cuni Isaac immolatur, Agnus Paschæ deputatur

segnati BESTIA! ] Segno della Croce. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il Tuo nome venga il Tuo Regno sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, rimetti a noi i nostri debiti. come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male, Amen. Gloria al Padre Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.


                    Credo in un solo Dio, [[ questa è la nostra fede e questa è la FEDE della Chiesa! Su questa fede gli stolti fuROno buttati E ANNICHILITI nel baratro dell'INFERNO ] Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra,
di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore, Gesù Cristo,
unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli:
Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero,
generato, non creato, della stessa sostanza del Padre;
per mezzo di lui tutte le cose sono state create.
Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo,
e per opera dello Spirito Santo
si è incarnato nel seno della Vergine Maria
e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
mori e fu sepolto. Il terzo giorno è risuscitato,
secondo le Scritture, è salito al cielo,
siede alla destra del Padre.
E di nuovo verrà, nella gloria,
per giudicare i vivi e i morti,
e il suo regno non avrà fine.
Credo nello Spirito Santo,
che è Signore e dà la vita,
e procede dal Padre e dal Figlio.
Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato,
e ha parlato per mezzo dei profeti.
Credo la Chiesa,
una santa cattolica e apostolica.
Professo un solo Battesimo
per il perdono dei peccati.
Aspetto la risurrezione dei morti
e la vita del mondo che verrà. Amen.
Credo Apostolico Io credo in Dio, Padre onnipotente,
Creatore del cielo e della terra.
E in Gesù Cristo,
Suo unico Figlio, nostro Signore,
il quale fu concepito di Spirito Santo
nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso,
mori e fu sepolto; discese agli inferi;
il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo, siede alla destra
di Dio Padre onnipotente:
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
Credo nello Spirito Santo,
la santa Chiesa cattolica,
la comunione dei santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna.
Amen.

jewish temple III kingdom 16.06.2017 | Oltre 215 milioni di cristiani perseguitati (ancora sopravvissuti allo sterminio islamico-comunista), di cui 1 su 3, è perseguitato in maniera grave. Porte Aperte ha pubblicato un nuovo report relativo alla situazione delle persecuzioni a danno dei cristiani nel mondo.

‘Oh, me lo ha detto la voce durante la notte’ – la conversione di un giovane mulsumano, di Haiaty Varotto, Dick Eastman, direttore dell’agenzia missionaria Every Home Crusade (EHC) [Crociata Ogni Casa], riferisce qualcosa di quello che i componenti dello staff della EHC hanno sperimentato durante le loro uscite: Un uomo cercò di dare un opuscolo che parlava di Gesù a un passante in una città del Nord Africa. L’uomo fece a pezzi l’opuscolo e lo lanciò in faccia all’evangelista, e poi minacciò di ucciderlo.
Il giorno successivo, all’alba, l’evangelista fu svegliato da una bussata alla sua porta, e trovò il giovane Mussulmano che lo aspettava fuori. Ora egli voleva l’opuscolo che aveva fatto a pezzi il giorno precedente. Quando l’evangelista gli domandò come avesse trovato il suo indirizzo, l’uomo gli disse: ‘Oh, me lo ha detto la voce durante la notte’, e continuò a spiegare che ‘una voce senza un corpo’ gli disse che lui aveva fatto a pezzi la verità quando aveva distrutto l’opuscolo. La voce gli disse poi l’indirizzo dell’evangelista e gli disse che se lui avesse raccolto un altro opuscolo e avesse creduto in quello che esso conteneva, allora lui avrebbe avuto la vita eterna.
Il giovane Mussulmano decise felicemente di obbedire alla voce e di accettare Cristo; egli ha recentemente completato un corso Biblico di sei mesi e oggi è un missionario a pieno tempo.
[Tratto da: Dawn 1997, 24]

Maria non è una divinità, ma È UN POTENTE INTERCESSORE pieno di amore divino per tutti! Salve o Regina Madre di misericordia, vita, dolcezza, speranza nostra, salve. A te ricorriamo esuli figli di Eva:
a te sospiriamo gementi e piangenti
in questa valle di lacrime.
Orsù dunque avvocata nostra,
rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi
e mostraci dopo questo esilio Gesù,
il frutto benedetto del tuo seno.
O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria. Amen.
========
Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche
di noi che siamo nella prova,
ma liberaci da ogni pericolo,
o Vergine gloriosa e benedetta.
============
 “Portaci dove tendiamo, alla luce in cui tu abiti”, 
Il “pane degli angeli” ( “Panis Angelicus“) esprime la sorpresa del credente “servo, povero e umile” che nell’Eucaristia mangia il suo Signore. “Portaci dove tendiamo, alla luce in cui tu abiti”,   continua a farci emozionare ancora oggi di fronte alla grandezza dell’Eucaristia.

================

Pavarotti e Sting sorprendono con l’inno a Gesù Eucaristia, Panis Angelicus (Live). Luciano Pavarotti & Sting Luciano Pavarotti junto a Sting interpretan "Panis Angelicus". Ocurrió durante el primero de los conciertos de Pavarotti & Friends de Modena (Italia) el año 1992. Song " Caruso " performed by Luciano Pavarotti and Sting. It happened at the first of the Pavarotti & Friends concerts's from Modena (Italy), year 1992. https://youtu.be/ito14AL7-cQ Un'interpretazione emozionante della composizione poetica di San Tommaso d'Aquino
Uno dei più grandi tenori di tutti i tempi e una delle star mondiali del rock hanno unito le loro voci per cantare uno degli inni più poetici a Gesù presente nell’Eucaristia.
E il risultato è stato sorprendente. Da un lato Luciano Pavarotti, dall’altro Sting. Le parole furono composte nel XIII secolo da San Tommaso d’Aquino.
L’indimenticabile interpretazione ha avuto luogo nel primo concerto “Pavarotti & Friends”, tenutosi a Modena, città natale del tenore, nel 1992.
Il “pane degli angeli” ( “Panis Angelicus“) esprime la sorpresa del credente “servo, povero e umile” che nell’Eucaristia mangia il suo Signore. “Portaci dove tendiamo, alla luce in cui tu abiti”, pregavano in latino Pavarotti e Sting.
Pavarotti è morto nel 2007, ma in questo video continua a farci emozionare ancora oggi di fronte alla grandezza dell’Eucaristia.


Ricordati di noi, o piissima Vergine Maria
Memorare ( Ricordati, o piissima Vergine Maria,
che non si è mai udito al mondo
che alcuno sia ricorso alla tua protezione,
abbia implorato il tuo aiuto,
abbia chiesto il tuo soccorso,
e sia stato abbandonato.
Animato da tale fiducia,
a te ricorro, o Madre, Vergine delle vergini;
a te vengo, dinnanzi a te mi prostro, peccatore pentito.
Non volere, o Madre del Verbo,
disprezzare le mie preghiere,
ma ascoltami benevola ed esaudiscimi.
Amen.

Memorare ( Memorare, piissima Virgo Maria,
a saeculo non esse auditum
quemquam ad tua currentem praesidia,
tua implorantem auxilia,
tua petentem suffragia
esse derelictum.
Ego, tali animatus confidentia,
ad te, Virgo virginum Mater, curro;
ad te venio, coram te gemens, peccator, assisto.
Noli, Mater Verbi, verba mea despicere,
sed audi propitia et exaudi.
Amen.

    
Siria, inizio della fine della guerra
di sitoaurora

Moon of Alabama

Il cambiamento più importante degli ultimi giorni sono le forze governative siriane che da sud-est avanzano al confine iracheno. Il piano originale era liberare al-Tanaf a sud-ovest per assicurarsi alla frontiera l'autostrada Damasco-Baghdad. Ma al-Tanaf era occupata da invasori statunitensi, inglesi e norvegesi e dai loro ascari. I loro aerei attaccarono i convogli siriani in avvicinamento. Il piano statunitense era passare da al-Tanaf a nord del fiume Eufrate, per catturare e controllare tutto il sud-est della Siria. Ma Siria ed alleati hanno compiuto una mossa inattesa impedendo tale piano. Gli invasori furono esclusi dall'Eufrate dall'avanzata siriana da ovest ad est, al confine iracheno. Elementi iracheni delle Unità Militari Popolari del governo iracheno si muovono incontrando le forze siriane al confine. Gli invasori statunitensi sono ora in mezzo al deserto piuttosto inutile di al-Tanaf, dove la sola opzione è di morire di noia o tornare in Giordania, da dove sono venuti. L'esercito russo chiariva nettamente che sarebbe intervenuto se gli Stati Uniti attaccavano le linee siriane avanzando verso nord. Stati Uniti ed alleati non hanno alcun mandato in Siria innanzitutto. Non c'è alcuna giustificazione per attaccare le unità siriane. L'unica opzione è ritirarsi. La mossa degli Stati Uniti su al-Tanaf fu coperta dall'attacco dei fantocci statunitensi nel sud-ovest della Siria. Un grosso gruppo di "ribelli", comprendente al-Qaida e rifornito dalla Giordania, avanzava su Dara controllata dal governo siriano. Si sperava che l'attacco deviasse le forze siriane dall'avanzata verso est. Ma nonostante l'uso di attaccanti suicidi, l'assalto su Dara falliva davanti le forti difese delle forze siriane. Non suscitava la voluta deviazione. Le postazioni siriane a Dara furono rafforzate da unità provenienti da Damasco che ora attaccano i terroristi filo-statunitensi. Si avevano significativi progressi nei sobborghi meridionali di Dara e l'attacco dell'Esercito arabo siriano probabilmente continuerà fino al confine giordano.
I piani statunitensi in Siria meridionale, occidentale e orientale, sono ormai falliti. A meno che l'amministrazione Trump non sia disposta ad inviare altre forze avviando apertamente e illegittimamente la guerra al governo siriano e agli alleati, la situazione è contenuta. Le forze siriane liberano il territorio a sud, attualmente occupato dagli ascari statunitensi e da altri gruppi terroristici. A nord-ovest i gruppi taqfiri si concentrano attorno Idlib e a nord. Tali gruppi sono sponsorizzati da sauditi, qatarioti e turchi. La recente disputa tra Qatar e altri Stati del Golfo ha gettato nel caos Idlib. Gruppi sponsorizzati dai sauditi ora combattono i gruppi sponsorizzati da turchi e qatarioti. Tali conflitti coprono l'animosità tra al-Qaida e Ahrar al-Sham. Le forze governative siriane circondano la provincia e la Turchia nel nord ha chiuso il confine. I taqfiri ad Idlib si cucineranno nel loro brodo finché non saranno completamente esauriti. Infine le forze governative avanzeranno distruggendo ciò che ne resterà.Al centro della mappa le frecce dell'Esercito arabo siriano (rosso) puntano verso le aree desertiche detenute dallo SIIL che si ritira ad est (frecce nere). Muovendosi contemporaneamente da nord, ovest e sud, le forze governative siriane avanzano rapidamente per diversi chilometri ogni giorno. Nell'ultimo mese sono stati liberati 4000 kmq e oltre 100 insediamenti e città. In poche settimane avranno liberato tutte le aree (marrone) dello SIIL fino all'Eufrate e al confine siriano-iracheno. Mezzi gittaponte russi arrivano in Siria, necessari ad attraversare l'Eufrate e a liberare le aree a nord. Nel frattempo gli Stati Uniti sostengono le forze curde (frecce gialle) che attaccano Raqqa.
Il comando russo sostiene che curdi e Stati Uniti si sono accordati con lo SIIL per farne uscire i combattenti da Raqqa verso sud ed est. La rapida avanzata dei curdi verso la città conferma l'affermazione. Sembra che non ci sia resistenza dallo Stato islamico. Tutte le forze dello SIIL rimaste in Siria, provenienti da Raqqa e dalle aree desertiche, avanzano verso l'Eufrate e Dayr al-Zur. Vi sono più di 100000 civili filo-governativi e una guarnigione siriana da tempo circondati dallo SIIL. Gli assediati vengono riforniti via aerea. La guarnigione siriana ha respinto a lungo gli attacchi dello SIIL. Ma con migliaia di nuove forze dello Stato islamico che puntano sulla città, le truppe governative rischiano di essere sopraffatte. I rinforzi vanno inviati in città per respingere lo SIIL e impedire un grande massacro. L'alternativa migliore è per via terra. Ma l'Esercito arabo siriano è stato rallentato dai fantocci degli Stati Uniti a sud. Si prepara una nuova grande avanzata delle forze governative verso Dayr al-Zur. Si può solo sperare che arrivi in tempo.
Gli ascari di Qatar, Arabia Saudita e Turchia, diretti dalla CIA, hanno condotto una guerra lunga sei anni contro la Siria e il suo popolo. Con Qatar e Turchia ora opposti a sauditi e alleati statunitensi, la banda che attaccava la Siria sbanda. Lo Stato islamico viene velocemente ridotto e sconfitto. Il tentativo statunitense di avanzare a sud è stato sventato. A meno che gli Stati Uniti non cambino e attacchino massicciamente la Siria con il proprio esercito, la guerra contro la Siria è finita. Molte aree vanno ancora liberate. Gli attentati nel Paese continueranno per diversi anni. Le ferite richiederanno decenni per guarire. Negoziati dovranno tenersi sulle aree del nord controllate da Turchia e Stati Uniti. Dovranno essere raggiunti ulteriori sistemazioni, ma la guerra su larga scala contro la Siria è finita. Nessuno ha vinto nulla. I curdi, che per ora sembravano i soli vincitori, hanno appena gettato via le loro vittorie. Le forze curde delle YPG hanno commesso l'errore di chiedere apertamente sostegno all'Arabia Saudita. Gli anarco-marxisti delle YPG, che mostrano sempre con orgoglio il loro femminismo, si avvicinano all'improvviso ai mezzani wahhabiti medievali, rovinandosi l'immagine di forza progressista di sinistra. Tale mossa rafforzerà opposizione e ostilità da Turchia, Siria, Iraq e Iran. Tutti i progressi politici ottenuti in guerra mantenendo una stretta neutralità tra "ribelli" e governo siriano, sono ora in pericolo. La mossa è una follia. La zona curda è completamente circondata da forze più o meno ostili. Il sostegno statunitense o saudita all'enclave curda chiusa e circondata non è sostenibile alla lunga. I curdi hanno quindi dimostrato di essere i peggiori nemici del tentativo di avere uno Stato curdo (semi)sovrano. Saranno ricacciati nelle loro aree di origine, rientrando nello Stato siriano.

"BLITZ" DI NOI CON SALVINI AL CARA DI BARI - PALESE [ TRA POCO: PROSSIMAMENTE ] La portavoce cittadina di Bari del Movimento Noi con Salvini Anna Rita Tateo ed il coordinatore regionale Rossano Sasso annunciano per questa mattina, venerdì 16 giugno alle ore 11 una visita al Cara di Bari - Palese.
"Dopo i numerosi episodi di cronaca - dichiara Rossano Sasso - e le numerose violenze perpetuate nelle ultime settimane dagli ospiti del Cara stesso, tra cui un omicidio e due tentati omicidi, decine di risse e diverse aggressioni ai danni di poliziotti e operatori, è giunto il momento di vedere in prima persona cosa succede lì dentro, quali sono le condizioni in cui vivono gli immigrati, quanti sono, da dove vengono e cosa fanno tutto il giorno, e se è vero che fuggono da guerre, per quale motivo poi la guerra ce la portano in città e all'interno della struttura che li accoglie".
Appuntamento alle ore 11 al Cara di Bari - Palese.
[09:35, 16/6/2017]****: Bisogna uccidere gli islamici ingozzandoli di mortadella: Bestie di satana                       
[09:43, 16/6/2017] ++++: io appartengo a "Osservatorio Martirio dei Cristiani" da circa 30anni, cioè molto prima che la CIA e i Sauditi inventassero e finanziassero al-Qaeda, telebani, e tutta la Galassia jihadista: insieme alla complicità dei sauditi! come da indagine Antonio SOCCI: rapporto sul martirio nel XXsecolo, si uccidevano legalmente nella LEGA ARABA 300 martiri cristiani ogni giorno, stupri, rapimenti, ecc.. non si possono contare! .. i nostri musulmani non sono cattivi e non sarebbero un problema se i nostri politici massoni del PD non fossero il regime Rothschild Bilderberg! [ per 10 bambini musulmani? il passo verso shariah poligamia? è breve! ] Niente pane e mortadella: in una scuola italiana il divieto imposto dagli islamici, Niente pane e mortadella: in una scuola italiana il divieto imposto dagli islamici giovedì 15 giugno 2017 - La follia non ha limiti e la vicenda del panino con la mortadella “pericoloso” perché turberebbe la sensibilità dei bimbi islamici grida vendetta.

 Lauda Sion ( Lauda sion (Italiano) Sion ), loda il Salvatore, la tua guida, il tuo pastore con inni e cantici. Impegna tutto il tuo fervore: egli supera ogni lode, non vi è canto che sia degno. Pane vivo, che dà vita: questo è tema del tuo canto, oggetto della lode. Veramente fu donato agli apostoli riuniti in fraterna e sacra cena. Lode piena e risonante, gioia nobile e serena sgorghi oggi dallo spirito. Questa è la festa solenne nella quale celebriamo la prima sacra cena. E il banchetto del nuovo Re, nuova, Pasqua, nuova legge; e l'antico è giunto a termine. Cede al nuovo il rito antico, la realtà disperde l'ombra: luce, non più tenebra. Cristo lascia in sua memoria ciò che ha fatto nella cena: noi lo rinnoviamo, Obbedienti al suo comando, consacriamo il pane e il vino, ostia di salvezza. È certezza a noi cristiani: si trasforma il pane in carne, si fa sangue il vino. Tu non vedi, non comprendi, ma la fede ti conferma, oltre la natura. È un segno ciò che appare: nasconde nel mistero realtà sublimi. Mangi carne, bevi sangue; ma rimane Cristo intero in ciascuna specie. Chi ne mangia non lo spezza, né separa, né divide: intatto lo riceve. Siano uno, siano mille, ugualmente lo ricevono: mai è consumato. Vanno i buoni, vanno gli empi; ma diversa ne è la sorte: vita o morte provoca. Vita ai buoni, morte agli empi: nella stessa comunione ben diverso è l'esito! Quando spezzi il sacramento non temere, ma ricorda: Cristo è tanto in ogni parte, quanto nell'intero. È diviso solo il segno non si tocca la sostanza; nulla è diminuito della sua persona. Ecco il pane degli angeli, pane dei pellegrini, vero pane dei figli: non dev'essere gettato. Con i simboli è annunziato, in Isacco dato a morte, nell'agnello della Pasqua, nella manna data ai padri. Buon pastore, vero pane, o Gesù, pietà di noi: nutrici e difendici, portaci ai beni eterni nella terra dei viventi. Tu che tutto sai e puoi, che ci nutri sulla terra, conduci i tuoi fratelli alla tavola del cielo nella gioia dei tuoi santi. Amen. Lauda sion (Latino) Lauda Sion Salvatorem, lauda ducem et pastorem, in hymnis et canticis. Quantum potes, tantum aude: quia major omni laude, nec laudare sufficis, laudis thema specialis, panis vivus et vitalis hodie proponitur. Quem in sacræ mensæ coenæ, turbæ fractrum duodenæ datum non ambigitur. Sit laus plena, sit sonora, sit jucunda, sit decora mentis jubilatio. Dies enim solemnis agitur, in qua mensæ prima recolitur Hujus institutio. In hac mensa novi Regis, novum Pascha novæ legis, phase vetus terminat. Vetustatem novitas, umbram fugat veritas, noctem lux eliminat. Quod in coena Christus gessit, faciendum hoc expressit in sui memoriam. Docti sacris institutis, panem, vinum in salutis consecramus hostiam. Dogma datur christianis, Quod in carnem transit panis, Et vinum in sanguinem. Quod non capis, quod non vides, animosa firmat fides, Præter rerum ordinem. Sub diversis speciebus, signis tantum, et non rebus, latent res eximiæ. Caro cibus, sanguis potus: manet tamen Christus totus sub utraque specie. A sumente non concisus, non confractus, non divisus: integer accipitur. Sumit unus, sumunt mille: quantum isti, tantum ille: Nec sumptus consumitur. Sumunt boni, sumunt mali: sorte tamen inæquali, vitæ vel interitus. Mors est malis, vita bonis: Vide paris sumptionis quam sit dispar exitus. Fracto demum sacramento, ne vacille, sed memento tantum esse sub fragmento, Quantum tot tegitur. Nulla rei fit scissura: Signi tantum fit fractura, qua nec status, nec statura signati minuitur. Ecce Panis Angelorum, factus cibus viatorum: vere panis flliorum, non mittendus canibus. In figuris præsignatur, cuni Isaac immolatur, Agnus Paschæ deputatur, datur manna patribus. Bone pastor, panis vere, Jesu, nostri miserere: Tu nos pasce, nos tuere, tu nos bona fac videre in terra viventium. Tu qui cuncta seis et vales, qui nos pascis hic mortales: Tuos ibi commensales, coheredes et sodales fac sanctorum civium. Amen. Angelus Domini L'Angelo del Signore portò l'annuncio a Maria ed Ella concepì per opera dello Spirito Santo Ave Maria... Eccomi, sono la serva del Signore si compia in me la Tua parola Ave Maria... E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi Ave Maria... Prega per noi Santa Madre di Dio perché siamo fatti degni delle promesse di Cristo. Preghiamo. Infondi nel nostro spirito la Tua grazia o Signore Tu che nell'annunzio dell'angelo ci hai rivelato l'incarnazione del Tuo Figlio per la Sua passione e la Sua croce guidaci alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore. Amen Tre Gloria



Home
+Preghiere principali
+Preghiere allo Spirito Santo
+Preghiere devozionali
+Adorazione eucaristica
+Rosario completo
Preghiera per la Vita
+A Dio piace
+Verita' principali della fede cristiana
+Norme fondamentali di vita cristiana
+L'imitazione di Cristo
Pensieri dei Santi
piccola GUIDA per chi guida


venerdì 16 giugno 2017





Gelsomino Del Guercio
Esorcismi, trinità, adulazione: lo “strano” culto degli Araldi del Vangelo


Introvigne, uno dei massimi esperti sull’associazione: il pensiero del loro fondatore è stato deformato


Continua a leggere




Zachary Krueger
La serata di poker di vostro marito potrebbe salvare il vostro matrimonio


I luoghi in cui gli uomini sono uomini e forgiano amicizie stanno scomparendo, e questo danneggia i rapporti


Continua a leggere



Robert Cheaib
In dialogo con l’esorcista


Intervista a don Paolo Morocutti, teologo e insegnante di esorcisti


Continua a leggere



Jesús Colina
Pavarotti e Sting sorprendono con l’inno a Gesù Eucaristia


Un'interpretazione emozionante della composizione poetica di San Tommaso d'Aquino


Continua a leggere


Lucandrea Massaro
Da manager a sposa di Cristo


Il ritiro dal mondo di una giovane professionista che sceglie di …



Figlia di cuore
Avete mai sentito paragonare l’adozione di un bambino a quella di un cane?


Una donna adottata …




Robert Kurland
Uno scienziato può essere cattolico? Una storia di conversione


Un fisico racconta come ha trovato la fede





Gelsomino Del Guercio
Si possono sposare insieme cattolici e musulmani? Si, ma a queste condizioni


Il percorso di discernimento va a buon fine se c'è un profondo rispetto delle rispettive fedi





J.P. Mauro
La potenza del Suo amore è molto più grande di quanto riconosciamo


Matt Maher ci ispira con la sua "Rise Up"





Miguel Pastorino
Vangeli apocrifi: la Chiesa ha nascosto gli insegnamenti di Gesù?


Il criterio per considerare i Vangeli canonici non era il capriccio di un'élite, ma il serio riconoscimento di un'origine legata a un …





Kvooka
I neuroscienziati scoprono una canzone capace di ridurre l’ansia nel 65% dei pazienti


Una risorsa semplice da tenere nel cellulare





Aleteia
Filippine: scrittore musulmano ha salvato 64 cristiani perseguitati dagli islamisti


Rischiando la propria vita, Noor Lucman ha nascosto in casa sua decine di operai, vittime di una persecuzione …





Bem Mais Mulher
Chi piange guardando un film è psicologicamente più forte


Un'esperta spiega che le persone che lo fanno in genere hanno più successo a livello sociale



Copyright © 2017 Aleteia SAS, tutti i diritti riservati






Gentile sostenitore,


alcuni giorni fa l’organizzazione internazionale Porte Aperte ha pubblicato un nuovo report relativo alla situazione delle persecuzioni a danno dei cristiani nel mondo.



I dati che vengono comunicati sono decisamente allarmanti: oltre 215 milioni i fedeli perseguitati, di cui 1 su 3 in maniera grave!



Oltre 215 milioni di uomini e donne, padri, madri, figli, famiglie intere, come la mia e la tua, che nella loro quotidianità vengono aggrediti, discriminati, subiscono ingiurie e violenze per il solo fatto di credere in Gesù Cristo!



Questo è inaccettabile! Riesci anche solo ad immaginare la tua quotidianità, le tue speranze, i tuoi sogni per il futuro infrangersi contro un odio religioso senza senso?



Tra i tanti dati, vorrei condividerne alcuni con te.



La situazione in Siria e in Iraq, come purtroppo ben sappiamo, è molto critica; in questi paesi si stima che tra il 50% e l’80% della popolazione cristiana sia emigrata dal 2011 ad oggi e il sentimento più diffuso è quello di non tornare nelle proprie terre al termine del conflitto.



Se però della situazione medio orientale siamo in qualche modo abituati a sentirne parlare, differente è per la condizione di migliaia di cristiani in Asia!



In numerosi Paesi asiatici infatti (India, Laos, Bangladesh, Bhutan solo per citarne alcuni) il fenomeno del nazionalismo religioso si sta diffondendo rapidamente e su questo terreno nasce e si sviluppa la persecuzione contro i cristiani.



Infine per il quindicesimo anno consecutivo la Corea del Nord si afferma come la Nazione con il più alto tasso di persecuzione anticristiana al mondo!



Si stima infatti che vi siano tra i 50 e i 70 mila cristiani reclusi in campi di rieducazione, molto simili ai lager nazisti.



Questi drammatici dati ci dicono chiaramente che è necessario lavorare molto per fermare le persecuzioni contro i cristiani nel mondo!



Dobbiamo portare loro conforto e aiuti concreti – ovvero continuare sulla strada già intrapresa dall’Osservatorio sulla Cristianofobia, con l’aiuto di sostenitori come te – ma allo stesso tempo sensibilizzare l’opinione pubblica per far emergere quella che è una vera e propria strage silenziosa, perché troppo spesso taciuta dai media e dalla politica!



Insieme, se potrò contare ancora anche sul tuo aiuto, continueremo a impegnarci per fermare le persecuzioni anticristiane in tutto il mondo! Insieme possiamo veramente fare la differenza!


Il mio sostegno all'Osservatorio sulla Cristianofobia!


Non dimentichiamoci dei nostri fratelli perseguitati! Facciamo tutto quello che è in nostro potere per difendere la libertà religiosa di ogni cristiano nel mondo!



Grazie!



Un caro saluto,





Silvio Dalla Valle

Responsabile Campagna Osservatorio sulla Cristianofobia



Grazie al sostegno dei suoi benefattori, l’Osservatorio sulla Cristianofobia continua il suo impegno di monitoraggio e di denuncia in difesa dei cristiani perseguitati.



Una tua libera donazione sosterrà le attività dell’Osservatorio sulla Cristianofobia a tutela dei cristiani in difficoltà!


Fai la tua donazione!



Osservatorio sulla Cristianofobia

Your Gift of Hope today can protect, disciple, train and provide for persecuted believers!




View this email in your browser






Dear Mr Scarola,

Many persecuted believers are forced to flee their homes and livelihoods every single day. And without basic necessities like shelter, food and safety, their faith can begin to falter.






But you could be the answer to their prayers with your Gift of Hope this month!




Help provide emergency shelter, a microloan to begin a new livelihood, and much-needed biblical discipleship. Give your Gift of Hope today!




Together in His service,

Jan Gouws
Executive Director, Open Doors Southern Africa






Please use your Open Doors Donor Number: EG1706/0319660 when completing the online form.

If you would like to make a donation via EFT (Electronic Fund Transfer) please see our banking details below:
Open Doors Southern Africa
ABSA - Northcliff (632005)
Acc. nr. 160340568 (Current/Cheque)

Nedbank Business Account (198765)
Open Doors-Geopende Deure
Acc. nr. 113 750 4552

Open Doors Donor Number: EG1706/0319660 when making an EFT donation.




Copyright © 2017 Open Doors Southern Africa, All rights reserved.

You are receiving this email because you opted in on our Open Doors website or at an Open Doors meeting.




Our mailing address is:

Open Doors Southern Africa

P O Box 1771

Cresta

Johannesburg, Gauteng 2118

South Africa