaïzé è stata approvata – con la riserva di ritocchi minori che sarann apportati in seconda lettura – dallo sceicco Abdellatif Deriane, mufti sunnita della Repubblica, dallo sceicco Ahmad Kabalan, mufti jafarita, lo sceicco Naïm Hassan, lo sceicco Akl della comunità drusa e lo sceicco Mohammad Asfour del Consiglio superiore alauita.  Tale dichiarazione esprime d’altro canto la preoccupazione di “proteggere il vivere-insieme” in Libano come è consacrato nel preambolo della Costituzione, contro “le tensioni confessionali, i timori e gli schieramenti” che lo indeboliscono. Si rileva inoltre la necessità di "far evolvere la politica (...) verso uno Stato di natura civile".

La dichiarazione impegna il Libano e tutti gli altri Paesi arabi a rinforzare la loro azione contro l’estremismo, ogni irrigidimento e riflusso, a "concentrarsi sulla moderazione e l'equilibrio" e "cooperare a tal fine tra istituzioni religiose, educative o culturali", al fine di creare "una cultura nuova". I fautori della dichiarazione hanno affermato che a servizio dei loro obiettivi essi si metteranno in contatto con il Vaticano e altre istituzioni religiose internazionali musulmane e cristiane "in uno sforzo di coordinamento e cooperazione".

I partecipanti hanno anche approvato l'invito a fare del Libano un centro internazionale per il dialogo tra religioni, culture e civiltà. La dichiarazione di Louaïzé appoggia la causa palestinese e chiede alle comunità arabe e internazionali di “lavorare seriamente per fermare le guerre e i conflitti in Siria, Iraq, Yemen e in ogni altro luogo”, trovandovi soluzioni politiche. Per parte sua, lo sceicco Abbas Choumane ha proposto al Libano di imitare una delle sue iniziative, la formazione di un consiglio permanente, la “Casa della famiglia egiziana”, presieduta insieme dal grande imam di al-Azhar e dal papa dei copti ortodossi, Tawadros II, che ha lo scopo della convivenza in Egitto.

Moderato dall’ex ministro Tarek Mitri, il colloquio è stato segnato dagli interventi di Rabab Sadr, Farès Souhaid, Radwan Sayyed, Abbas Halabi, Antoine Messarra e Antoine Courban. La sua prosecuzione sarà assicurata da un comitato comprendente il rettore dell’Università de Louaïzé, padre Walid Moussa e l’ex parlamentare Farès Souhaid.

==========================

 IL MOVIMENTO NEW AGE E IL SUO SERVIZIO AL PIANO SPIRITUALE OCCULTO. Il Nuovo Ordine Mondiale così come concepito dall'Elite occulta è difficilmente un progetto recente. La loro è una filosofia spirituale radicata in tradizioni occulte antiche. Il loro (presunto - ndr) successo è vicino, e l'infiltrazione della società da parte dell'occultismo New Age è la ragione principale di questo loro successo. Il Nuovo Ordine Mondiale non ha mai riguardato esclusivamente un governo politico mondiale ma, piuttosto, fin dall'inizio i suoi sostenitori sono stati a conoscenza di dottrine segrete che servono a dominare l'umanità, e questo è più di ogni altra cosa un progetto spirituale.
Sarebbe da negligenti non tenere in considerazione la natura spirituale del Nuovo Ordine Mondiale. L'ONU e la New Age sono stati partner fin dall'inizio. Il destino segreto dell'America è il prodotto di antenati rosacrociani e massoni. La Nuova Atlantide così come proposta nell'opera di Francis Bacon è quasi imminente. I Misteri Antichi vengono studiati per l'illuminazione e l'ispirazione dall'Elite del Nuovo Ordine Mondiale. Per non parlare dei guru New Age – che reclutano coscienziosamente per conto della Fratellanza Segreta.
Nel 1980, Marylin Ferguson compilò ed espose una sintesi che riguardava le teorie di trasformazione e il piano segreto dell'Era dell'Acquario. Nei suoi studi sui progressi di quest'era su entropia e sintropia, olismo, olografi, cambiamenti di paradigma, principio di indeterminazione ed evoluzione, scoprì che “per la prima volta un rinascimento americano si sta verificando in tutte le discipline, spezzando i legami tra di esse, trasformandole fino alla loro massima portata – dove convergono tutte insieme.” (La Cospirazione dell'Acquario p.12)
Parlando dei network e delle reti di influenza, Ferguson annunciò “Ci sono legioni di cospiratori... in enti, università, ospedali, nelle facoltà di scuole pubbliche, in fabbriche, negli studi di dottori, in agenzie statali e federali, in consigli comunali e nello staff della Casa Bianca, in organizzazioni statali, praticamente in tutti i settori delle assicurazioni del Paese [U.S.A.]... [tra cui] al livello del consiglio del Governo degli Stati Uniti”. (ibid. p.24) Tuttavia, altri sostenitori della New Age dissero che ciò era approssimativo, dal momento che aveva sottostimato l'influenza della New Age a livello mondiale, soprattutto nell'ONU e nella Comunità Europea.
Read more: ­­­ I N T E R M A T R I X http://intermatrix.blogspot.com/#ixzz4lqTKEQhX
==========

S. GOTTARDO 2016: CERIMONIA RITUALE DI INIZIAZIONE AL N.W.O.
https://1.bp.blogspot.com/-3NyjePUGaFw/V1bnt_6Ok3I/AAAAAAAAEiw/fXlVc9XRHBsFcOUL1L929nUKdRf8OnmGgCLcB/s1600/GOTTARDO_CERIMONIA-ESOTERICA_2016_NWO.jpg
Tempi difficili e di confusione generalizzata impregnano ogni settore della società umana, e ogni sinapsi del genere umano che "crede" di capire qualsiasi cosa si trova al contrario coinvolta in una sorta di inganno mentale da cui non sa più uscire razionalmente.
Una sorta di copertura elettromagnetica pervade ogni aspetto della percezione della realtà al punto che quasi nessuno riesce più a rendersi conto davvero se i suoi sensi e pensieri lo stanno ingannando.
La cerimonia per l'apertura del traforo del Gottardo enfaticamente accusata oltreoceano, da moltissimi siti web, di essere pervasa di ritualismo satanico non è qualcosa di così diverso da ogni altra cerimonia religiosa espletata dall'uomo nel corso dei secoli. La differenza più visibile oggi è che viene palesato sempre di più a livello pubblico il rituale cerimoniale di iniziazione che serve alla evocazione degli elohim per offrirgli e chiedergli tutto quanto serve al raggiungimento dello scopo finale.
L'avvento di una Nuova Era in cui l'umanità viene portata sull'altare di una illuminazione talmente seducente e suggestiva che ogni parametro di paragone con il passato diviene solo un'ombra di cose sognate da molti iniziati sull'altare di Lucifero...
Read more: ­­­ I N T E R M A T R I X http://intermatrix.blogspot.com/#ixzz4lqUoNEHo
=============

MESSA SATANICA PER LA INAUGURAZIONE DEL TRAFORO DEL SAN GOTTARDO [[ Ceremonia Luciferina Illuminati en la Inauguración del Túnel de San Gotardo The Fucking Chaos  [[ 07 giu 2016 ]] VOI AVETE CONDANNATO A MORTE TUTTI GLI ISLAMICI! https://www.youtube.com/watch?v=iqltRuQbs1k
UN EVENTO SENZA PRECEDENTI A LIVELLO PUBBLICO
SVOLTA NEL 2016, NEL MESE 06, CON 600 INVITATI = 666 ]]
CERIMÔNIA SATÂNICA DE SAN GOTARDO Maju Oficial 178.836 visualizzazioni

GOTTARDO 2016 CERIMONIA NWO SCONVOLGENTE, MESSA SATANICA. TheINTERMATRIX NWO, GOTTARDO, CERIMONIA, INAUGURAZIONE, 2016, TRAFORO, TUNNEL, PORTALE, FORO, EU, FUTURO, PROFEZIE, SATANA, RITUALE, MASSONICO, LUCIFERINO,
RIVELAZIONE, EVENTO, SITUAZIONE, MONDIALE, GLOBALE,
SAN GOTTARDO, INIZIAZIONE, UMANITA', SCONVOLGENTE, VERITA', LUCE, LUCIFERO, DIABOLICO, PIANO, ELITE, SION, SAVI, DIO, ELOHIM, ALIENI, EXTRATERRESTRI, DOMINIO, POTERE, MONTE, MONTAGNA, ESOTERICO, ILLUMINAZIONE, LUMINARI, ILLUMINATI, SIXTEMA, MATRIX, REALTA', MENZOGNA, SVEGLIATI, EVOCAZIONE, SPIRITI, SACRIFICIO, UMANI, SANGUE, GUERRA, ALL SEEING EYE, DIVINITA', AMMON, AMEN-RA, NASCOSTO, OCCULTO, ITALIA, RENZI, MERKEL, HOLLANDE, FRANCIA, GERMANIA, UE, EURASIA,
5 STELLE, MOVIMENTO, BIBBIA, PROFEZIE, ULTIMI GIORNI,
FINE DEL MONDO, MALVAGITA', FEDE, RELIGIONE, NGO
http://www.intermatrix.eu/wp-content/uploads/2016/06/Gottardo_Demone_Baphomet-2016.jpg
https://www.youtube.com/watch?v=VTHfQRAdrUQ
http://www.intermatrix.eu/traforo-del-s-gottardo-2016-iniziazione-esoterica-al-regno-di-lucifero/#more-330
https://www.youtube.com/watch?v=VTHfQRAdrUQ

================

VOI AVETE CONDANNATO A MORTE TUTTI GLI ISLAMICI! Inaugurazione San Gottardo - Cerimonia Esoterica. MESSA SATANICA PER LA INAUGURAZIONE DEL TRAFORO DEL SAN GOTTARDO [[ Ceremonia Luciferina Illuminati en la Inauguración del Túnel de San Gotardo The Fucking Chaos
Sleeping Apples 06 ott 2016 https://youtu.be/YVDH6iKGRJ8
I media mentono sempre. Questo caso non fa eccezione.
Ufficialmente e dalle parole del commentatore lo spettacolo viene descritto come una rappresentazione della leggenda del San Gottardo.
Dopo i primi 10 secondi ci si può rendere conto che questo non corrisponde a verità.
Ho cercato di rappresentare la Leggenda "Il ponte del diavolo" in modo da trasmettere le sensazioni che ho avuto leggendola, sensazioni che
differiscono totalmente da quelle avute visionando lo spettacolo del 1º giugno 2016
Una falsità atta a nascondere agli occhi delle masse quello che in realtà si vuole "evocare".
La leggenda "Il ponte del diavolo" si adatta perfettamente alla funzione di copertura per questa rappresentazione rituale.
Musiche: Sleeping Apples
Guarda il video originale dell'intera cerimonia a questo link: youtube.com/watch?v=FJY-YLutNsM
Riferimenti:

- thattheworldmayknow.com/fertility-cults-of-canaan
- archeboli.it/si-fa-presto-a-dire-diavolo-parte-i/
- paganwiccan.about.com/od/greekdeities/ss/The-Greek-God-Pan.htm
- greekgodpan.wordpress.com/tag/paganism/
- jesus-is-savior.com/False%20Religions/Wicca%20&%20Witchcraft/pan_and_crowley.htm
- Guenon-Simboli-della-scienza-sacra
- swissinfo.ch/ita/il-ponte-del-diavolo/2878536
- www.colonnetti.it/getFile.php?id=115.
SUBSCRIBE: youtube.com/channel/UCuJEb0TAPUjCARzPrPhVdmg
LIKE: if you want more detailed video on this topic
COMMENT: Feel free to insult
SHARING: Share to support Sleeping Apples
If you reload the video on your channel, please enter the Tag [Sleeping Apples MIRROR] in the title of the video.
01/05/2017 11:40:00 EGITTO-VATICANO
Ahmad el-Tayyeb, il grande imam di Al Azhar, la modernità dell’islam e i suoi nemici
La personalità musulmana che ha osato abbracciare papa Francesco in pubblico, proviene da una famiglia sufi e ha studiato filosofia delle religioni alla Sorbona. I passi per la modernità: dialogo coi cristiani e cittadinanza piena per tutti. Ma i rigoristi gli fanno opposizione.


06/04/2017 10:01:00 EGITTO-ISLAM
Al Azhar e i diritti dei cristiani nel mondo islamico
A poche settimane dal viaggio di Papa Francesco in Egitto, la più autorevole università sunnita ha difeso diritti uguali per cristiani e musulmani. Ma nel mondo arabo-islamico, le minoranze religiose soffrono. Tutte le Costituzioni impongono restrizioni: divieto di raduni comunitari; a cambiare religione; ad assumere alte cariche di governo. L’emarginazione sta portando alla fuga dei cristiani dal Medio oriente.


29/04/2017 09:53:00 EGITTO - VATICANO - ISLAM
Papa in Egitto: entusiasmo e ammirazione dai commenti in rete e sui media
Quattro i momenti salienti che hanno caratterizzato il primo giorno di Francesco in Egitto. Plausi e apprezzamenti per il coraggio mostrato dal pontefice: “Grazie per aver rischiato la tua sicurezza per noi”. E qualcuno vorrebbe una capitale egiziana, come oggi, “pulita, sgombra e di una bellezza particolare. Ricorda i tempi passati”.



28/04/2017 11:14:00 ISLAM-VATICANO-EGITTO
Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..
L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


25/05/2016 10:37:00 EGITTO-VATICANO
Papa- Grande Imam di Al Azhar: I commenti entusiasti e “politici” dei giornali egiziani
Per il successo dell’incontro, si dà molto valore alla mediazione di Al Sisi. Stupore per la sobrietà del comunicato vaticano. Un correttivo all’islamofobia generato dallo Stato islamico. Un lettore: Credo a papa Francesco e al suo sorriso.


3/07/2016 14:51:00 BANGLADESH
Obispo de Rajshahi: Que los musulmanes se pongan en pie contra la barbarie de Dacca
El presidente de la Comisión Episcopal Justicia y Paz dice a AsiaNews: “Condenamos, con todas la fuerza posible, el atentado perpetrado contra el local de la capital. Dios no tolera tales gestos. Ahora toca a los islámicos intervenir, para salvar el islam mismo”. Entre las víctimas hay nueve italianos, siete japoneses, una india y tres bangladesíes. El dolor del Papa Francisco: “Barbarie contra Dios y contra el hombre”.


17/03/2017 13:18:00 BANGLADESH
Militante bangladesí suicida en Irak. La familia: Había dicho que iba a rezar
Neaz Morshed Raja abandonó a su esposa y a sus pequeños hijos para ir a combatir por el Califato. Fue filmado en un video, poco antes de hacerse explotar en Tikrit. Su nombre había sido colocado en la lista de los jóvenes desaparecidos después del atentado en el café de Dacca.


05/08/2016 11:24:00 BANGLADESH
Confirmada la acusación de matanza para los autores intelectuales del atentado de Dacca
Hasnat Karim y Thamid Hasib ahora están encarcelados en régimen de custodia preventiva. Están acusados de haber dirigido el ataque al café del barrio diplomático de la capital. El primero es un ex –docente de una de la universidades privadas más prestigiosas de Dacca; el segundo escapó de Canadá el año pasado.


05/07/2016 14:40:00 BANGLADESH - ISLAM
La masacre de Dacca y la lección de Ratisbona entendida a medias
Los autores de la masacre eran “jóvenes fuera de sí” que después de vivir durante años en un confort y un bienestar, se convirtieron al islam radical. El islam moderado debe condenar al islam fundamentalista. Los musulmanes acusan a los imanes sin cultura que siembran el odio y el deprecio. Volver a comprender el discurso de Benedicto XVI para llevar a cabo un examen de conciencia de Occidente, que ha marginado a la religión por considerarla “irracional”. El Islam fundamentalista y un Occidente sin Dios se reclaman recíprocamente.


26/05/2017 12:23:00 BANGLADESH
Dacca, retirada la estatua de la justicia. Católicos preocupados por el destino de las estatuas cristianas
La escultura de la Señora de la Justicia fue considerada pagana y portadora de valores laicos. Se encontraba frente a la Corte Suprema. Inmediatamente atrajo críticas por parte de los radicales islámicos y los grupos terroristas. Los estudiantes universitarios desafían la remoción.

05/08/2016 08:15:00 BANGLADESH
Confermata l'accusa di strage per i due ideatori dell'attentato di Dhaka
Hasnat Karim e Tahmid Hasib sono ora rinchiusi in carcere in regime di custodia preventiva. Sono accusati di aver diretto l’attacco al caffè nel quartiere diplomatico della capitale. Il primo è un ex docente di una delle università private più prestigiose di Dhaka; il secondo è fuggito dal Canada lo scorso anno.


03/07/2016 09:02:00 BANGLADESH
Vescovo di Rajshahi: I musulmani si alzino in piedi contro la barbarie di Dhaka
Il presidente della Commissione episcopale Giustizia e pace ad AsiaNews: “Condanniamo con tutta la forza possibile l’attentato al locale della capitale. Dio non tollera gesti simili. Ora tocca agli islamici intervenire per salvare l’islam stesso”. Tra le vittime vi sono nove italiani, sette giapponesi, una indiana e tre bangladesh. Il dolore di papa Francesco: "Barbarie contro Dio e contro l'uomo".


05/07/2016 11:21:00 BANGLADESH-ISLAM
La strage di Dhaka e la lezione di Regensburg capita solo a metà
Gli autori del massacro, “giovani fuori controllo”, dopo anni di agi e benessere si sono convertiti all’islam radicale. L’islam moderato deve condannare l’islam fondamentalista. Musulmani puntano il dito contro gli imam senza cultura che seminano odio e disprezzo. Ricomprendere il discorso di Benedetto XVI per un esame di coscienza dell’occidente, che ha emarginato la religione come “irrazionale”. Islam fondamentalista e occidente senza Dio si richiamano a vicenda.


17/03/2017 12:11:00 BANGLADESH
Militante bangladeshi kamikaze suicida in Iraq. La famiglia: aveva detto che andava a pregare
Neaz Morshed Raja ha abbandonato moglie e figli piccoli per andare a combattere per il Califfato. È stato ripreso in un video, poco prima di farsi esplodere a Tikrit. Il suo nome era stato inserito nella lista dei giovani scomparsi dopo l’attentato al caffè di Dhaka.


07/07/2016 09:02:00 BANGLADESH
Bangladesh, bombe e sparatoria alla festa di Eid: quattro morti e sette feriti
Le bombe sono esplose contro un posto di blocco della polizia di fronte ad una scuola. A poca distanza erano radunate 200mila persone. Si tratta del secondo attacco terroristico in una settimana, dopo la strage di Dhaka. L’obiettivo sarebbe stato l’imam locale, noto per le sue idee liberali.