LA DITTATURA OMOSESSUALISTA




Google+




Google+


121.752

Già iscritto









Commenti • 2.161


Aggiungi un commento pubblico...







SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
in questo modo la CIA può portare sull'altare di Satana, molte persone impunemente! Cambiare nome, cambiare città, cambiare lavoro e lasciarsi il passato alle spalle. Li chiamano "evaporati", e sono migliaia a fare questa scelta ogni anno: Giappone, dove cancellare l’identità è un business. Chi sono gli EVAPORATI! http://www.fanpage.it/giappone-dove-cancellare-l-identita-e-un-business-chi-sono-gli-evaporati/







SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
Turkmenistan’s secret additions to already restrictive Religion Law. May 18, 2017 By World Watch Monitor Azerbaijan, Central Asia, Gurbanguly Berdymukhamedov, Islam. Turkmenistan President Gurbanguly Berdymukhamedov during a 2015 visit to Afghanistan. (Photo by Haroon Sabawoon/Anadolu Agency/Getty Images) It’s been over a year since the Central Asian state of Turkmenistan added further restrictions to its Religion Law, but the changes were introduced in such secrecy that few knew about them until well after the event. It wasn’t until January this year that regional news agency Forum 18 shed some light on the changes, which will mostly affect smaller religious denominations, such as Evangelical churches. The most significant change is the need for all religious groups to re-register by providing the full names, addresses and dates of birth of at least 50 members. (It used to be five.) Rolf Zeegers, regional analyst for the charity Open Doors, says that although the requirement for churches to register is “nothing new”, some churches will find it “as good as impossible” to find 50 signatories. “There will be churches that will find it as good as impossible to produce 50 people willing to openly support the religious community. This will immediately put them on the radar of the authorities and will undoubtedly result in surveillance by the secret police.” Rolf Zeegers, Open Doors “Practically all countries in Central Asia require registration with the authorities before religious communities can function,” he says. “All unregistered communities are strictly illegal.” However, he adds: “This doesn’t mean they don’t exist: all over Central Asia there are secret house churches. If the authorities learn about them, they will be raided, while those present will be interrogated, detained (for a short period) and fined. “What is new for Turkmenistan is the obligation for religious communities already registered to apply again, but now under much more difficult stipulations. There will be churches (especially the smaller ones) that will find it as good as impossible to produce 50 people willing to openly support the religious community. This will immediately put them on the radar of the authorities and will undoubtedly result in surveillance by the secret police.” According to official government figures from November 2016, Turkmenistan has 19 registered churches – 13 Russian Orthodox and one each from the Catholic, Baptist, Pentecostal, Greater Grace, Seventh-Day Adventist and New Apostolic denominations. (There are 106 registered Muslim groups – 101 Sunni and five Shia). Turkmenistan’s President meets the Armenian Apostolic Church leader, Catholicos Garegin II, during a visit to Armenia in 2012. The new law was officially introduced on 12 April 2016, after the President, Gurbanguly Berdymukhamedov, said there was a need to introduce legislation to combat a global rise in terrorism and religious extremism. The draft of the law had been unanimously adopted, in secret, two weeks earlier. According to Forum 18, the Turkmen government “totally ignored” the recommendations of a detailed 2010 OSCE legal review of the previous Religion Law. OSCE had called for many changes to bring the law into line with international human rights standards and obligations, including an end to state control, the ban on unregistered religious activity, and the ban on conscientious objection to military service. “The introduction of the new Religion Law was achieved in secrecy, but now the details have become available to the world,” says Open Doors’ Zeegers. “What we see is that the government is by no means relaxing its grip on society. Despite being urged to implement improvements to its legislation by the OSCE and others, the government has begged to differ. Instead, it seems that the Turkmen government has decided to tighten the screws.” He says Turkmenistan is following the example of its neighbour on the other side of the Caspian Sea, Azerbaijan, which insists that all churches apply for new registration every seven or eight years. “A much more restrictive law was passed that follows the example set by Azerbaijan and that has enabled the government there to bring down the number of registered religious communities,” says Zeegers. “There is no doubt that the Turkmen government has exactly the same goal in mind: fewer and fewer registered communities. It can hardly be coincidence that each time fewer churches manage to get the new registration. During the latest cycle, all churches and religious groups were required to renew their registration by 1 January 2010, but since that date no new churches have been able to register.” As Forum 18 noted, Azerbaijan’s re-registration process has “almost ground to a halt, leaving many re-registration applications unanswered. Some religious communities have found that compulsory re-registration has meant de-registration. For example, the Baptist Union had 10 registered congregations in 1992. After compulsory re-registration in 1994 it was six. After compulsory re-registration in 1999 it was two. By 2009 – before the latest round of compulsory re-registration – the Union had been able to register three congregations, in Baku, Sumgait and Gyanja. Now it has no registered congregations, as all seven congregations which lodged applications – which they have repeatedly done – have received rejections.” Zeegers concludes: “For Christians in Turkmenistan the situation will become even more problematic than it already is now. More and more of them won’t be able to go to openly registered, official, churches. And when they go to unregistered churches, they will have to count on possible dire consequences.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba2 secondi fa
qui mi hanno cancellato il commento dopo 5 minuti, quindi è stato fatto intenzionalmente da un operatore della CIA! http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2017/05/24/iraqamnesty-sparite-1-mld-dlr-armi-usa_66ca69af-b425-4dcf-a2d7-67fdcb1b3504.htmlla CIA 666 UK NWO la devono smettere di fingere di essere gli idioti! Le forze armate Usa non sono riuscite a mantenere adeguatamente le tracce di centinaia di veicoli militari (humvee), di decine di migliaia di fucili e di altri pezzi di equipaggiamenti militare mandati in Iraq per armare l'esercito governativo, le milizie sciite e i peshmerga curdi, per un totale di oltre un miliardo di dollari. Lo rivela un controllo governativo iracheno del 2016 ottenuto e diffuso da Amnesty International (Ai), scrive il Wp. Un audit del 2015 aveva evidenziato gli stessi problemi, compresa la quasi totale assenza di una registrazione da parte di Baghdad. Il materiale bellico era stato fornito nell'ambito dell'Iraq Train and Equip Fund, un programma per sostenere l'esercito iracheno a combattere l'Isis. Il timore è che parte delle forniture possa essere finite nelle mani sbagliate.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
la CIA 666 UK NWO la devono smettere di fingere di essere gli idioti! Le forze armate Usa non sono riuscite a mantenere adeguatamente le tracce di centinaia di veicoli militari (humvee), di decine di migliaia di fucili e di altri pezzi di equipaggiamenti militare mandati in Iraq per armare l'esercito governativo, le milizie sciite e i peshmerga curdi, per un totale di oltre un miliardo di dollari. Lo rivela un controllo governativo iracheno del 2016 ottenuto e diffuso da Amnesty International (Ai), scrive il Wp. Un audit del 2015 aveva evidenziato gli stessi problemi, compresa la quasi totale assenza di una registrazione da parte di Baghdad. Il materiale bellico era stato fornito nell'ambito dell'Iraq Train and Equip Fund, un programma per sostenere l'esercito iracheno a combattere l'Isis. Il timore è che parte delle forniture possa essere finite nelle mani sbagliate.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
love 666 lovehttp://uniusreiorwarw666imf.blogspot.com/2017/05/love-666-love.html love 666 lovehttps://cecchinospadaccino.wordpress.com/2017/05/25/love-666-love love 666 lovehttp://noahnephilim.altervista.org/love-666-love/







SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
qui come lorenzoJHWH mi hanno cancellato un commento unico! ] se le proteste diventano violente? questa è sedizione e GOLPE della CIA e Regime Bilderberg contro il Governo legittimo! chi PD o chi altro ha insEgnato ai giovani a protestare in modo violento? NON DEVE MAI PIù AVVENIRE QUELLO CHE, NOI ABBIAMO VISTO AVVENIRE A MAIDAN PER COLPA DELLA MERKEL! Venezuela, procura accusa: 'Lacrimogeno uccise studente'Ortega Diaz smentisce governo, 'ucciso da granata lacrimogena'









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
se le proteste diventano violente? questa è sedizione e GOLPE della CIA e Regime Bilderberg contro il Governo legittimo! chi PD o chi altro ha insgnato ai giovani a protestare in modo violento? NON DEVE MAI PIù AVVENIRE QUELLO CHE, NOI ABBIAMO VISTO AVVENIRE A MAIDAN PER COLPA DELLA MERKEL! Venezuela, procura accusa: 'Lacrimogeno uccise studente'Ortega Diaz smentisce governo, 'ucciso da granata lacrimogena' http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/05/24/venezuela-lacrimogeno-uccise-studente_0704f7a2-4c41-4adb-bdd4-07676ef182e0.html









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
Quando smetterà l'Europa di negare il terrorismo islamico? 24.05.2017 Dopo l'attacco terroristico a Manchester la stampa americana scrive: l'Europa ha costantemente negato la minaccia del terrorismo islamico e questo limita le possibilità per risolvere il problema del radicalismo. I giornali europei chiedono di coinvolgere le comunità musulmane e avere più poliziotti in strada, ma di non "spazzare via i preziosi valori democratici della società". Il terrorista di nuovo si è rivelato essere "un musulmano, nato nel Regno Unito, che si è radicalizzato godendo al tempo stesso delle libertà della società occidentale", scrive il Wall Street Journal. Il giornale invita le autorità a risolvere il problema del terrorismo "lì dove ha le sue radici, nelle comunità musulmane che vivono in isolamento dal resto della società nelle grandi città come Manchester, Parigi e Bruxelles". "I musulmani devono assumersi la responsabilità di eliminare i radicali del loro ambiente" scrive il giornale osservando che il fallimento dell'integrazione dei musulmani è una minaccia mortale per l'Europa. "Come rispondere al terrore: essere Manchester" così si intitola un commento editoriale del The Guardian. Nota il giornale: Manchester non ha mai avuto paura di sfidare verità. Il Guardian sottolinea l'importanza di coesione di fronte agli attacchi terroristici: agli abitanti della città è stato permesso di dormire da sconosciuti, i tassisti e gli hotel hanno lavorato gratis. Il giornale consiglia i politici britannici di essere attenti durante l'applicazione di "misure estreme che renderanno più facile il lavoro ai terroristi". "Abbiamo bisogno di operazioni mirate di polizia, finalizzate contro obiettivi di sospetti, ma non misure estreme", si legge nell'articolo. "Il Paese, spinto da paranoia e paura, prende le decisioni sbagliate. I terroristi non saranno in grado con i loro sanguinosi atti di cambiare il nostro stile di vita. E anche noi non dobbiamo cambiarlo per compiacerli, dimenticando i valori che hanno caratterizzato il nostro paese, quei valori, che sono stati ritrovati a Manchester", conclude il quotidiano. "Quando i terroristi mirano ai bambini". Questo è il titolo dell'editoriale del New York Times. Il giornale invita a rendersi conto che le esplosioni a Manchester, in cui sono morti soprattutto i bambini e gli adolescenti, sono il tentativo di provocare nei paesi occidentali "una forte sete di vendetta e un desiderio di assoluta sicurezza, che spazzerà via i preziosi valori democratici e sociali". "Lo Stato Islamico vuole vedere le democrazie occidentali prendere in prestito la loro selvaggia versione della guerra santa contro i musulmani, gli immigrati recenti e altri". Lo sostengono gli autori dell'articolo, sottolineando che non è possibile dare etichette negative a tutti gli immigrati, soprattutto i musulmani. "L'ISIS e le organizzazioni concorrenti, la più grande delle quali è Al-Qaeda, è una setta di adoratori della morte, i loro metodi sono assolutamente impensabili, la loro ideologia distorce la religione rendendola irriconoscibile" scrive il britannico The Times. Secondo il giornale, la civiltà è in grado di vincere la guerra asimmetrica contro questi gruppi. Le tre principali armi della civiltà sono "l'intelligence, che scrupolosamente raccoglie dati dei servizi segreti", "lo stoicismo dei cittadini, che non si fanno intimidire", "il solido impegno a proteggere oggetti di valore dagli odiosi i terroristi". "Alla fine solo la tolleranza vincerà la banalità del fondamentalismo, l'apertura garantisce che gli estremisti non avranno nessun posto per nascondersi", conclude il quotidiano. "Il sanguinoso attentato a Manchester attira l'attenzione e le critiche degli analisti in materia di lotta al terrorismo: l'Europa ha costantemente negato la minaccia del terrorismo islamico", scrive sul Washington Times Rowan Scarborough. Ad esempio, il sindaco di Londra Khan dichiara che il terrorismo è parte della vita della città. "La classe politica nega la situazione, e questo è limita la possibilità dei professionisti nel campo della sicurezza per risolvere il problema del radicalismo nostrano, delle reclute dei terroristi" ha detto Michael Rubin, analista del American Enterprise Institute, a Washington. "Il ritorno di militanti dell'IS può solo aggiungere benzina sul fuoco, i leader europei sono troppo timidi per metterli in galera e buttare via la chiave. L'Europa è il terreno fertile, pronto per l'incremento del radicalismo". Il primo ministro britannico, Theresa May, dopo l'attacco sul ponte di Westminster, il 22 marzo ha compiuto il massimo sforzo per evitare di parlare delle sue motivazioni, si legge nell'articolo. Secondo Robert Spencer, capo del progetto di ricerca Jihad Watch, la mancanza di spiegazioni è sintomatica. "Theresa May ha detto dopo l'attacco jihadista a Manchester, che la Gran Bretagna saprà combattere contro l'ideologia che porta a questi attacchi, dice Spencer. Ma lei non sa nemmeno che cos'è, e non avrebbe ammesso di saperlo, perché è radicata nell'islam. La negazione delle minacce prevale in tutta Europa. Gli europei continuano a ospitare un gran numero di musulmani che fanno finta di non portare la jihad, caos e spargimento di sangue per se stessi e i loro figli. Ma è esattamente così". Larry Johnson, un ex dipendente del dipartimento di Stato USA per combattere il terrorismo, ha criticato il governo britannico perché per strada quasi non si vede la polizia; secondo lui, contano su informatori nel quartiere musulmano e il monitoraggio del servizio di sicurezza interna MI-5. "Nel tentativo di essere il più aperti e leali, hanno in realtà creato il problema, ottenendo un enorme sottocultura estera a Londra", ha detto Johnson. L'espero di terrorismo Peter Neumann, del King's college di Londra, in un'intervista a Bild ha detto che la scelta delle vittime per l'attacco al concerto della cantante pop statunitense Ariana Grande è la prova del "nuovo livello: i terroristi hanno volutamente attaccato ragazze di 13 anni". "L'IS crea il panico" ritiene l'esperto. La responsabilità per l'attentato che ha ucciso 22 ragazze e ferito circa 60 persone, l'ha rivendicato l'IS, tuttavia, "non è chiaro quanto l'esecutore dell'attentato terroristico sia stato associato con l'ISIS. "Abbiamo la rivendicazione dell'ISIS, ma non sappiamo se è stato un lupo solitario o era controllato, forse, addestrato dall'ISIS" ha detto Neumann. "Presto la sconfitta dell'IS in Siria e in Iraq potrebbe aumentare ulteriormente il pericolo terroristico" prevede l'esperto. Il consigliere dei servizi segreti israeliani Arie Shalikar ritiene che "l'Europa è troppo lenta e troppo schizzinosa in materia di lotta al terrorismo". "L'Europa, e in particolare la Germania, devono fare molto di più. Il terrorismo si sviluppa e abbiamo bisogno di adattarci", ha detto. In un'altro articolo Bild segnala, riferendosi al rapporto dei servizi segreti europei, che a partire da aprile 2017, 6,66 milioni di rifugiati nei paesi del Mediterraneo sono in attesa di proseguire il viaggio verso l'Europa. Circa 3,3 milioni di rifugiati che vogliono entrare in Europa, si trovano in Turchia, 720 mila in Giordania, circa 1 milione in Egitto e Libia. A 80mila è bloccato l'accesso sulla "rotta balcanica", 62mila sono in Grecia. "I funzionari americani criticano quelli che hanno diffuso informazioni sull'identità dell'attentatore a Manchester prima che il suo nome sia stato ufficialmente dichiarato dalla polizia britannica" sottolineano i corrispondenti del Guradian. Il nome di Salman Abedi è stato diffuso dai media che hanno citato "funzionari americani", anche se i colleghi britannici hanno tenuto la bocca chiusa". "Questa divulgazione di informazioni ha rinnovato i timori di perdite di notizie, da parte dell'amministrazione di Donald Trump, solo dopo due settimane che il presidente americano ha rivelato informazioni segrete al ministro degli Esteri russo durante un incontro alla casa Bianca. I critici avvertono che, forse, in futuro gli alleati degli USA saranno meno disposti a condividere informazioni ", si legge nell'articolo.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
i massoni avendo giurato per MORGAN Rochefeller, ecc.. nella MASSONERIA, sono già di per se, un alto tradimento costituzionale (il signoraggio bancario SpA Golpe) contro il popolo e il suo governo eletto! QUINDI NON UBBIDISCONO al GOVERNO! E QUESTO è IL PROBLEMA di Donald TRUMP! RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2017/05/24/brasile-temer-militari-contro-proteste_f35dea2a-a61e-4497-8f61-65cfe40b9681.html









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici, I legami tra omosessualismo* e pedofilismo sono molteplici, chiari ed evidenti. Il fatto che oggigiorno non se ne possa parlare, pena l’essere immediatamente accusati di omofobia, minacciati di querela, additati come catto-integralisti (quando va bene) è sintomatico. Alessandro Benigni 05/02/2017 Community, Generale ... * omosessualismo: non è un sinonimo di “omosessualità” o di “omosessuali”. Non tutti gli omosessuali sono omosessualisti, e men che meno tutti gli omosessualisti sono omosessuali. Per “omosessualismo” intendiamo riferirci a quella posizione ideologica che pretende di piallare la realtà, annullando le differenze reali su un piano astratto, per poi farle ricadere nuovamente sul piano concreto, sostenendo per esempio che l’omosessualità è normale tanto quanto l’eterosessualità, che una coppia same-sex è eo ipso famiglia e pertanto dev’essere giuridicamente riconosciuta e tutelata in quanto tale, così come famiglia sarebbe del resto qualsiasi gruppo sociale, più o meno variamente e numericamente composto, o che uomini e donne sono “uguali” e pertanto ne consegue che ad un bambino non importa avere entrambi i genitori, padre e madre, ma possono andare benissimo due uomini o due donne, o anche “diciotto genitori”, come sosteneva la leader delle “famiglie arcobaleno”, Giuseppina La Delfa. Omosessualismo è in questo senso un sinonimo di ideologia gender, il cui senso ultimo è piegarsi di fronte alla Tecnica, mercificare l’essere-umano, degradandone la dignità anche mediante il passaggio dalla generazione alla progettazione e quindi alla fabbricazione, ridurre l’atto generativo ad un incontro asettico tra ovulo e spermatozoo, operato per via medicale e laboratoriale, consentire la vendita o la cessione di bambini (come se fosse un atto d’amore da parte degli adulti e non la cancellazione brutale dei diritti del bambino), pretendere che per soddisfare il desiderio di genitorialità di due (o più, perché no?) adulti dello stesso sesso si possa accettare la negazione dei diritti del bambino (primo dei quali è avere un padre e una madre, anzi ilproprio padre e lapropria madre, ed essere da essi allevato, come recita l’art. 7 della Convenzione Internazionale dei Diritti del fanciullo).









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici “Sono adulti consenzienti che si mettono insieme. Dovreste venire in sala parto insieme a loro. È un banchetto d’amore” Kim Bergman, lesbica, psicologa e madre di due figli, direttore della Growing Generations, una delle prime agenzie di surrogacy degli Usa (dal web reportage da Los Angeles di Monica Ricci Sargentini, Corriere tv-la 27esima ora) Comunque sia, lungi dal tentare anche solo una sommaria ricostruzione di questo legame, vorrei qui tentare qualche considerazione preliminare ed accennare poi a qualche dato storico difficilmente confutabile. Prima di tutto, la cultura “scientifica”. Eh sì, perché oggi, basta buttare in mezzo a qualsiasi frase il termine “scienza” per ottenere un immediato, incondizionato, stereotipato consenso. Qualsiasi idiozia si voglia sostenere. E’ così che ci stiamo silenziosamente e supinamente avvicinando alla legalizzazione di tutto: dalla mercificazione della vita umana alla pedofilia. C’è da giurarci. E le due cose sono naturalmente in stretta, strettissima correlazione. E’ dal momento in cui io considero una persona umana come un qualcosa che posso ordinare su misura, per i miei scopi, privandola del padre o della madre e della sua dignità naturale, che implicitamente compio un atto che appartiene alla forma generale di ciò che chiamiamo abuso sui bambini.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici “Il pelo nell’uovo” – undicesima edizione del Gender Bender: ombre di pedofilia? http://www.lanuovabq.it/it/articoli-il-pelo-nelluovo-ombre-pedofile-sul-festival-gay-7597.htm Per dare un’idea di quanto il processo di convincimento inconscio o se volete inconsapevole (subliminale) delle masse sia avanzato, secondo lo schema di Overton, si pensi solo al fatto che due anni fa, nel 2014 – come ci ricorda Antonio Brandi – “Illustri professori, sociologi e psichiatri, educatori, assistenti sociali, intellettuali e politici, pubblicamente e apertamente, in consessi di prestigio internazionale (da ultimo una conferenza a Cambridge), sostengono apertamente che la pedofilia è normale, per uomini normali. Se non c’è violenza, e con la dovuta “educazione”, per i bambini è piacevole e naturale intrattenere rapporti sessuali, anche con gli adulti. I pedofili sono una categoria ingiustamente demonizzata…”. (Leggi qui l’articolo integrale). “Se lo dicono in un congresso scientifico sarà pur vero, no?” E’ così che ragiona il ritardato etico di turno. Siamo ad un passo. Anzi, come vedremo più avanti, qualche passo ben oltre il limite è già stato compiuto. Ha perfettamente ragione Francesca Romana Poleggi, quindi, quando afferma: “Non c’è da stupirsi. E’ il logico risultato della cultura omosessualista e del gender. E’ una necessaria conseguenza del libertarismo radicale sfrenato e dell’egualitarismo scervellato e scellerato che si sono andati diffondendo negli ultimi decenni. Sintomaticamente, un articolo di Jack Minor, dal Northern Colorado Gazette, si intitola: “I pedofili vogliono gli stessi diritti degli omosessuali“. L’attrazione per i bambini è un orientamento sessuale come tanti, è un altro dei “generi” in voga. E’ un’altra delle pulsioni che ormai abbiamo imparato ad elevare al rango di “diritto”. Del resto dal canto loro – prosegue Francesca Romana Poleggi – “gli psichiatri stanno facendo in modo di derubricare anche la pedofilia dalle malattie mentali, così come avevano fatto per l’omosessualità negli anni ’70. Un gruppo di professionisti ha proposto di modificare la definizione di pedofilia contenuta nel Manuale di diagnostica e statistica dei disordini mentali: non più “pedofili”, ma “persone attratte dai minori”, perché bisogna aiutare i professionisti della mente umana a comprendere detti soggetti, aldilà degli “stereotipi” e dei pregiudizi costruiti dalla società. Infatti, secondo loro, gli effetti negativi del sesso tra adulti e bambini sono stati eccessivamente sovrastimati: la grande maggioranza delle persone che ha avuto rapporti con adulti durante l’infanzia non ha riportato conseguenze sessuali negative una volta raggiunta la maturità”. (Leggi qui l’articolo integrale) Non deve quindi stupire che perfino un pugile, non certo un professore di Psicologia, abbia tratto le logiche, debite conclusioni, rispetto a quanto sta accadendo in questi mesi (incorrendo, come da manuale, nell’immediato attacco della gaystapo): “I tre fattori che potrebbero determinare la fine del mondo? Legalizzare l’omosessualità, l’aborto e la pedofilia. Chi avrebbe mai detto negli anni Cinquanta o Sessanta che le prime due sarebbero diventate legali in molti paesi?”.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici. Anche il pugile sul ring sa quindi che cosa significa “assuefazione” e quali sono i meccanismi che regolano la discesa nel piano inclinato: un passo alla volta, si arriva ad accettare tutto. Overton docet, ancora una volta. D’altra parte anche in politica non si scherza. Da anni il lavoro del partito dei pedofili è monitorato con attenzione, preoccupazione ed ultimamente con allarme dagli osservatori più attenti. Tra gli intellettuali e cattedratici che hanno sposato la mala causa, Tommaso Scandroglio sulla Nuova Bussola Quotidiana ha recentemente segnalato Margo Kaplan, docente alla Rutgers School of Law di Camden: “La professoressa ha scritto un articolo sul New York Times intitolato “Pedofilia: un disturbo e non un crimine” (Pedophilia: A Disorder, Not a Crime). E’ interessante notare, con Scandroglio, come la tecnica usata per legittimare i pedofili sia la stessa che è stata messa in pratica per la legittimazione dell’omosessualità: un passo alla volta, come Overton insegna. “Un primo passo per rendere accettabile una condotta o una condizione è affermare che non è poi così rara. Scrive la Kaplan: «Secondo alcune stime, l’1 per cento della popolazione maschile continua, molto tempo dopo la pubertà, a sentirsi attratto da bambini in età prepuberale». La pedofilia è quindi una realtà sociale, un fenomeno che esiste ed esiste accanto a noi”. Intanto già da tempo il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali dice che la pedofilia è un disturbo se «provoca un disagio o difficoltà interpersonali». Quindi un pedofilo sereno non soffre di alcun disturbo; se il bambino è “consenziente”, il “disturbo” magicamente scompare. Secondo passo: «la pedofilia è uno stato e non un atto. […] Circa la metà di tutti i pedofili non sono sessualmente attratti da loro vittime» dice la professoressa. Quindi la metà dei pedofili sono persone per bene, che i bambini neanche li toccano (ma se non ne sono attratti sessualmente che pedofili sono? Ci vuole far credere che tutti coloro che amano i bambini – educatori, intrattenitori, baby sitter – sono pedofili?). (Leggi tutto l’articolo qui) E il “mondo scientifico”? Non si sottrae alla regola. Logico. In Inghilterra sono i docenti accademici a stabilire che «è normale voler fare sesso con i bambini» (Leggi tutto l’articolo qui) Basterà dare un’occhiata al testo originale per restare a bocca aperta: “Paedophilia is natural and normal for males”. Niente male, come salto in avanti verso il progresso. Tanto, “lo dicono gli scienziati“. Giusto? Quindi, che c’è di male?









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici Nel 2000 – sedici anni fa – don Ferdinando Di Noto, presidente del “Telefono Arcobaleno”, affermava che su Internet bazzicano più di cinquanta organizzazioni mondiali pedofile. Al sacerdote non era sfuggito il tam-tam in rete in preparazione di un “Boy love day” internazionale sul modello del tanto strombazzato “Gay Pride International” romano. Il giorno prescelto per la manifestazione dell’orgoglio pedofilo sarebbe il 24 giugno di ogni anno (quando, a furia di “dibattere”, il tema non susciterà più repulsione ma, pur con le dovute riserve, sarà ammesso nell’arengo mediatico: anche in questo caso, come non pensare a Overton? Lo scopo dichiarato di queste associazioni pedofile è quello di fare accettare all’opinione pubblica anche questo “diritto civile“, basta che il partner sia consenziente. Si tratta evidentemente della trappola sofistica dell’estensione dei diritti. Si tratta di acquisire una maggiore libertà, per tutti, che male ci potrà mai essere? E’ con questo escamotage che si fa largo – soprattutto tra i giovani – l’idea che chi vuole vietare – per proteggere – sia in torto: la parte odiosa la fa chi vuol vietare qualcosa a qualcun altro, com’è logico. Con il risultato che stiamo tutti, inesorabilmente, precipitando verso una regressione barbarica da cui non si potrà più uscire (Cfr. “Come si potrà tornare indietro?” leggi tutto l’articolo qui). Secondo il meccanismo individuato da Overton e per altro verso da Chomsky – la scala dei valori si sta spostando molto velocemente. Anche se non ce ne accorgiamo. Anzi, soprattutto in quanto non ce ne accorgiamo. Il tutto avviene tramite un mascheramento cognitivo che a suon di posizioni pseudo-scientifiche e radicalmente a-morali, fanno pian piano passare nell’opinione pubblica l’idea che sia in fondo tutto normale. Tutto e il contrario di tutto, s’intende. E’ l’effetto incorniciamento, sul quale torneremo senz’altro in seguito: viva i diritti per tutti (però si dimentica di dire che questo comporta la cancellazione di quelli dei bambini). Normale e naturale vengono astrattamente fatti coincidere e con un salto pazzesco sul piano morale (la cosiddetta fallacia naturalistica) si passa alla giustificazione di qualsiasi perversione. Uso questo termine in accezione freudiana, sia chiaro, aggiungendo che l’esaltazione ipertrofica del principio di piacere – a danno di quello di realtà – non può che portare danni molto seri, e non solo a livello individuale, ma bensì sul piano sociale. Stanno attentando alla psiche di tutti. Come aveva capito perfettamente Italo Carta. Il processo in atto è altamente distruttivo: prima ci faranno credere che l’omosessualità è “naturale”, quindi che è “normale” e poi sarà il turno della pedofilia, già immessa sullo stesso binario.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici, Non ci credete? Fateci caso. Pensate ad alcune contemporanee “rappresentazioni artistiche“: Oppure alla pressione dei media che ovunque muovono verso l’iper-sessualizzazione dei bambini: nuove finestre di Overton si aprono. Anche i “grandi” filosofi contemporanei si stanno muovendo in questo senso. Qualcuno ha già lasciato intendere che i pedofili sono una categoria ingiustamente demonizzata, come un tempo era quella degli omosessuali. Scrive Antonio Brandi: “Se Richard Dawkins sostiene che una “moderata pedofilia” non dovrebbe essere giudicata severamente, l’American Psychiatric Association l’ha derubricata da malattia, a disturbo, e da disturbo a preferenza sessuale. Anzi, al termine “pedofilo” va sostituita l’espressione “adulto attratto da minore”: bisogna evitare gli stereotipi e le stigmatizzazioni sociali (!). Associazioni apertamente pedofile come NAMBLA e B4U-ACT o il partito pedofilo olandese Stitching Martijn, hanno mano libera: invano, Don Fortunato Di Noto, fondatore dell’ OSMOCOP (Osservatorio Mondiale Contro la Pedofilia e la pedopornografia) e dell’associazione Meter, da più di 20 anni denuncia che “migliaia di bambini, anche neonati, subiscono cose indescrivibili, e le loro immagini vengono pubblicate su internet per soddisfare l’eccitazione malata di orchi e affini”. (Leggi qui l’articolo intero) Da qualche parte ho letto che tale dottor Van Gijseghem, ex professore di psicologia presso l’Università di Montreal – avrebbe avuto il coraggio di affermare: “L’omosessualità è un orientamento sessuale come tanti altri: c’è chi è gay, poi c’è chi è etero, e poi c’è chi è pedofilo”. Devo ammettere che non fa poi impressione più di tanto. Non dopo aver letto quanto sopra citato. Confortante, vero? Direi: sintomatico. Non notate niente? Lo stesso processo di derubricazione ha riguardato l’omosessualità, negli anni del ’68. Per la precisione, nel caso della legalizzazione dei “matrimoni” per coppie dello stesso sesso, restando sul binario tracciato, l’inizio del movimento che porta ai risultati odierni è di difficile individuazione, ma un passaggio epocale è stato senz’altro il 1973, anno in cui l’APA (l’Associazione degli Psicologi Americani), ha derubricato l’omosessualità dal suo manuale diagnostico, il DSM (Diagnostic and Statistic Manual); sulla scia di questa decisione, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’ha cancellata dal suo manuale diagnostico, l’ICD (International Classification of Disease), nel 1991. Alla fine di questo percorso, ai giorni nostri, quasi tutti sono d’accordo nel ritenere l’omosessalità sia “normale” e perfettamente “naturale”, con tutte le conseguenze che ne derivano. Lasciamo perdere – per ora – quanto sia affidabile la metodologia con cui i vari DSM sono stati redatti e dove stiano portando l’abolizione e l’invenzione di nuove malattie dal nulla. E’ chiaramente la scala di Overton, ancora una volta, in azione. Tanto che anche l’arte viene utilizzata come alibi per sdoganare la pedofilia: le sculture pedopornografiche dei fratelli Chapman sono esposte nei musei e spettacoli con scene erotiche tra adulti e bambini sono applauditi dagli intellettuali di grido che frequentano i festival Gender Bender. L’ILGA e l’Istituto Kinsey, ricevono regolarmente finanziamenti anche con denari pubblici dell’UE (quindi soldi miei e vostri), e sono accreditati tra i consulenti dell’ONU. La loro opera è stata utile a stilare i famosi “Standard per l’educazione sessuale in Europa” dell’OMS, diretti a insegnare ai bambini da 4 anni in su a masturbarsi, a toccarsi, a cambiare sesso. Tutto quadra, i conti tornano.









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici E’ sempre la lucida analisi di Antonio Brandi a ricordarci l’aspetto teleologico di questo movimento: “Aborto, destrutturazione della famiglia, ideologia gender, omosessualismo, incesto e pedofilia, sono tra loro collegati. Occorre quindi agire in maniera organica con una battaglia a tutto campo, su tutti i fronti. Il sesso da o con i bambini è solo un altro confine repressivo da spazzare via, in nome della rivoluzione sessuale e libertaria che, contro ogni buon senso, contro la ragione e la legge naturale, si presenta con lo slogan obamiano “love is love”: basta che ci sia “l’amore”. “Love is love“, appunto. Lo slogan sulla bocca di tutti. Eppure in pochi ricordano che l’amore non è affatto sempre Amore. Dietro le quinte, come sempre, una montagna di soldi. E’ sempre Provita a fare il punto preciso della situazione: il manager, grande esperto di marketing, prof. Paul E. Rondeau, della Regents University, nel 2002 ha dettato le linee guida per “Vendere l’omosessualità all’America ”. Una vera e propria azione strategica che si articola nei passaggi qui riassunti. Step 1: “desensibilizzare”. I media devono diffondere fino alla nausea messaggi, modelli e situazioni che rendano all’opinione pubblica la percezione che l’omosessualità sia estremamente diffusa, le coppie omosessuali più o meno famose devono essere comuni, normali, scontate. E come, tutti noi possiamo constatare, questo è fatto. Gli studi statistici dimostrano che – per esempio – negli Stati Uniti i gay sono meno del 3% della popolazione. Ma ciascuno di noi stenta a crederlo, non è vero? Step 2: “bloccare”. Censurare in ogni modo le posizioni di chi ritiene che l’omosessualità non sia “normale”: insomma il “dalli all’omofobo” che stiamo subendo in ogni contesto, da un po’ di tempo a questa parte. Step 3: “convertire”. Agire sulle masse, su coloro che non hanno una formazione culturale solida sull’argomento, affinché accettino la normalizzazione della cosa proposta: anche su questo la strategia messa in atto è a buon punto. Voi, però, se state leggendo questo post e se siete abbonati alla nostra rivista, siete fra quelli con la formazione culturale solida, di cui sopra: sta a voi diffondere le idee sane e “irrobustire” la cultura di coloro che vi sono prossimi. Un’ultima considerazione, non ultima per importanza: La stessa strategia è stata messa in atto per “vendere” la pedofilia. Ancora una volta: cosa ci ricordano questi passaggi ben definiti e razionalmente calcolati? Tutto ciò è – ancora una volta – perfettamente in linea con il pensiero di Mario Mieli, come è stato ricordato sul quotidiano Liberazione già nel 2008: “Altra grande rottura di senso è il riconoscimento della sessualità indistinta, gioiosa e vitale del bambino. Il bambino è, secondo Mieli, l’espressione più pura della transessualità profonda cui ciascun individuo è votato. È l’essere sessuale più libero, fino a quando il suo desiderio non viene irregimentato dalla Norma eterosessuale, che inibisce le potenzialità infinite dell’Eros. Discorso eversivo e scomodo oggi più che mai, in una società attanagliata dal tabù che investe senza appello il binomio sessualità-infanzia, ossessione quasi patologica che trasforma il timore della pedofilia in una vera e propria caccia alle streghe. Quello di Mieli è un monito a tenere bene a mente la vitale, originaria e prorompente sessualità infantile, in modo da non imbrigliarla nelle coercizioni della Norma, che genera inevitabilmente repressione, omofobia, violenza, discriminazione. Mieli non dà risposte, ma lascia aperti interrogativi di ordine etico sul ruolo castrante del sistema educativo (rappresentato dalla famiglia in primis) e sulle potenzialità ancora ignote di un Eros che, se lasciato libero di esprimersi, può fondare una società diversa da quella in cui viviamo. Sicuramente più libera. (…) Una famiglia non eterosessuale, ancorché monosessuale, potrebbe educare un figlio senza castrarlo, ci chiediamo, inculcando in lui i valori di una sessualità più vicina al potenziale transessuale originario? Possono le nuove famiglie contribuire a rompere il circolo vizioso della normatività normalizzante e della normalità normativa? Alla Norma Mieli contrappone l’assunzione e la pratica di tutte le perversioni, che restituiscono agli individui la condizione originaria di transessualità”. Applaudite (!) sculture pedopornografiche dei fratelli Chapman:









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici. Detto questo, tentiamo ora una breve sintesi, per lo più riferita al caso italiano (ma non solo): 1977. L’iniziatore del movimento omosessuale in Italia, Mario Mieli, che considerava «opera redentiva», per entrambi,il sesso tra un adulto e un giovanissimo(e anche la necrofilia, la coprofagia e la pedofilia in senso stretto) ha pubblicato il suo libro Elementi di critica omosessuale, nel quale ha scritto: “Noi checche rivoluzionarie sappiamo vedere nel bambino l’essere umano potenzialmente libero. Noi, si, possiamo amare i bambini. Possiamo desiderarli eroticamente rispondendo alla loro voglia di Eros, possiamo cogliere a viso e a braccia aperte la sensualità inebriante che profondono, possiamo fare l’amore con loro. Per questo la pederastia è tanto duramente condannata: essa rivolge messaggi amorosi al bambino che la società invece, tramite la famiglia, traumatizza, educastra, nega, calando sul suo erotismo la griglia edipica” (Mario Mieli, Elementi di critica omosessuale, Milano, Einaudi, 1977). E ancora: “la corporeità umana entra liberamente in relazioni egualitarie multiple con tutti gli esseri della terra, inclusi i bambini e i nuovi arrivati di ogni tipo, corpi defunti, animali, piante, cose, annullando “democraticamente” ogni differenza non solo tra gli esseri umani ma anche tra le specie. A questa rivoluzione sociale sono di ostacolo i valori famigliari naturali e cristiani”. Morì suicida nel 1983. Col sostegno dei Radicali è nato il u.o.r.i. di Mario Mieli, centro culturale omosessuale che si ispira ai valori del suo beniamino. Impossibile raggiungere questa pagina, Prova .. Verifica di avere l'indirizzo Web corretto: http://silvanademaricommunity.it









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici. 1983. Nasce il circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, associazione dedita alla difesa dei diritti civili delle persone LGBT. E’ una delle principali organizzatrici del Gay Pride di Roma e vede il transessuale Vladimir Luxuriatra i suoi esponenti ed è dedicata allo scrittore ateo e iniziatore del movimento omosessuale in Italia Mario Mieli, promotore della pedofilia e della liberalizzazione sessuale del fanciullo (vedi anche Contro la Leggenda nera). L’intellettuale riteneva anche che omosessualità e pedofilia fossero correlate (da Gris.Imola.it). 1990. Le associazioni omosessuali (COC) fondate da Jef Last (pedofilo omosessuale e amico di André Gide) nei Paesi Bassi hanno voluto e ottenuto la depenalizzazione dei contatti sessuali con giovanetti al di sopra dei 12 anni, avvenuta nel 1990. Le condizioni poste furono il consenso del giovane e il nulla osta dei genitori (da G.J.M. van den Aardweg, Matrimonio omosessuale e affidamento a omosessuali, 1998, p. 507 e da Pedofilia in Italia e cultura pedofila). 1996. Aldo Busi, noto ateo, anticlericale, radicale e omosessuale si è mostrato aperto alla pedofilia. Al Maurizio Costanzo Show ha dichiarato: “ma da quando la pedofilia è un crimine? Io ho fatto di tutto! Se anche un adulto masturbasse un ragazzino, che male ci sarebbe?”. Busi ha anche incolpato addirittura i minori di essere provocatori verso gli adulti. Ha affermato: “non c’è nulla di scandaloso se un ragazzo compie atti sessuali con un adulto e semmai sono i bambini a corrompere gli adulti e non viceversa”. Intervistato da Repubblica ha detto: “Può esistere una pedofilia blanda, quella praticata dai bambini sugli adulti. I bambini sono in certi casi corruttori degli adulti. Oggi cercano il capro espiatorio nel cosiddetto pedofilo, come ieri negli zingari, negli omosessuali, negli ebrei, nei palestinesi, nelle donne, ma anche i bambini hanno la loro brava sessualità e che gli adulti non devono più reprimerla” (da Repubblica 12/12/1996). 2001. L’avanzata di Overton: esiste una “pedofilia buona” e una “cattiva”. Giuseppe Anzani su “Avvenire” (22 maggio 2001), condanna i “distinguo” tra una pedofilia “buona” e una cattiva: “Già in passato i fabbricanti di opinione hanno posto i loro ’distinguo’, ad esempio per il sesso adulto che occhieggia i bambini “sofficemente” senza violenza fisica, con una sorta di complice intesa. Folli. Questi veleni vanno stroncati sul nascere, perché il bambino è violato in modo ancora più subdolo e micidiale (…) C’è qualcosa che uccide nell’anima, prima di profanare o straziare il corpo. Le cose mostruose che seguono, e che oggi ci strappano indignazione sgomento, sono conseguenze”. Su questa medesima linea si muove lo scrittore Claudio Camarca, autore del recente libro “SOS pedofilia”, che condanna i cosiddetti “Intellettuali” italiani che, conniventi oggettivi, si rifiutano di esaminare e denunciare le mire ideologiche e politiche della lobby pedofila, quando addirittura non le giustificano: “Si, molti sedicenti intellettuali sono i mandanti della pedofilia in Italia. Magari vanno in televisione a sostenere che la pedofilia è un fatto naturale, che la pedofilia ’dolce’ non è un male. Storie, menzogne. La cosiddetta pedofilia ’dolce’ è la peggiore, le lusinghe creano nel bambino un contesto di ambiguità terribile. La violenza può anche essere spiegata, e allora il mostro lo identifichi, ma chi ti lusinga ti fa credere invece di essere tu, il bimbo, la parte attiva.” (“Avvenire”, 24 maggio 2001). [Fonte: “Contro la leggenda nera”].









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo Prima parte: aspetti storici. 2006. «Via libera al partito pedofilo». Sentenza choc in Olanda. Un tribunale ha respinto l’istanza di un’associazione che aveva chiesto di proibire al partito la partecipazione alle elezioni. La decisione dei giudici motivata con il rispetto della «libertà d’espressione». Articolo: “La rabbia è esplosa sul web pochi minuti dopo la lettura dell’ordinanza. «È una vergogna», «Stanno attentando ai valori della nostra società», «Non voglio più vivere in questo Paese». Siti Internet e blog sono assurti ieri ad incubatore delle proteste. La decisione di una Corte dell’Aja di non bandire dalle prossime elezioni politiche olandesi il partito pedofilo Amore del prossimo, libertà e diversità (Nvd) ha scatenato la rabbia di quanti speravano in un intervento dei giudici per frenare sul nascere l’ennesima svolta-choc nei Paesi Bassi. Il tribunale – chiamato ad esprimersi su un esposto presentato dall’associazione Soelaas e dagli attivisti del gruppo Diritto fondamentale alla sicurezza nell’educazione – ha invece dato ragione al movimento pedofilo, in nome della «libertà d’espressione». Una «interpretazione troppo estensiva della tradizionale tolleranza olandese», secondo la definizione di un’associazione dei Paesi Bassi che si batte per i diritti dei bambini. «Dopo aver già liberalizzato l’eutanasia infantile le nostre autorità hanno fallito di nuovo», scrive Jaap, 46enne di Utrecht, su un forum on-line. «Saranno gli elettori a giudicare le ragioni di questo come degli altri partiti», ha dichiarato il giudice H. Hofhuis argomentando la decisione della Corte. A giudicare dai sondaggi, comunque, la sicumera mostrata ieri dal fondatore dell’Nvd, il 62enne Ad van der Berg, dettosi certo di un successo elettorale, sembra eccessiva. Circa 85 olandesi su 100 si sono infatti detti «assolutamente contrari» al nuovo partito, e ribadito la necessità di rendere illegale la promozione della pedofilia. «Gli olandesi devono far sentire vigorosamente la loro voce, se vogliamo evitare di sacrificare l’innocenza dei nostri bambini agli interessi pedofili», ha sottolineato l’associazione No Kidding. «La pedofilia e la pornografia infantile dovrebbero essere un tabù», è la posizione del partito calvinista Sgp sul gruppo di van der Berg, un gruppo «dagli ideali perversi», secondo la definizione del parlamentare olandese Geert Wilders. Il Telegraaf, il quotidiano più venduto dei Paesi Bassi, ha definito più volte «insensata» la creazione del nuovo soggetto politico, e anche gli altri media del Paese hanno criticato con forza il «manifesto» del gruppo. Il programma dell’Nvd è ritenuto dagli analisti «inquietante». Il movimento pedofilo punta innanzitutto all’abbassamento della soglia dell’«età del consenso»: il limite per la liceità dei rapporti sessuali tra adulti e adolescenti dovrebbe essere abbassato dai 16 ai 12 anni, e poi gradualmente abolito. Anche la diffusione e il possesso di materiale pedo-pornografico dovrebbe essere depenalizzato, e dovrebbe essere consentita la partecipazione dei giovanissimi a film ad alto contenuto erotico. Il tutto in nome di un presunto «scopo educativo». Il codice civile olandese vieta espressamente soltanto quei movimenti che si rifanno a «odio, discriminazione razziale e xenofobia». Seguendo questa norma, il tribunale dell’Aja ha rigettato l’imposizione del bando. Ma viste le immediate reazioni dell’opinione pubblica a tale decisione, il partito pedofilo non sembra destinato ad ottenere vasti consensi nei Paesi Bassi”. (Fonte: Paolo M. Alfieri, AVVENIRE Martedì 18 luglio 2006). 2006. Denuncia di un europarlamentare: pedofilia dialaga nell’Ue. L’Ue latita sulla pedofilia, di Luca Volontè (Capogruppo Udc alla Camera dei deputati): “In una recente intervista a un noto settimanale femminile, l’europarlamentare di An Cristiana Muscardini tuona contro l’ascesa del partito dei pedofili in Europa. Con una coraggiosa presa di posizione, la deputata Ue spiega che la realtà è inquietante non solo per il fatto in sé, ma perché si tratta di una pratica in uso anche da alcuni colleghi a Bruxelles… (leggi qui) Il caso Aldo Busi. L’Associazione Nazionale Sociologie l’Osservatorio sui Diritti dei Minori ha preso posizione contro l’ateo anticlericale e omosessuale Aldo Busi, ritenuto “pro-pedofilo” (da ASCA.it e OneTv.it). Nel suo libro “Manuale per il perfetto papà”, ha infatti spiegato che l’età per rapporti omosessuali ritenuta da lui lecita è a partire dai tredici anni, in quanto a questa età un ragazzo, sarebbe adulto e libero di decidere di avere rapporti con un altro uomo. Nel 1996 ha dichiarato al Maurizio Costanzo Show: “ma da quando la pedofilia è un crimine? Io ho fatto di tutto! Se anche un adulto masturbasse un ragazzino, che male ci sarebbe? (Sul “caso Busi” si trovano in rete un interessante video ed una memoria precisa): Per chi fosse interessato ad una disamina più articolata sui rapporti generali tra laicismo e pedofilia, segnalo l’ottimo reportage di UCCR, da leggere qui. Alessandro Benigni Sorgente: 64. ============================================= a me il NWO mi ha impedito di commentare questo articolo, a voi vi riesce? Sui legami tra omosessualismo e pedofilismo – Ontologismi









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
catapulte con bottiglie incediarie molov, fionde con biglie di ferro, ecc.. stessa scena vista a MAIDAN per opera di MERKEL e Mogherini.. questa non è opposizione questa è complotto e guerra civile! http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2017/05/25/venezuela-2-giovani-uccisi-in-proteste_47878dc8-d99b-4d15-8e66-550c53d6ae2b.html







SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 secondo fa
Lorenzojhwh HumanumGenus · Figlio del Re dei Re presso Regno di Dio se il ministro degli Esteri cinese Wang Yi, riesce con le sue trattative a liberare i cristiani dai: gulag laogai lager... per me si può anche godere il suo pazzo! ... altrimenti? MORIRà INSIEME A LUI! Andrea Hu · ITAS Santorre DI Santarosa Cristiani dai gulag? Ma che lavata di cervello ti hanno dato hahhaah Lorenzojhwh HumanumGenus · Figlio del Re dei Re presso Regno di Dio Andrea Hu https://www.worldwatchmonitor.org/ aggiornati









SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba1 minuto fa (modificato)
sono le vacche di Basan: sono la malvagità! ] mi hanno chiuso 60 canali youtube perché io ho usato ed uso il termine "sodomitici" e se mi è rimasto un solo canale attivo è perché il MOSSAD mi protegge! [ Impossibile raggiungere questa pagina Prova, Verifica di avere l'indirizzo Web corretto: http://silvanademaricommunity.it CIA 666 UK MI HANNO IMPEDITO DI INCOLLARE il mio COMMENTO all'articolo ] http://silvanademaricommunity.it/sui-legami-tra-omosessualismo-e-pedofilismo/







SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20 ore fa
+Robin Hood ] [ SO IO quale problema anale rettale sodomitico youtube e Google facebook stanno NWO avendo! noi cristiani siamo diventati le prede da abbattere... ed è una vera disgrazia per i mussulmani che questa politica piaccia anche a loro!







SHARIAH cannibals SYRIA Allah Mecca 666 Kaaba20 ore fa
Robin Hood +king Israel Unius REI LEVIATHAN In questo periodo per la prima volta ho avuto anch'io qualche problema con Google. Il mio consiglio sarebbe quello di prenderti una pausa e di rilassarti un po'. Non ne vale la pena prendersela. Robin Hood è il mio nickname che ho preso così casualmente. Una Buona e Serena giornata.





Dal Milan all’Inter(specismo)
Pray for Europe
Quali sono i nostri mostri? – Intervista a Silvana De Mari – The Philosophers
Circo mediatico al corteo dei migranti. Ma oggi è il giorno della Marcia per la vita
Vacche, vaccini e vaccagher
ArchiviArchivi
Autori
Redazione
Bellezza è Verità! Parte III
Alessandro Benigni
Sentiero interrotto: ancora un passo, ed è il precipizio
“Una volta passato il varco, è bene esser consapevoli di averlo fatto”
Il centuplo quaggiù
Depressioni, attacchi di panico, malesseri giovanili (e non): fallimenti e impossibilità di ribellione
Lo psichiatra Fabio Castriota: «Mai più si separino gestante e bambino»
Belinda Bruni Selis
La paura di invecchiare, la prima schiavitù!
Salvare la Fiabe. Restare Umani.
Figli della provetta e omogenitorialità
Maledetta eutanasia
Community
Circo mediatico al corteo dei migranti. Ma oggi è il giorno della Marcia per la vita
Il velo non ti fa chic
L’omofobia e la sua definizione
Nuovo studio: infezioni da Hiv-1, epatite B (HBV), epatite c (HCV), etc. in soggetti omosessuali – Documentazione medica
LBGTQ Is Asexual Homoerotic Masturbation | holytransparency
Enzo Pennetta
Dat, il cavallo di Troia si chiama eutanasia
Gli attentati islamici in Europa: “strategia della tensione per rafforzare l’establishment”
Mondo Nuovo, Globalizzazione e psicodittatura
L’ultimo uomo: l’ubbidiente democratico
Mito contro realtà: il suffragio universale in Gran Bretagna
Filippo Fiani
Dal Milan all’Inter(specismo)
Vacche, vaccini e vaccagher
Tweet di Renzi “Non vi lasceremo soli” è Cyberbullismo
Apologia di reato e altre quisquilie
Nuovo singolo di Povia
Gianni Bozzato
L’evoluzione e la sua Mente (Parte II)
Madri-surrogate – Termini ambigui, interventi bio-medici e domande (Parte II)
Madri-surrogate – Termini ambigui, interventi bio-medici e domande (Parte I)
Omosessuali? un Ramo Secco!
Madri surrogate? – Ordine e Organizzazione del DNA Parte III
Gilberto Gobbi
Eiaculazione precoce ed educazione di massa
Le dimensioni della personalità – Schema interpretativo
L’Europa va alla guerra contro la famiglia – T. Scandoglio
La poligamia
Testimonianza: Io, Gianna Jessen sopravvissuta all’aborto!
Rachele Sagramoso
Testimonianze di vita!
L’attaccamento madre-bambino (Parte II)
L’attaccamento madre-bambino (Parte I)
Ancora sulla violenza ostetrica
Silvana De Mari
Pray for Europe
Quali sono i nostri mostri? – Intervista a Silvana De Mari – The Philosophers
Gianna Jessen? E’ imbarazzante!
Bellezza è Verità! Parte II
Bellezza è Verità! Parte I



Home
News
Background
Countries
About
Contact
Search for:
Countries
A-C
D-I
J-M
N-P
Q-S
T-Z
A-C
Afghanistan
Algeria
Argentina
Azerbaijan
Bahrain
Bangladesh
Belarus
Bhutan
Bolivia
Brunei
Burkina Faso
Cameroon
Central African Republic
Chad
China
Colombia
Comoros
Cuba
D-I
Democratic Republic of the Congo
Djibouti
Egypt
Eritrea
Ethiopia
Guinea
Honduras
India
Indonesia
International
Iran
Iraq
Israel
Ivory Coast
J-M
Jordan
Kazakhstan
Kenya
Kuwait
Kyrgyzstan
Laos
Lebanon
Libya
Malaysia
Maldives
Mali
Mauritania
Mexico
Moldova
Morocco
Myanmar
N-P
Nepal
Niger
Nigeria
North Korea
Oman
Pakistan
Palestinian Territories
Peru
Philippines
Q-S
Qatar
Russia
Rwanda
Saudi Arabia
Senegal
Somalia
South Korea
South Sudan
Sri Lanka
Sudan
Syria
T-Z
Tajikistan
Tanzania
The Gambia
Tunisia
Turkey
Turkmenistan
Uganda
Ukraine
United Arab Emirates
Uzbekistan
Vietnam
Yemen




News
Background
Countries
About
Contact
Search for:

Select a Country:
Afghanistan
Algeria
Argentina
Azerbaijan
Bahrain
Bangladesh
Belarus
Bhutan
Bolivia
Brunei
Burkina Faso
Cameroon
Central African Republic
Chad
China
Colombia
Comoros
Cuba
Democratic Republic of the Congo
Djibouti
Egypt
Eritrea
Ethiopia
Guinea
Honduras
India
Indonesia
International
Iran
Iraq
Israel
Ivory Coast
Jordan
Kazakhstan
Kenya
Kuwait
Kyrgyzstan
Laos
Lebanon
Libya
Malaysia
Maldives
Mali
Mauritania
Mexico
Moldova
Morocco
Myanmar
Nepal
Niger
Nigeria
North Korea
Oman
Pakistan
Palestinian Territories
Peru
Philippines
Qatar
Russia
Rwanda
Saudi Arabia
Senegal
Somalia
South Korea
South Sudan
Sri Lanka
Sudan
Syria
Tajikistan
Tanzania
The Gambia
Tunisia
Turkey
Turkmenistan
Uganda
Ukraine
United Arab Emirates
Uzbekistan
Vietnam
Yemen

Catching Our Eye
May 18, 2017 ‘We have failed to protect non-Muslims’ – Pakistan government spokesmanMay 17, 2017 Trump presses Turkish president to release jailed US pastorMay 16, 2017 India: rise in vigilantism threatens minoritiesMay 22, 2017 Trump calls on Arab, Muslim leaders to end ‘slaughter of Christians’May 19, 2017 Chibok escapee ‘not one of 276’, exactly a year after first girl found. 113 still missing




Chaos in the Philippines as Islamist group storms city, abducts Christians and sets church on fire
May 24, 2017


Azerbaijanis fined and detained for selling religious books
May 24, 2017


Jakarta’s Christian ex-governor drops blasphemy appeal ‘for sake of the people’
May 23, 2017


Pakistani Christian schoolgirl told: ‘Do Islamic studies instead of Ethics, or leave this school’
May 23, 2017


Second church in 10 days torn down in Sudan
May 23, 2017

Articles


May 22, 2017 Andrew Brunson, Donald Trump, Fethullah Gülen, Izmir, PKK, Recep Tayyip Erdogan
Turkey unprepared for Trump’s counter-demand
Turkey was unprepared in mid-May when a new bilateral issue emerged with the United States during Turkish President Recep Tayyip Erdoğan’s meeting with his US counterpart . . . Read More

May 22, 2017 Kabul, kidnapping, Operation Mercy, Taliban
German aid worker killed, Finnish woman ‘kidnapped’ in Kabul
A German woman and her Afghan guard were killed, and a Finnish woman apparently kidnapped, at an international guesthouse run by a Swedish-based charity in Afghanistan’s . . . Read More

May 20, 2017 Bashar Warda, Erbil, Iraq, Islamic State, Nineveh Plains
Iraqi bishops seek $262m for post-IS ‘Marshall Plan’
Church leaders in northern Iraq are launching an ambitious US$262 million “Marshall Plan” for the reconstruction of Christian-majority villages devastated by the occupation of Islamic State . . . Read More

May 19, 2017 Amin Afshar Naderi, Ayatollah Khamenei, Ebrahim Raisi, Hassan Rouhani, Tehran, Victor Bet-Tamraz
Why Iranian Christians are pinning hopes on ‘moderate’ Rouhani, despite human rights failures
As Iranians head to the polls today (19 May) to vote for their next President, World Watch Monitor takes a look at President Hassan Rouhani’s first . . . Read More

May 18, 2017 Donald Trump, FoRB, USCIRF
US Commission urges Trump administration to prioritise international religious freedom
An influential US government commission that monitors religious freedom around the world is urging President Donald Trump and his new administration to take concrete steps to . . . Read More

May 18, 2017 Azerbaijan, Central Asia, Gurbanguly Berdymukhamedov, Islam
Turkmenistan’s secret additions to already restrictive Religion Law
It’s been over a year since the Central Asian state of Turkmenistan added further restrictions to its Religion Law, but the changes were introduced in such . . . Read More
Read More News
background

Pakistan’s anti-blasphemy laws
By World Watch Monitor, March 14, 2017 |
What the laws say Chapter XV of Pakistan’s Penal Code, titled “Of Offences Relating to Religion,” contains six sections. Four of them outlaw a number of acts, ranging from tresspassing on places of worship to “malicious acts intended to outrage religious feelings,” with penalties ranging from one to 10 years. . . Read More

The hidden, religious dimension to Nigeria’s violence
By Yonas Dembele, July 13, 2015 | Boko Haram, Ethnic cleansing, Fulani, Nigeria
Nigeria has never been at ease with itself: social unrest has been one of the trademarks of the country. Resource distribution and power allocation among regions and ethnic groups have consistently created havoc that cannot be forgotten. The Biafra War (July 1967 – January 1970), caused by an ethnic and. . . Read More

Are Nigeria’s ‘Middle Belt’ Christians victims of ethnic cleansing?
By World Watch Monitor, July 13, 2015 | Boko Haram, Ethnic cleansing, Fulani, Nigeria, Research
March 2014 attacks in Kaduna state, in central Nigeria, left more than 114 people dead and many houses burned.World Watch Monitor It has been a deadly July in Nigeria. More than 200 people have been killed since June 30 in attacks that have come almost daily in the country’s northern. . . Read More

Understand concept of ‘infidel’ to understand risks of Islamic radicalization
By Jacob Zenn, October 21, 2014 | Boko Haram, infidel, IS, Islam, Pakistan, Salafist, Takfir
In recent history, genocides have often been accompanied by the preparatory dehumanization of victims. In 1994, in Rwanda, for example, the Hutu interhamwe labelled the Tutsis as “termites” or “cockroaches” before they killed more than one million (mainly) Tutsis. Similarly, before World War II, the Nazi regime in Germany often. . . Read More

The rise of political Islam in Europe
By Frans Veerman, July 9, 2014 | Egypt, Europe, Iraq, Islamism, Jihad, Political Islam, Syria, United Kingdom
Analysis: Why jihad is not as big a threat as creeping ‘participation’ There are increasing fears that European-born young men who go to Syria will get caught up in the fight of radical Islamic extremists to establish an Islamic Sharia-based state across Syria and Iraq, and then return to their. . . Read More

How does Boko Haram justify kidnap of 230 Nigerian teenage girls?
By World Watch Monitor, April 25, 2014 | Boko Haram, Islamism, Nigeria
As the world vacillates between outrage and numb impotence in the face of Boko Haram’s recent kidnapping of about 230 teenage girls from the mainly Christian enclave of Chibok, northern Nigeria, the questions “Why these girls?” and “How much longer?” beg yet again for answers. But from whom? A timely. . . Read More

Read More Background



Recent Tweets Follow

Get World Watch Monitor

Copyright © 2011 - 2017 — World Watch Monitor. All Rights Reserved. Site design by Five Q | Sitemap
haos in the Philippines as Islamist group storms city, abducts Christians and sets church on fire
Azerbaijanis fined and detained for selling religious books
Jakarta’s Christian ex-governor drops blasphemy appeal ‘for sake of the people’
Pakistani Christian schoolgirl told: ‘Do Islamic studies instead of Ethics, or leave this school’
Second church in 10 days torn down in Sudan

Post più popolari