trionfo dello ISLAM

09/07/2014, il mio amico: Re, dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud, è stato furbo, anche, asianews non riesce a vedere, il suo progetto unitario, è proprio lui, il trionfo dello ISLAM, in lui, il sogno del califfato islamico mondiale, non è disperato, perché, lui semina, molto divertito, cinicamente, la disperazione per tutto il mondo! ] 07/09/2014. ISLAM. The desperate dream of the Islamic Caliphate. by Samir Khalil Samir. Abu Bakr al-Baghdadi’s rhetoric is bankrupt. No Muslim wants to live in a caliphate. Moreover, no-one accepts him as "caliph". But he is correct in pointing out that the Islamic world is in decline, and Muslims themselves are responsible for this. Israel and "conspiracy” theories. The rebirth of Islam through open dialogue in society, based on universal and shared values. Otherwise the demise of Islam is likely. Beirut (AsiaNews) - Abu Bakr al Baghdadi's announcement of the creation of an Islamic Caliphate reveals a sense of hopelessness. His proclamation was strongly ideological, but to usher in this new era of a worldwide caliphate, he had to overturn an entire area: not in Syria, where ISIS will probably be wiped out by Bashar Assad's army, but in Iraq's weak underbelly, the Sunni area where the government did not have a strong army. And there he drew a halt and issued this presumptuous statement. The very fact they no longer refer to themselves as "ISIS" in which the words "Iraq and Syria" were present, but simply "Islamic State", as if it were a global entity, is ridiculous from the practical point of view. At the same time, it reveals the ideological dimension of the project to restore the caliphate of Baghdad, regarded as the most brilliant period of Islam. But the majority of Muslims no longer dream of the caliphate, nor an empire without borders. Most are simply attempting to live in a nation, so much so, that for years now the Kurds have been attempting to give birth to their own independent nation. 1. The end of the Caliphate and the birth of the "Muslim Brotherhood" The end of the Caliphate dates back to Mustafa Kemal Ataturk, the founder of modern Turkey. On 1 November 1922, he deposed the Sultan Mehmet VI, and 18 days after Abdülmecid Efendi was elected Caliph, for a short period. Ataturk founded the Republic on October 29, 1923 and after being elected president, proclaimed the definitive abolition of the Islamic Caliphate on March 3, 1924. This symbolic decision was a shock to the entire Islamic world. Especially following the decisions taken by Ataturk, particularly the secularization of the state and the de-Islamization of society: equality of the sexes; prohibition of the use of the Islamic veil in public places; prohibition of the fez and the turban; ban on beards for public officials; adoption of the Latin alphabet in place of Arabic; the Gregorian calendar year instead of the Hegira; of Sunday as a public holiday; of the metric system, etc.. Since then, many groups have tried to revive the caliphate. In 1928, a project led by the Imam Hassan al-Banna azharita Rashid Rida, gave birth to the "Muslim Brotherhood" with the precise purpose of restoring the caliphate. After pro-longed discussion and a series of studies into the feasibility of establishing a new caliphate in Egypt or Saudi Arabia, they themselves concluded that "it is no longer possible to have a caliphate" and changed course: we need to Islamize the various countries and governments, introducing sharia as our constitution. This was especially successful in Saudi Arabia, which does not have a constitution, just sharia. In other countries, legislation was enacted "inspired" by sharia. Nowadays, it is well-known that the majority of Muslim countries, especially the developed countries, are not headed in this direction and do not apply sharia as an ideal. 2. Who is Abu Bakr al-Baghdadi, Like all Muslim terrorists, the new "Caliph" has a new "war name". He is no longer called Abu Bakr al-Baghdadi. His real name is Ibrahim Awad Ibrahim Ali al-Badri al-Samarrai, who was born in Samarra in 1971. His full name of war is: Abu Bakr al-Baghdadi al-Husseini al-Qurashi.
This name, for any educated Muslim, is already a program in itself. Abu Bakr is the name (or more precisely the kunyah) of the first caliph, that is, of Muhammad's first successor. Al-Baghdadi evokes the period's most famous Islamic caliphate, the Abbasid, whose capital was Baghdad (750-1258). Al-Husseini refers to Hussein, son of Ali and Fatima, the daughter of Muhammad, the most revered figures in Shiite Islam. Finally, al-Qurashi, refers to the tribe of Mohammed, originally from Quraysh. According to a hadith the legitimate caliph must be a descendant of Muhammad. The latter two names (two nisbah) mean that he is the rightful caliph par excellence, which satisfies both Sunnis and Shiites. 3. The Caliphate, the dream in the midst of a Muslim world in turmoil The caliphate is a dream, and refers to the Caliphate of Baghdad, the Abbasid caliphate. It is no coincidence that Abu Bakr al-Baghdadi is Iraqi. He has tried to implement this project before with al-Qaida, but had to break away from it. The other fundamentalist groups have broken away from him and fought him in Syria. Indeed, almost all governments have decided to fight him: Algeria, Tunisia, Egypt, Syria, Iraq ... his only remaining allies are the oil nations - Qatar and others - because they share his idea of the caliphate, but to create diversions, distractions in the Arab world. In any case, the caliphate no longer responds to what the Arab Muslims seek. Even Egypt's Muslim Brotherhood - the majority of which is by no means terrorist despite being quashed by the new Al Sissi government - have disavowed him. Those familiar with al Baghdadi say he is not capable of leading a great movement and is unable to get along with anyone. With the little support he receives, it is very possible that his ambitious plan to conquer the world will end in nothing. The only thing that the Islamic Army (IA) possesses is strength: its militants would be nothing without the weapons that the oil countries and the West have given them. But these weapons cannot withstand an army. The IA looks like the victor because it attacks easy targets, regions weakened by the last three years of war and terrorism. They also dreamed of taking Libya, but nobody followed them. 4. The decline of the Arab world
In any case, the proclamation of the Caliphate shows where the Islamic world is heading. Three conclusions emerge from al-Baghdadi's proclamation: first, "We want to restore the greatness of Islam"; Second, "the West has reduced the Islamic world to nothing, killing people, making widows ..."; third, "we will forcibly take back our leadership". This is the typical mythical discourse of the fundamentalists: first we were very good, then we were depleted, now we will regain power by force.
Here's how Abu Bakr depicts the decline of the Islamic world in his tirade:
  "The Islamic Ummah seeks your jihad with hope. Your brothers in many parts of the world are being inflicted with the worst forms of torture. Their honor is violated and their blood is shed. Prisoners are moaning and screaming for help. The orphans and widows lament their fate. Women who have lost their babies cry. Mosques are desecrated and shrines are violated. The Islamic nation awaits your jihad with hope. You have brothers in all the corners of the earth who are suffering: in China, India, Palestine, Somalia, Arabian Peninsula, Caucasus, the Levant, Egypt, Iraq, Indonesia, Afghanistan, Philippines, Ahwaz, Iran, Pakistan, Tunisia, Libya, Algeria and Morocco, both in the East and in the West ... ".
He began with a very acceptable observation: the decline of the Arab and Islamic world, recognized by intellectuals and people from all walks of life. It is enough to compare any given Muslim nation and a Western counterpart in the arena of economics, politics, human rights, justice, social life, care for the weak and the poor, to see that the Islamic world is in the midst of a period of decline. Even where we have billions and are richer than anyone (think of the Arabian oil), the educational level is very low and the contribution to world civilization is null!
This is where the seeds of the dream are born.  This dream of rebirth, however, finds no support in wealthy Muslim nations, the oil countries, uninterested in any integral human development. Reflecting on this, the Arab world must recognize the following: we have money, but it is the hands of a few; we have the numbers, with hundreds of millions of people, but we only know how to make war. 5. Rebuilding a culture of openness In fact, the only way to regain our dignity is to culturally reconstruct our concept of the Arab and Muslim person, to rethink the laws we apply to human rights, to strengthen them and move in the direction of an open culture, which sympathizes with the whole world. Instead we see the spread of a culture of division, which is a step backwards. We should look at the Abbasid Caliphate and ask ourselves: where did its greatness stem from? It came from the union of all parts of the ancient Muslim empire. From the cultural point of view more than the Arabs, the Iranians, Afghans, Balkh, Syriac-speaking Christians have contributed to its greatness... It was an open vision that gave space to all, all the while giving priority to the Arab Islamic world. Today's culture is based on the human rights of the people and solidarity between peoples. And what do we do? We try to justify and regress to a way of life from the past (seventh century), typical of a Bedouin desert region: this cannot be a solution for the twenty-first century. 6. Islam's ideological error. The Islamic world's error is an ideological one. It leads to ideological wars: cultural, religious, historical, but never based on the real needs of the people. The Arab people seek solutions to basic needs; equality between men and women; between Muslims and non-Muslims; rich and poor (the poor in the Arab world have never had a voice!). Instead of taking the best of modern civilization and assimilating it, we try to find the solution by going backwards. The cause of this error is ideological, but the West is also partly responsible: it must improve relations with the Arab world. We see the West as an immoral place, without values​​. It is partly true. The West is seen as the global leader, but it uses weapons and the law of the fittest to impose its dominion. Looking at these elements, the Muslim world rejects the Western project, as too "human", and hopes in a "divine plan" that is sharia. In reality, Sharia law has nothing "divine" about it: it is the sedimentation of Bedouin tribal rules from the ninth and tenth centuries, and has nothing to do with the Koran, which dates to the seventh century, or with the Prophet Muhammad. Unfortunately, although this idea is shared by most of the population, the political leaders, especially the richer ones, continue to keep alive the idea of Sharia law as something "holy", defending the Bedouin and the desert culture, in so far as they are descendants of that era. But they are not and will never be a model for the Muslim world. 7. Israel, Islam and the "conspiracy" theory. The crisis in the Islamic world was exacerbated with the establishment of the State of Israel, an unfair creation because born in the territory of another State that bore absolutely no responsibility for the Holocaust. The defeat of 1948 and then in 1967 showed the extent to which the Arab world (and the Islamic world) was late, and sparked all the Arab revolutions and the animosity towards the West, as well as the hatred for Israel (and for some against Jews and Christians). But this creation is now a historical fact and there is no turning back. To usher in any hope of increased international cooperation, we have to work for a solution to the Israeli-Palestinian issue. This entails, for both Israelis and Palestinians, the decision to seek a just - though never perfect - solution, because both have been wronged, but both have also inflicted injury. Faced with this military-political situation, many of us see the hand of Israel (and the U.S.) in everything that happens in the Middle East. Even in the creation of the IA, which many suspect is an attempt to divide the Arab world and reshuffle the cards in the region. I do not support this "conspiracy" theory because it weakens us even more by removing all responsibility for our misfortune from our shoulders. And if this theory is true, then we are nothing more than stupid Arabs: in the end who wages the wars in the region, in the Arab world? We do. And even if we let ourselves be duped so easily, our responsibility would remain. The fact that this division of the Arab and Islamic world strengthens to those who are enemies of the Arab world, is evident. But fostering division and war is bad politics because it eliminates peace for all, even for Israel. Israel will continue to expropriate territories from the Palestinians, but in doing so it will soon mean that Israelis and Palestinians will eventually be swallowed up within the one state, thus the warring factions will end up becoming a domestic problem. The only way forward is collaboration. The adherents to the "conspiracy" theory accuse the United States and some European countries of facilitating this genocide inside the Islamic world. Again, the fault is ours. The problem began among ourselves in Syria because the government of Damascus, as well as dictatorial, is a government of the Alawite minority. A political and social problem internal to Syria, has turned into a religious war between Sunnis and Shiites, a war that dates back to the seventh century! However, the solution proposed by Abu Bakr al-Baghdadi also dates back to the seventh century, when Muhammad set about fighting all the Arab tribes who did not believe in God (and his mission), organizing more than sixty raids (= Ghazwa) in a ten years (622-632) according to the oldest biography of the Prophet of 'Islam, Kitâb al-Maghâzî ("Book of History and Campaigns"), by al-Wâqidî. Conclusion: Rebuilding Arab society with shared values. If you really want to rebuild the Arab society, a few fundamental choices are needed: 1. We Arabs must learn to live together on the basis of shared values​​, without going to war because of religious differences. And secondly, we need to think about solidarity in the countries and the region. It is unacceptable that there are super-rich Arabs and people struggling to survive and these differences encourage wars. 2. At another level, regional collaboration is needed, especially with Israel, for peace with the Palestinians. Every step towards peace in this sense may also facilitate relations with the West. 3. Another urgency is that Arab nations must prepare constitutions inspired by justice, equality, human rights, peace, without making any distinction between the sexes or religions. 4. Finally, societies need to eradicate corruption. Our countries are drowning in corruption. In Egypt, for instance, many people do not go to the hospital because they know that every service, even the most simple, requires a small bribe. For surgery, a daily pill, an injection you have to pay, otherwise you will not receive any care! The caliphate has none of these 4 principles. So it will not succeed, indeed it will only reinforce discrimination based on standards established more than 1000 years ago. The vast majority of Muslims want to live according to true ​​and current values; only the Salafists want to go back to the Middle Ages! The solution is to enter into a vision of international inter-Arabian collaboration, to build a new civilization, incorporating the positive elements of modernity and the values ​​contained in Islamic tradition. If the Arab world fails to do so, it will only regress, and - what is worse - it will do so in the name of religion, namely Islam. The time has come to save Islam, by fighting against religious fanaticism.

09/07/2014, il mio amico: Re, dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud, è stato furbo, anche, asianews non riesce a vedere, il suo progetto unitario, è proprio lui, il trionfo dello ISLAM, in lui, il sogno del califfato islamico mondiale, non è disperato, perché, lui semina, molto divertito, cinicamente, la disperazione per tutto il mondo! ] Il sogno disperato del Califfato islamico. di Samir Khalil Samir
La retorica di Abu Bakr al Baghdadi è fallimentare. Nessun musulmano vuole vivere in un califfato. Lo stesso "califfo" è rifiutato da tutti. Ma egli ha ragione nell'indicare la decadenza del mondo islamico, di cui i primi responsabili sono gli stessi musulmani. Israele e la teoria del "complotto". Restaurare l'islam attraverso il dialogo aperto nella società, basato sui valori universali e comuni. Altrimenti rischia di finire anche l'islam. Beirut (AsiaNews) - L'annuncio dell'inaugurazione del Califfato islamico da parte di Abu Bakr  al Baghdadi (v. foto) rivela un senso di disperazione. Il suo proclama ha una forte impronta ideologica, ma per inaugurare questa nuova epoca del califfato mondiale, ha dovuto cambiare area: non in Siria, dove l'Isis rischiava di essere eliminato dall'esercito di Bashar Assad, ma in Irak, nella parte debole, sunnita, dove il governo non aveva un esercito forte. E si sono fermati facendo questa dichiarazione presuntuosa.
Lo stesso fatto di ridefinirsi non più "Isis" in cui sono presenti i termini "Iraq e Siria", ma semplicemente ‟Stato Islamico", come qualcosa di mondiale, è ridicolo dal punto di vista pratico. Nello stesso tempo, rivela la dimensione ideologica del progetto: si tratta di restaurare il califfato di Bagdad, considerato come il periodo più brillante dell'Islam. Ma la maggioranza dei musulmani non sogna più il califfato, né un impero senza confini. Ognuno cerca di abitare in una nazione, tanto che anche i curdi stanno lavorando da anni per far nascere la loro nazione.
1. La fine del califfato e la nascita dei "Fratelli Musulmani"
La fine del califfato risale a Mustafa Kemal Ataturk, il fondatore della Turchia moderna. Egli depose il 1° novembre 1922 il sultano Mehmet VI, e  18 giorni dopo fu eletto califfo Abdülmecid Efendi, per poco tempo. Ataturk fondò la Repubblica il 29 ottobre 1923 e dopo essere stato eletto presidente, ha proclamato l'abolìzione definitiva del califfato islamico il 3 marzo 1924.
Questa decisione simbolica fu uno shock per l'intero mondo islamico. Soprattutto in seguito alle decisioni prese da Ataturk, in particolare la laicizzazione dello Stato e la de-islamizzazione della società: parità dei sessi; divieto dell'uso del velo islamico nei locali pubblici; divieto del fez e del turbante; divieto della barba per i funzionari pubblici; adozione dell'alfabeto latino al posto dell'arabo; del calendario gregoriano al posto dell'anno dell'egira; della domenica come giorno festivo; del sistema metrico decimale, ecc.
Da allora molti gruppi hanno cercato di riportare in vita il califfato.  Nel 1928, da un progetto di Hassan al-Banna guidato dall'imam azharita Rashid Rida, sono nati i ‟Fratelli Musulmani" proprio per rimediare alla mancanza del califfato. Dopo diverse riflessioni e ricerche da loro svolte per istituire un nuovo califfato in Egitto o in Arabia, essi stessi hanno detto che "non è più possibile avere un califfato" e hanno cambiato rotta: occorre islamizzare i vari Paesi e governi, introducendo la sharia come nostra costituzione. Ciò è stato attuato specie in Arabia saudita, che non ha una costituzione, ma la sharia. In altri Paesi è stata varata una legislazione che si "ispira" alla sharia. Oggigiorno si nota che la maggior parte dei Paesi musulmani, soprattutto i più sviluppati, non va in questo senso e non applica la sharia come un ideale.
2. Chi è Abu Bakr al-Baghdadi. Come tutti i terroristi musulmani, il nuovo "califfo" porta un "nome di guerra". Non si chiama Abu Bakr al-Baghdadi. Si chiama in realtà Ibrahim Awad Ibrahim Ali al-Badri al-Samarrai, nato a Samarra nel 1971. Il suo nome di guerra completo è: Abu Bakr al-Baghdadi al-Husseini al-Qurashi.
Questo nome, per qualunque musulmano educato, è già un programma. Abu Bakr è il nome (più esattamente la kunyah) del primo califfo, cioè il primo successore di Maometto. Al-Baghdadi evoca il periodo più famoso del califfato islamico, quello abbasside, che aveva per capitale Baghdad (750-1258). Al-Husseini si riferisce a Hussein, figlio di Ali e Fatima, la figlia di Maometto, le figure più venerate dall'islam sciita. Infine, al-Qurashi, si riferisce alla tribù di Maometto, originaria di Quraysh. Secondo un hadith il califfo legittimo deve essere discendente di Maometto. Questi ultimi due nomi (due nisbah) significano che egli è il califfo legittimo per eccellenza , che soddisfa sia i sunniti che gli sciiti.
3. Califfato, il sogno nello scompiglio del mondo musulmano
Il califfato è un sogno e fa riferimento al califfato di Baghdad, quello abbasside. Non è un caso che Abu Bakr al Baghdadi sia irakeno. Per attuare i suoi progetti egli ha provato prima con al Qaida, ma ha dovuto staccarsi da essa. Gli altri gruppi fondamentalisti si sono staccati da lui e lo hanno combattuto in Siria. Anzi, ormai tutti i governi hanno deciso di combatterlo: Algeria, Tunisia, Egitto, Siria, Iraq...  A sostenerlo rimangono i Paesi petroliferi -  Qatar e altri - non perché condividano l'idea del califfato, ma per creare diversivi, distrazioni nel mondo arabo.
In ogni caso, il califfato non risponde più a quello che i musulmani arabi ricercano. In Egitto, anche i Fratelli musulmani - la cui maggioranza non è per nulla terrorista, anche se viene eliminata dal nuovo governo  di Al Sissi -  lo hanno sconfessato.
Chi conosce al Baghdadi dice che egli non ha doti per dirigere un grande movimento e non è capace di andare d'accordo con nessuno. Con il poco sostegno che riceve, è molto possibile che il suo ambizioso progetto di conquistare il mondo finisca nel nulla. L'unica cosa che l'Esercito islamico (Ei) possiede è la forza: i suoi militanti non sarebbero nulla senza le armi che i Paesi petroliferi e l'occidente hanno dato loro. Ma tali armi non possono resistere contro un vero esercito. L'Ei appare come vincitore perché ha avuto buona tattica ad attaccare le regioni più deboli e più facili da sottomettere, quelle indebolite dagli ultimi tre anni di guerre e terrorismo. Essi sognavano anche la Libia, ma nessuno li ha seguiti.
4. La decadenza del mondo arabo
In ogni caso la proclamazione del califfato mostra in che direzione si sta muovendo il mondo islamico. Leggendo il proclama di al-Baghdadi, emergono tre affermazioni: anzitutto, "Noi vogliamo restaurare la grandezza dell'islam"; in secondo luogo, "l'occidente ha ridotto il mondo islamico a nulla, uccidendo persone, creando vedove,... "; terzo, "riprendiamoci la nostra leadership con la forza".
Questo è il tipico discorso mitico dei fondamentalisti: prima eravamo bravissimi, poi ci hanno impoverito, adesso ci riprendiamo il potere con la forza.
Ecco come nella sua filippica di proclamazione, Abu Bakr dipinge la decadenza del mondo islamicoi
 "La Ummah islamica cerca la vostra gihad con speranza. I vostri fratelli in molte parti del mondo, si vedono infliggere le peggiori forme di tortura. Il loro onore è violato e il loro sangue è sparso. I prigionieri gemono e urlano chiedendo aiuto. Gli orfani e le vedove lamentano il loro destino. Le donne che hanno perso i loro bambini piangono. Le moschee sono profanate e i santuari violati. I diritti dei musulmani sono sequestrati con la forza in Cina, India, Palestina, Somalia, Penisola Arabica, Caucaso, nel Sham (il Levante), in Egitto, Iraq, Indonesia, Afghanistan, Filippine, Iran, Pakistan, Tunisia, Libia, Algeria e Marocco, sia in Oriente che in Occidente...".
Lui parte da una constatazione molto condivisibile: la decadenza del mondo arabo e islamico, riconosciuta da intellettuali e persone di ogni livello sociale. Per rilevarlo, basta paragonare i Paesi musulmani con qualunque Paese occidentale su economia, politica, diritti umani, giustizia, vita sociale, attenzione ai deboli e ai poveri: siamo davvero in un periodo di decadenza. Anche dove abbiamo miliardi e siamo più ricchi di chiunque (si pensi ai Paesi arabi petroliferi), il livello culturale è molto basso e il contributo alla civilizzazione mondiale è nullo!
Di fronte a questo sfacelo nasce il sogno.  Tale sogno di rinascita non trova alcun sostegno nei Paesi musulmani ricchi, i Paesi petroliferi, disinteressati a qualunque sviluppo umano integrale. Riflettendo su questo, il mondo arabo deve riconoscerlo: abbiamo soldi, ma sono in mano ad una minoranza; abbiamo i numeri, con centinaia di milioni di persone, ma sappiamo soltanto fare guerre.
5. Ricostruire una cultura aperta
In realtà, l'unica via per riconquistare la nostra dignità è ricostruire culturalmente l'uomo arabo e musulmano, ripensando le leggi, applicando i diritti umani, rafforzandoli, andando nel senso di una cultura aperta, che solidarizza con tutto il mondo. Invece vediamo il diffondersi di una cultura della divisione, che è un passo indietro.
Guardiamo al califfato abbasside e domandiamoci: da dove è venuta la sua grandezza? Essa è venuta dall'unione fra tutte le parti dell'antico impero musulmano. Dal punto di vista culturale più che gli arabi, vi hanno contribuito iraniani, afghani, balkh, cristiani di lingua siriaca... Era una visione aperta che dava spazio a tutti, pur privilegiando il mondo arabo islamico.
Oggi la cultura è basata sui diritti umani della persone e la solidarietà fra i popoli. E noi cosa facciamo? Cerchiamo di giustificare e riportare tutti a un modo di vivere che risale a un periodo passato (il VII secolo), tipico di una regione beduina e desertica: questo non può essere una soluzione per il XXI secolo.
6. L'errore ideologico dell'islam
L'errore del mondo islamico è a livello ideologico.  Esso porta a guerre di tipo ideologico: culturale, religioso, storico, ma mai basate sulle vere esigenze della gente.
La gente araba chiede soluzioni ai bisogni essenziali; uguaglianza fra uomini e donne; fra musulmani e non musulmani; ricchi e poveri (nel mondo arabo il povero non ha mai voce!).
Invece di prendere il meglio della civiltà moderna e assimilarlo, noi cerchiamo la soluzione andando indietro.
A causare questo errore ideologico, vi è pure una responsabilità dell'occidente: esso deve migliorare la relazione con il mondo arabo. Fra di noi, l'occidente è visto come un luogo immorale, senza valori. E in parte è vero.  L'occidente è visto come la guida del mondo, che però attua il suo dominio anche con le armi, con la legge del più forte.  Guardando questi elementi, il mondo musulmano rifiuta il progetto occidentale, troppo "umano", e spera in un "progetto divino", che è la sharia.
In realtà la sharia non ha nulla di "divino": essa è la sedimentazione delle regole tribali e beduine del IX e X secolo, e nulla hanno a che fare con il Corano, che è del VII secolo, o con il profeta Muhammad.
Purtroppo anche se questa idea è condivisa dalla maggior parte della popolazione, i capi politici, soprattutto quelli più ricchi, continuano a mantenere viva questa idea della sharia come una cosa "santa", difendendo la cultura beduina e del deserto, essendo loro i discendenti di quell'epoca. Ma essi non sono e non potranno mai essere un modello per il mondo musulmano.
7. Israele, l'islam e la teoria del "complotto"
La crisi del mondo islamico si è acuita anche con la fondazione dello Stato d'Israele, una creazione ingiusta perché nata sul territorio di un altro Stato che non era per nulla colpevole della Shoah. La disfatta del 1948 e poi del 1967 ha mostrato fino a che punto il mondo arabo (e il mondo islamico) fosse in ritardo, e ha suscitato tutte le rivoluzioni arabe e l'animosità contro l'Occidente, oltre che l'odio per Israele (e per alcuni contro ebrei e cristiani).
Ma da questa creazione, essendo ormai un fatto storico, non si può tornare indietro. Per entrare nella prospettiva di maggiore collaborazione internazionale, dobbiamo lavorare per una soluzione alla questione israelo-palestinese. Ciò suppone, sia per gli israeliani che per i palestinesi, la decisione di cercare una soluzione giusta anche se mai perfetta, perché entrambi hanno ricevuto torti e procurato ferite.
Di fronte a questa situazione politico-militare, da noi molti vedono la mano d'Israele (e degli Stati Uniti) in tutto ciò che succede in Medio Oriente. Anche nella creazione dell'Ei, si sospetta il loro zampino per dividere il mondo arabo e rimescolare le carte della regione.
Io sono contro la teoria del "complotto", perché ci indebolisce di più, ci rende irresponsabili della nostra sfortuna. E se questa teoria è vera, allora siamo noi arabi gli stupidi: alla fine chi fa le guerre intestine, nella regione, nel mondo arabo? Siamo noi. E anche se ci lasciassimo abbindolare così facilmente, la nostra responsabilità rimarrebbe.
Che questa situazione di divisione del mondo arabo e islamico dia forza a chi è nemico del mondo arabo, è evidente. Ma favorire la divisione e la guerra è una cattiva politica perché elimina la pace per tutti, anche per Israele. Israele potrà continuare a espropriare territori ai palestinesi, ma arriverà al punto che dovrà tenersi, in uno stesso Stato, israeliani e palestinesi, assumendo quindi al suo interno  elementi in lotta. L'unica via è la collaborazione.
Gli aderenti alla teoria del "complotto" accusano gli Stati Uniti e alcuni Paesi europei di aver facilitato questo genocidio interno al mondo islamico. Di nuovo, la colpa è nostra. Il problema è nato da noi in Siria, perché il governo di Damasco, oltre che dittatoriale, è un governo della minoranza alauita. Un problema politico e sociale interno alla Siria, si è trasformato in una guerra religiosa fra sunniti e sciiti, una guerra che risale al settimo secolo!
Anche la soluzione proposta da Abu Bakr al-Baghdadi è quella del settimo secolo, quando Maometto si è messo a combattere tutte le tribù arabe che non credevano in Dio (e nella sua missione), organizzando più di sessanta razzie (= ghazwa) in una decina di anni (622-632) secondo la più antica biografia del Profeta dell' Islam, il Kitâb al-Maghâzî ("Libro delle spedizioni") di al-Wâqidî.
Conclusione: Ricostruire la società araba coi valori comuni
Se davvero vogliamo ricostruire la società araba, sono necessarie alcune scelte fondamentali:
1. Noi arabi dobbiamo imparare a convivere sulla base di valori comuni, senza fare guerre a motivo di differenze religiose. E in secondo luogo, dobbiamo pensare alla solidarietà nei Paesi e nella regione. Non è possibile che vi siano arabi superricchi e gente che fa fatica a sopravvivere: queste differenze incoraggiano le guerre.
2. Ad un altro livello, c'è anche da collaborare in tutta la regione, soprattutto con Israele, per la pace coi palestinesi. Ogni passo verso la pace in questo senso potrà facilitare i rapporti anche con l'Occidente.
3. Un'altra urgenza è che i Paesi arabi stilino delle costituzioni ispirate alla giustizia, all'uguaglianza, ai diritti umani, alla pace, senza fare distinzioni tra sessi o religioni.
4. E infine occorre ripulire la società dalla corruzione. I nostri Paesi annegano nella corruzione. In Egitto, per esempio, molte persone non vanno in ospedale perché sanno che ogni servizio, anche il più semplice, può essere elargito solo se paghi una piccola bustarella. Per un intervento chirurgico, una pastiglia quotidiana, un'iniezione devi pagare, altrimenti non ti curano!
Questo movimento del califfato non rispetta nessuno di questi 4 principi. Perciò non avrà successo, anzi rafforzerà le discriminazioni basate su norme stabilite più di 1000 anni fa. La stragrande maggioranza dei musulmani vuol vivere secondo valori autentici e attuali; solo i salafiti vogliono tornare all'epoca medievale!
La soluzione è entrare in una visione di collaborazione internazionale interaraba, per costruire una civiltà nuova, integrando gli elementi positivi della modernità e i valori contenuti nella tradizione islamica. Fuori di questo, il mondo arabo non farà che regredire, e - ciò che è peggio - lo farà in nome della religione, cioè dell'Islam. E' tempo di salvare l'Islam, lottando contro il fanatismo religioso.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
17 minuti fa

09/07/2014, la ingenuità dei cinesi: è commovente! oppure, Xi Jinping, è felice di non assere stato mangiato lui: dai satanisti della CIA sull'altare di satana, insieme ai passegeri del volo della Malesia: che: sono spariti, in una base militare americana, ma, è proprio, il disastro più grave, che, i farisei satanisti Kerry Bush vanno cercando, perché, è indispensabile il disastro, a riaprire un nuovo ciclo monetario, parassitario e devitalizzante, circa, il sistema usurocrazia, non solo, ma, questa è la strada per privare la politica, di ogni residuo di sovranità, affinché, satana sia tutto in tutti! ma, miralosamente, quel maniaco schizzato, del mio amico Re, dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud, lui pensa di uscire vincitore, da tutto questo, in qualche modo! ] [ CINA - USA, Xi Jinping: Un conflitto fra Cina e Usa sarebbe un disastro. L'augurio del presidente cinese, all'apertura della due giorni di dialoghi economici e strategici fra le due potenze, è che si migliori la comunicazione nella pazienza. A tema la Corea del Nord, lo spionaggio cibernetico, le tensioni nel Mare Cinese meridionale. Scrittrice tibetana arrestata per non farla partecipare al gala all'ambasciata statunitense. Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Il presidente cinese Xi Jinping  è favorevole a una maggiore comunicazione in campo militare con gli Stati Uniti per evitare un disastro a livello planetario. Aprendo ieri un incontro ad alto livello fra le due nazioni su temi strategici ed economici, egli ha sottolineato che occorre "mutuo rispetto", "pazienza strategica" e "rimanere tranquilli in caso di incidenti e commenti", altrimenti "un conflitto fra Cina e Stati Uniti sarebbe senz'altro un disastro per le due nazioni e per il mondo". L'incontro di due giorni, che si tiene all'hotel statale Diaoyutai, è il sesto di una serie e dovrebbe cercare di appianare le molte tensioni accumulatesi in questi mesi fra le due potenze: spionaggio cibernetico, dispute marittime ed aeree con alleati Usa quali Filippine e Giappone, questione sicurezza nella penisola coreana. Un ultimo elemento di tensione: ieri la scrittrice tibetana Tsering Woeser è stata messa agli arresti domiciliari senza alcuna ragione espressa. Con ogni probabilità, l'arresto vuole prevenire la presenza di Tsering all'ambasciata americana a Pechino, dove dovrebbe incontrare il segretario di Stato John Kerry. Lo scorso anno il Dipartimento di Stato Usa ha conferito a Tsering Woeser il premio internazionale "Donne coraggio", ma Pechino non le ha permesso di andare a ritirarlo. CHINA - UNITED STATES. Xi Jinping: A conflict between China and the United States would spell disaster. In opening a two-day strategic and economic dialogue, China's president expresses hope for better communication and greater patience between the two countries. Talks will focus on North Korea, cyber-espionage, and tensions in the South China Sea. A Tibetan writer is arrested to prevent her from attending event at the US embassy. Beijing (AsiaNews/Agencies) - China's President Xi Jinping called for greater military communication with the United States to prevent global disasters. Opening high-level talks at the US-China Strategic and Economic Dialogue, he called for mutual respect, strategic patience and unperturbed behaviour in case of individual incidents and comments. Otherwise, "A conflict between China and United States will definitely be a disaster for the two countries and the world," he said. The two-day meeting at the Diaoyutai guesthouse is the sixth round of the bilateral event. The aim is to rehabilitate relations strained by differences over cyber-espionage, escalating maritime disputes between China and US allies like the Philippines and Japan in the Asia Pacific, and security on the Korean Peninsula. On this occasion, a final element of tension was Tibetan writer Tsering Woeser who was put under house arrest yesterday. Chinese security officers gave no reasons for her detention. In all likelihood, she was arrested to prevent her from attending an event at the US embassy in Beijing, where she might have met US Secretary of State John Kerry. Last year, the US State Department awarded Tsering Woeser the 'International Women of Courage Award' but Beijing banned her from travelling to the US capital to receive the award. Xi Jinping: Un conflicto entre China y Usa sería un desastre. El augurio del presidente chino, en la apertura de los dos días de diálogos económicos y estratégicos entre las dos potencias, es que se mejore la comunicación y la paciencia. Como tema Corea del Norte, el espionaje cibernético, las tensiones en el Mar Chino meridional. Escritora tibetana arrestada para no dejarla participar en la recepción en la embajada estadounidense. Beijing (AsiaNews/Agencias)- El presidente chino Xi Jinping es favorable a una mayor comunicación en campo militar con los EEUU, para evitar un desastre a nivel planetario. Abriendo ayer un encuentro a alto nivel entre las dos naciones sobre temas estratégicos y económicos, él subrayó que se necesita "mutuo respeto", "paciencia estratégica" y "permanecer tranquilos en caso de incidentes o comentarios", de otro modo "un conflicto entre China y EEUU sería sin duda un desastre para las dos naciones y para el mundo". El encuentro de dos días, que se realiza en el hotel estatal Dioaoyutai, es el sexto de una serie y debería tratar de allanar las tantas tensiones acumuladas en estos meses entre las dos potencias: espionaje cibernético, disputas marítimas y aéreas con aliados Usa, como Japón , Filipinas, cuestiones de seguridad en la península coreana. Un último elemento de tensión: ayer la escritora tibetana Tsering Woeser fue colocada a los arrestos domiciliarios, sin alguna razón dada. Con toda probabilidad, el arresto quería evitar la presencia de Tsering en la embajada de Beijing, donde habría encontrado al secretario de estado John Kerry. El año pasado el Departamento de Estado, confirió a Tsering Woeser el premio internacional: "Mujer coraje", pero Beijing no le permitió ir a retirarlo. 中国 - 美国. 习近平:中美冲突将导致灾难 . 中国国家主席在为期两天的第六轮中美战略与经济对话和第五轮中美人文交流高层磋商联合开幕式上祝愿在忍耐中完善沟通。北朝鲜问题、网络间谍、南中国海紧张 局势。藏族女作家维色被捕,以防其参加在美国大使馆的活动. 北京(亚洲新闻/通讯社)-中国国家主席支持与美国在军事领域进一步广泛交流,从而避免全球性灾难。昨天,在中美战略与经济对话高层会晤上,习近平强调需 要"不变的尊重"、"战略忍耐"、"一旦发生事故保持镇静",否则"中美冲突无疑将给两国和世界造成灾难"。
            为期两天的第六轮中美战略与经济对话在北京钓鱼台国宾馆举行,将努力平息近个月以来两国之间的紧张局势:网络间谍、南中国海冲突以及美国与菲律宾和日本结盟、朝鲜半岛安全问题。
            最新出现的问题是昨天藏族女作家维色被软禁家中,也没有任何理由。很可能是为了阻止她到美国驻北京大使馆去见美国国务卿克里。
            去年,美国国务院向维色颁发了国际"勇敢女性奖",但北京没有允许她领奖。
 ·
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
32 minuti fa

tutto il delirio islamico mistico sharia nazi, per la conquista del mondo ummah, se, genocidi, hanno funzionato per 1500 anni, con risultati apprezzabili, imperialisticamente parlando!, perché, non dovrebbe funzionare ancora, ha detto: Re dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud. 09/07/2014. IRAK
Arzobispo de Mosul: desplazados sin agua ni electricidad. Los fieles excavan pozos para cristianos y musulmanes. Monseñor Emil Shimoun Nona habla a AsiaNews de una situación cada vez más dramática. La electricidad se suministra de dos a cuatro horas al día, falta el agua. Ocho pozos excavados, pero "no son suficientes". Militantes de Isis han tomado el control de una fábrica con arsenal químico. No hay noticias sobre las hermanas y los niños secuestrados. Mosul (AsiaNews) - "Hoy he hecho un largo recorrido en la diócesis, especialmente en el este, en una parroquia de las afueras de Mosul, y es de hecho una fuente de gran dolor por ver las condiciones de vida de la gente, de las personas desplazadas. Falta el agua y la electricidad. La situación sigue siendo dramática". Esto es lo que le dice a AsiaNews, Monseñor Shimoun Emil Nona, arzobispo caldeo de Mosul, en el norte de Irak, donde cerca de 500 mil personas, cristianos y musulmanes, han huido el mes pasado, causando una crisis humanitaria, económica y política. El prelado dijo que "la Iglesia está en la construcción de pozos para extraer agua del subsuelo", hechos "al menos ocho" en estos días, "pero no son suficientes" para satisfacer las necesidades de todos, aunque "es mejor que nada". La electricidad se distribuye "dos a cuatro horas al día", para el resto se trata de hacer cuanto es posible, gracias a la utilización de generadores. El prelado, activo desde el primer día en la prestación de apoyo a las personas desplazadas, deja en claro que los pozos de agua excavados por la comunidad local", son utilizados por todas las personas, musulmanes y cristianos, sin distinción de ningún tipo". La obra de la Iglesia, añade, "no es sólo para los cristianos, sino para todos los habitantes, los musulmanes y los miembros de otros grupos étnicos." Nona renueva el llamado a la oración por todo el pueblo iraquí, así como para las monjas y niños raptados por las milicias islamistas. "No hay innovaciones sustanciales sobre el secuestro", dijo el prelado, quien aboga extrema precaución y cuidado a unos y otros para salvaguardar la vida de los rehenes. En este momento el Patriarca de la Iglesia caldea Mar Louis Raphael I Sako - que recientemente ha lanzado un llamamiento para la liberación de las monjas y huérfanos en manos de la Isis - ha dejado Bagdad por Bruselas, aceptando la invitación lanzada por Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS). Su Beatitud ha programado reuniones oficiales con el Consejo de Obispos de Europa y con el Parlamento Europeo, para discutir la situación en el país y las posibles intervenciones para contener la emergencia, en particular la relativa a los refugiados y personas desplazadas. Acompañan a Mar Sako monseñor Boutros Moshe, obispo siro-católico de Mosul y monseñor Yousif Toma S.J, obispo caldeo de Kirkuk. Mientras tanto, los rebeldes del Estado Islámico de Irak y el Levante (Isis, formación jihadista sunní ya vinculado a Al-Qaeda) han tomado el control de una antigua fábrica de armas químicas; la confirmación proviene de fuentes oficiales de Bagdad, en una carta a las Naciones Unidas en la que admite no poder cumplir la promesa de destruir las armas químicas. El complejo de Muthanna, en el noroeste de Bagdad, sigue siendo el hogar de una parte del arsenal del régimen de Saddam Hussein (buscado durante años y nunca descubierto por los Estados Unidos). Según Washington y la ONU el material se deteriora y los islamistas no podrían usarlo u obtener ojivas químicas. El hecho es que la milicia, después de haber ganado importantes instalaciones petroleras, tales como el centro de Baiji, al norte de la capital, y sitiado una presa cerca de Haditha, estratégica para la nación, se centran en el armamento y material de guerra, que alguna vez estuvo a disposición del régimen. En una carta dirigida al Secretario General Ban Ki-moon, el embajador iraquí en las Naciones Unidas a la Alhakim Mohamed Ali dijo que los militantes han conquistado la totalidad de Muthanna el 11 de junio, después de haber desarmado a los guardias del sitio. Los funcionarios de seguridad confirmaron el "saqueo de los equipos y otros dispositivos" y añadió que el gobierno va a desmantelar el arsenal "tan pronto como se recupere el control de la instalación". A partir de la información oficial resulta que se almacenaba en el sistema al menos 2.500 cohetes con diversos productos químicos, incluyendo el infame gas sarín y mostaza. Fuentes de la ONU indican que, en el mes de junio, al menos 2.417 iraquíes, entre ellos 1.513 civiles, han muerto "en actos de violencia o de terrorismo". Más de un millón de personas han huido de sus hogares a causa de los combates entre el ejército y las milicias islamistas. (DS)
 ·
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
34 minuti fa

tutto il delirio islamico mistico sharia nazi, per la conquista del mondo ummah, se, genocidi, hanno funzionato per 1500 anni, con risultati apprezzabili, imperialisticamente parlando!, perché, non dovrebbe funzionare ancora, ha detto: Re dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud. 07/09/2014. IRAQ. Mosul Archbishop: IDPs without water and electricity, faithful dig wells for Christians and Muslims. Archbishop Emil Nona Shimoun talks to AsiaNews about a situation that is getting worse by the day. Power is available for two to four hours a day. Water shortages have become the norm. Eight wells have been dug but that is "not enough." ISIS militants seize an old chemical weapons factory. Still nothing is known about abducted nuns and children. Mosul (AsiaNews) - "Today I made ​​a long visit to the diocese, especially in the east, in a parish outside Mosul. It is indeed a source of great sorrow to see how residents and internally displaced people are living. Water and power are in short supply and the situation is tragic," Mgr Shimoun Emil Nona, Chaldean archbishop of Mosul, told AsiaNews, About 500,000 people, Christians and Muslims, fled the northern Iraqi city last month, causing a humanitarian, economic and political crisis. Now "The Church is building wells to draw water from underground," the prelate said. So far, ​​"at least eight" have been dug "but they are not enough" to meet everyone's needs, even if "it is better than nothing." Power supplies comes "two to four hours a day," he explained. For the rest of the day, people make the best with generators. The prelate, active from the first day in providing support to internally displaced people (IDPs), made it clear that the water wells dug by the local community "are used by everyone, Muslims and Christians, without distinction of any kind". The work of the Church, he added, "is not just for Christians, but for all the inhabitants, Muslims and members of other ethnic groups." Mgr Nona renewed his call to pray for the entire Iraqi people, as well as for the nuns and the children kidnapped by Islamist militias. "There are no substantial news about the abduction," the prelate said, who has called for extreme caution and care with regards to the affair in order to preserve the lives of the hostages. Meanwhile, the Patriarch of the Chaldean Church Mar Louis Sako Raphael I, who recently launched an appeal for the release of the nuns and orphans in ISIS's hands, left Baghdad for Brussels, after he accepted an invitation from Aid to the Church in Need (ACN). His Beatitude has scheduled official meetings with the Council of European Bishops and with the European Parliament, to discuss the situation in his country and possible interventions to cope with the emergency, particularly in relation to refugees and displaced persons. Mar Sako was accompanied by Mgr Boutrous Moshe, Syro-Catholic bishop of Mosul, and Mgr Yousif Toma S.J, Chaldean bishop of Kirkuk. For its part, the Islamic State of Iraq and Syria (ISIS), a Sunni jihadist group linked to al-Qaeda, has seized control of an old chemical weapons factory at Muthanna, north-west of Baghdad. The complex housed part of Saddam Hussein's arsenal (which the US tried to find but never discovered). After seizing major oil facilities, like the Baiji refinery, north of the capital, and the Haditha dam, which is crucial for the country, Islamist militia now appear poised to seize more government weapons and materiel. In a letter to UN Secretary General Ban Ki-moon, Iraq's UN Ambassador Mohamed Ali Alhakim said the rebels took over the complex on 11 June, after disarming soldiers who guarded the site. His government was thus unable to keep its obligations to destroy its chemical weapons. The document stated that Muthanna's surveillance system showed that there was "looting of some equipment and appliances" at the factory. It also noted that the government would resume its commitments "as soon as the security situation has improved and control of the facility has been regained". According to the United States and the United Nations, the material is degraded and Islamists would not be able to use it or obtain chemical warheads. However, it is believed that some 2,500 rockets filled with nerve agents - including sarin and mustard gas - were stored at Muthanna. The UN said at least 2,417 Iraqis, including 1,531 civilians, were killed in "acts of violence and terrorism" in June. More than a million people have fled their homes because of fighting between the army and Islamist militias. (DS)
 ·
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
36 minuti fa

tutto il delirio islamico mistico, per la conquista del mondo, se, genocidi, hanno funzionato per 1500 anni, con risultati apprezzabili, imperialisticamente parlando!, perché, non dovrebbe funzionare ancora, ha detto: Re dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud. IRAQ. Arcivescovo di Mosul: Sfollati senza acqua ed elettricità. I fedeli scavano pozzi per cristiani e musulmani. Mons. Emil Shimoun Nona racconta ad AsiaNews di una situazione sempre più drammatica. La corrente viene erogata dalle due alle quattro ore al giorno, manca l’acqua. Otto pozzi scavati, ma “non sono sufficienti”. Miliziani Isis hanno assunto il controllo di una fabbrica con arsenale chimico. Nessuna notizia sulle suore e i bambini rapiti. Mosul (AsiaNews) - "Oggi ho compiuto un lungo giro nella diocesi, in particolare nella zona orientale, in una parrocchia fuori Mosul ed è davvero fonte di profondo dolore vedere le condizioni di vita delle persone, degli sfollati. Mancano acqua ed elettricità, la situazione resta drammatica". È quanto racconta ad AsiaNews mons. Emil Shimoun Nona, arcivescovo caldeo di Mosul, nel nord dell'Iraq, dove circa 500mila persone, cristiani e musulmani, sono fuggite il mese scorso, originando una crisi umanitaria, economica e politica. Il prelato riferisce che "la Chiesa sta costruendo dei pozzi per attingere l'acqua dal sottosuolo", ne sono stati realizzati "almeno otto" in questi giorni "ma non sono sufficienti" per soddisfare i bisogni di tutti, anche se "è meglio di niente". L'elettricità viene distribuita "dalle due alle quattro ore al giorno", per il resto si cerca di sopperire come possibile, grazie anche all'uso di generatori. Il prelato, attivo fin dal primo giorno nell'opera di assistenza agli sfollati, chiarisce che i pozzi per l'acqua scavati dalla comunità locale, "sono utilizzati da tutti gli abitanti, musulmani e cristiani, scena distinzione alcuna". L'opera della Chiesa, aggiunge, "non è solo per i cristiani, ma per tutti gli abitanti, per i musulmani e per i membri delle altre etnie". Mons. Nona rinnova l'appello alla preghiera per tutta la popolazione irakena, oltre che per le suore e i bambini rapiti dalle milizie islamiste. "Non vi sono novità sostanziali sul sequestro" conclude il prelato, che auspica massima prudenza e attenzione sulla vicenda a salvaguardia delle vite degli ostaggi. In queste ore il Patriarca della Chiesa caldea Mar Louis Raphael I Sako - che nei giorni scorsi ha lanciato un appello per la liberazione delle suore e degli orfani nelle mani dell'Isis - ha lasciato Baghdad per Bruxelles, accogliendo l'invito lanciato da Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs). Sua Beatitudine ha in calendario incontri ufficiali con il Consiglio dei vescovi europei e con il Parlamento europeo, per discutere della situazione del Paese e dei possibili interventi per arginare l'emergenza, in particolare quella relativa ai profughi e sfollati. Ad accompagnare Mar Sako vi sono mons. Boutrous Moshe, vescovo siro-cattolico di Mosul e mons. Yousif Toma S.J, vescovo caldeo di Kirkuk. Intanto i ribelli Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis, formazione sunnita jihadista già legata ad al Qaeda) hanno assunto il controllo di una vecchia fabbrica di armi chimiche; la conferma arriva da fonti ufficiali a Baghdad, in una lettera inviata alle Nazioni Unite in cui ammettono di non poter rispettare la promessa di distruggere le armi chimiche. Il complesso di Muthanna, a nord-ovest di Baghdad, ospita ancora una parte dell'arsenale del regime di Saddam Hussein (cercato per anni e mai scoperto dagli Stati Uniti). Secondo Washington e l'Onu il materiale è deteriorato e gli islamisti non sarebbero in grado di usarlo o ricavarne testate chimiche. Resta il fatto che i miliziani, dopo aver conquistato importanti impianti petroliferi come la centrale di Baiji, a nord della capitale, e assediato una diga nei pressi di Haditha, strategica per la nazione, puntano sugli armamenti e sul materiale bellico un tempo a disposizione del regime. In una lettera indirizzata al segretario generale Ban Ki-moon, l'ambasciatore irakeno alle Nazioni Unite Mohamed Ali Alhakim spiega che i miliziani hanno conquistato il complesso di Muthanna l'11 giugno scorso, dopo aver disarmato le guardie del sito. I responsabili della sicurezza confermano il "saccheggio di attrezzature e altri congegni" e aggiungono che il governo provvederà a smantellare l'arsenale "non appena avrà riguadagnato il controllo della struttura". Dalle informazioni ufficiali risulta che nell'impianto sono conservati almeno 2500 razzi con vari agenti chimici, fra cui i famigerati gas sarin e mustard. Fonti delle Nazioni Unite riferiscono che, nel solo mese di giugno, almeno 2417 irakeni, fra cui 1513 civili, sono morti "in atti di violenza o terrorismo". Oltre un milione di persone hanno abbandonato le proprie abitazioni a causa dei combattimenti fra esercito e milizie islamiste.(DS)
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
43 minuti fa

INDIA, questa è la verità noi non potremo sopravvivere a scontri di civiltà, ecco perché la sharia e i fondamentalismi devono essere condannati! ma induisti non erano così, sono gli islamici, che, hanno avvelenato il mondo! ] Chhattisgarh, villaggio vieta attività non indù.. Il gram sabha di Belar mette al bando tutte le attività religiose che non appartengono all’induismo. Presidente Gcic: l’India è uno “Stato laico” e deve garantire “il rispetto dei diritti”, fra cui la libera pratica del culto. E lancia un appello per la cancellazione delle norme “discriminatorie” in materia di fede.
Mumbai (AsiaNews) - Un'ennesima "violazione" del principio supremo dell'India, che è uno "Stato laico" e dovrebbe garantire la libertà di culto in tutte le aree del Paese. Così l'attivista cristiano Sajan K George, presidente di Global Council of Indian Christians (Gcic), commenta la decisione di un altro villaggio del distretto di Bastar, nello Stato centrale di Chhattisgarh, di "vietare le attività religiose" che non appartengono alla tradizione indù. Teatro della nuova vicenda di abusi contro le minoranze in India il villaggio di Belar, nel blocco di Lohandiguda; il 6 luglio scorso il consiglio locale (gram sabha) ha approvato la risoluzione e messo al bando riti, culti e pratiche diverse da quella indù. Da tempo nel Paese dell'Asia del sud si registrano attacchi sistematici alle minoranze, che vedono restringersi in modo progressivo la libera pratica del culto. Il 10 maggio scorso il consiglio del villaggio di Sirisguda, a Tongpal, ha messo al bando i missionari non indù. Un provvedimento, si legge nel comunicato, adottato per "fermare le conversioni forzate" perpetrate da alcuni "attivisti stranieri", i quali userebbero un "linguaggio diffamatorio" nei confronti "delle divinità e delle tradizioni indù". E ancora, il 16 giugno scorso in un altro distretto del Chhattisgarh un gruppo di famiglie cristiane è stato preso di mira e picchiato da alcuni fondamentalisti indù. Qualche giorno più tardi, il 26 giugno, il gram sabha (consiglio) di oltre 35 villaggi nel distretto a maggioranza tribale di Bastar (Chhattisgarh) ha vietato l'ingresso alle persone non indù, per impedire loro di "danneggiare" la cultura e la religione della comunità.
Interpellato da AsiaNews Sajan K George sottolinea che l'India è uno "Stato laico" ed è soggetto, per averlo ratificato, alla "Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici". L'attivista cristiano, a nome dei membri di Gcic, lancia un appello perché tutte le norme "discriminatorie" vengano "affrontate con urgenza" per assicurare il rispetto della Costituzione e del diritto di tutti "alla libera pratica del culto". Lo Stato tra l'altro presenta già da tempo nel suo ordinamento una cosiddetta "legge anticonversione" (Chhattisgarh Religion Freedom Act 2006); il provvedimento richiede a chi vuole cambiare religione di informare con un mese di anticipo il magistrato distrettuale, a cui spetta la facoltà di conferire o meno il permesso di convertirsi.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

se, tu andassi tra, i palestinesi a fare il cristiano? ok! poi, io non credo, che, il tuo medico sarebbe felice! sono dei spietati nazisti assassini, come in tutta la LEGA ARABA, in realtà, non esiste un problema palestinesi, semplicemente, perché, esiste una sola Ummah! quindi, esiste un solo pianeta califfato, da conquistare.. infatti, sono nazisti senza diritti umani, e senza libertà di religione, ovviamente, hanno imparato dai farisei ad essere totalmente: ipocriti cinici, e bugiardi! in mezzo, loro tu puoi soltanto morire! infatti, la loro esaltazione mistica, è fare il genocidio di ogni diversità!
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

chi piangerebbe un mercenario, che, uccide per soldi? così non bisogna piangere i palestinesi, loro sono pagati, per: 1. odiare, 2. uccidere, 3. e sono protetti, dalla UE, OCI lega araba, ONU, quando fanno i terroristi! questo è l'inferno che: talmud farisei e, corano sharia salafiti hanno inventato per rovinare il genere umano! Gaza, colpita casa durante raid Israele. Nel campo profughi di al-Maghazi, 5 morti. 09 luglio 2014 GAZA,  Cinque persone sono rimaste uccise in un attacco aereo israeliano nel campo profughi di al-Maghazi (Gaza). Lo riferisce l'agenzia di stampa Maan.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

anche se, siamo diventati più poveri? daremo di meno, ma, dobbimo essere solidali! 9 LUGlio Keira Knightley testimone d'eccezione dell'emergenza umanitaria in Sud Sudan, dove la guerra civile ha prodotto oltre 1 milione e mezzo di profughi. In occasione del terzo anniversario dell'indipendenza del Sud Sudan, l'attrice britannica si è recata nel Paese africano assieme ad Oxfam per visitare il campo di Bor a Jonglei. L'attrice commenta così la difficile situazione in cui vivono i profughi:"Non avevo idea di cosa aspettarmi quando sono arrivata in Sud Sudan. Hanno bisogno del nostro aiuto".
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

Mo: Gaza, bilancio sale a 52 morti. Dopo tre giorni di raid israeliani in risposta a lancio razzi. ] premier israeliano Netanyahu, esci, fariseo, dalla sinagoga di satana talmud, ed entra nel Regno di Dio! tu smetti attore, di giocare, il tuo ruolo criminale COMPLICE, di Hollywood, nel sistema massonico Rothschild, per ottenere la tua guerra mondiale! la tua misera scenetta, ormai, dura da 66 anni, e questa tua musica ha stufato! TUTTI I PALESTINESI DEVONO ESSERE DEPORTATI IN SIRIA, perché, la sharia trasforma i musulmani, in terroristi senza pietà, per la conquista del mondo ummah califfato saudita, è lui, il regista occulto, di questo inferno della galassia jihadista, questo, mi hanno detto, i martiri cristiani, sgozzati in Siria ed in tutto il mondo!!
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

premier israeliano Netanyahu -- smetti attore di giocare, il tuo ruolo criminale COMPLICE, nel sistema massonico, per ottenere la tua guerra mondiale! la tua misera scenetta, ormai dura da 66 anni, e questa tua musica ha stufato! TUTTI I PALESTINESI DEVONO ESSERE DEPORTATI IN SIRIA, perché la sharia trasforma i musulmani, in terroristi senza pietà, per la conquista del mondo ummah califfato saudita, è lui, il regista occulto, di questo inferno la galassia jihadista, questo, mi hanno detto, i martiri cristiani, sgozzati in Siria ed in tutto il mondo!!
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

IL LORO Juncker, di applicare rigore con buon senso?  tutte le loro truffe giuridiche di una costituzionale sovranità monetaria stuprata? "Il patto di stabilità sarà applicato così com'è, ma con buon senso" e "ci sarà una lista di note applicative ragionevoli"? OK TUTTI QUESTI DISCORSI USUROCRATICI E CRIMINALI PORTARONO il FASCISMO E NAZISMO: AL POTERE! ed è la guerra mondiale, il vero obiettivo, di Rothschild, affinché, il suo satana 322, possa essere, tutto in tutti, come ha detto, lo scienziato Giacinto Auriti, che, ha parlato di "comunione di satana!" nel sistema massonico: di farisei Talmud per la usurocrazia Bildenberg!
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

MA, NON SI PUò DISCUTERE, CON UN BRANCO DI BULLI, CHE, TI HA INVASO LA CASA! I PROCI DEVONO ESSERE UCCISI! SE, VOGLIONO IL DIALOGO? LORO DEVONO USCIRE DALLE MIEI PROVINCIE! ] LA MOGHERINI è UNA RAGAZZA SENZA ESPERIENZA, LEI NON HA CONOSCIUTO IL VERO VOLTO DEI NAZISTI DI KIEV CIA 322! [ Ucraina: Mogherini, sì Putin a tregua. Ministro esteri ne riparlerà a Kiev. "Ho trovato disponibilità". 09 luglio 2014. Il presidente russo, Vladimir Putin, ha dato massima disponibilità a lavorare su un cessate il fuoco immediato, bilaterale e incondizionato" in Ucraina, ha detto il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, dopo il colloquio al Cremlino. Mogherini poi riparlerà con le autorità di Kiev: "E' un esercizio faticoso", l'applicazione dell'accordo di Berlino per la crisi ucraina, "ma ho constatato da tutte e due le parti disponibilità e volontà a trovare un punto di partenza positivo".
 
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

Mario Draghi, il traditore assassino! MA, NOI stiamo già boccheggiando, VOI POLITICI, prendete il Denaro, amputando i grandi capitali privati, non toccate più, il popolo, oppure, la economia, artigianato, e quello che resta della industria spariranno! [ Draghi il vampiro ha detto:" fondamentale applicare regole fiscal compact" ] Pronti a misure non convenzionali, contro bassa inflazione. 09 luglio 2014. Notizie Correlate: Juncker, 'patto stabilità sarà applicato con buon senso'  purché non faccia suicidare, più di 2000 imprenditori, nei prossimi 5 mesi! Archiviato in: congiure, latrocinio, usurocrazia, Banche centrali, Spa, truffa, Bilancio Statale, sistema massonico, signoraggio bancario! Tommaso Padoa-Schioppa, alto tradimento, Mario Draghi, Banca Centrale Europea, Unione Europea. Affidare alle riforme strutturali nei Paesi europei una governance europea come avviene per la disciplina di bilancio "avrebbe un convincente motivo d'essere". Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, secondo cui una governance Ue delle riforme per la crescita "faciliterebbe il dibattito a livello nazionale". "Il nostro futuro - ragiona il presidente della Bce - è in una maggiore integrazione, non nella ri-nazionalizzazione delle nostre economie. Sospetto che Tommaso sarebbe stato d'accordo". Così Mario Draghi in un discorso a Londra in memoria dell'ex consigliere Bce e ministro dell'Economia Tommaso Padoa-Schioppa. PER SALVARSI LA VITA, BISOGNA ARRESTARE I BILDENBERG! NAZIONALIZZARE LE BANCHE, RIPRISTINARE LA SOVRANITà MONETARIA, USCIRE IMMEDIATAMENTE DALLA EUROPA!
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
1 ora fa

Ucraina: la fuga dalla democrazia alla Poroshenko, i nazi Merkel Kiev,  CIA Bildenberg, ed il loro oscuramento della democrazia! Il principale organo europeo per la registrazione dei rifugiati nei paesi dell’Ue ha constato un brusco aumento del numero degli ucraini che non vogliono vivere in Ucraina. Le statistiche più recenti fornite dall’ Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO) risultano indicative in questo senso: dal marzo al maggio di quest’anno il numero degli aspiranti al rifugio in Europa si è impennato di sette volte in un colpo solo! Nel giro di soli tre mesi più di 2 mila persone hanno dichiarato di volere restare. Negli ultimi 20 anni il numero medio dei pretendenti alla residenza legale in Europa, provenienti dall’Ucraina, era pari a circa a 100 persone al mese, - ha detto il direttore dell’Agenzia Robert Visser. Nel maggio scorso l’EASO ha registrato già 700 richieste al mese. Gli esperti dell’EASO nel loro rapporto annuale non consigliano agli europei di farsi illusioni riguardo a queste cifre di modica entità. È solo l’inizio dell’afflusso di rifugiati dall’Ucraina. Robert Visser fa presente che fin qui l’Ue non ha nemmeno esaminato le richieste degli ucraini per ottenere rifugio. Ma ora, dopo l’inizio dell’operazione punitiva nell’est dell’Ucraina, queste richieste verranno prese in esame. Gli esperti russi ritengono che in considerazione del fatto che la situazione nell’Est, a Donetsk e a Lugansk, continuerà ad aggravarsi, la fuga dall’Ucraina è destinata solo ad aumentare. Le prospettive di stabilizzazione nel Paese sono molto incerte, e quelle della stabilità economica, in generale, sono illusorie, - ritiene Vassily Ukharsky, analista macroeconomico della Società d’investimento internazionale UFS. Il dissesto che c’è e continuerà ad esserci dovrà essere ripristinato. Si dovrà recuperare la popolazione, che è già fuggita, totalmente o in parte, dalle zone di azioni punitive. Tutto ciò può impiegare molto tempo. Le spese finanziarie saranno enormi. Attualmente nessuno può prevedere quando l’Ucraina, Donetsk e Lugansk potranno passare al rilancio economico.
A fronte di questo in Ucraina, dopo che in giugno è stato firmato l’Accordo di associazione con l’Ue, il numero degli aspiranti alla residenza in Europa è in continuo aumento. La stampa europea spiega questo fenomeno in modo semplice: quasi tutti gli aspiranti ucraini al rifugio già ora vivono o lavorano in Eruopa, leggono i giornali europei, sanno gli umori europei e s’immaginano l’essenza dell’accordo di associazione. Comprendono ciò che viene intenzionalmente celato nella loro patria. In Europa nessuno parla di inserimento di Kiev nell’Ue né nei prossimi 5-10 anni, né in un futuro prevedibile. Nessuno ha spiegato agli ucraini l’essenza dell’accordo il cui testo non è stato nemmeno tradotto in lingua ucraina, dice Alexey Martynov, direttore dell’Istituto Internazionale di studi sui nuovissimi paesi:
Molti ucraini credono tutt’oggi che l’associazione sia un primo passo verso l’ingresso nell’Ue. Comunque, simili associazioni con l’Ue già ora interessano una serie di paesi latino-americani. L’Egitto e la Turchia già da diversi decenni sono associati all’Unione Europea, ma nessuno di loro ha ancora aderito all’Ue. L’associazione e l’appartenenza non sono cose interconnesse tra di esse. Quando c’era il bisogno impellente di integrare l’Ue mediante l’ammissione di paesi europeo-orientali, nessuno di essi aveva percorso la fase dell’appartenenza associativa. L’assorbimento era avvenuto subito, ipso facto. Per esempio, è il caso della Polonia. A proposito, proprio la Polonia è la principale testa di ponte della marcia di immigrati ucraini verso l’Europa. Stando ai dati ufficiali, in Polonia lavorano legalmente circa 250 mila ucraini. Ma come testimonia l’Istituto ucraino di demografia e ricerche sociali (NANU), il numero degli immigrati clandestini in Polonia supera di molto questa cifra: in totale sono più di 500 mila. In Germania gli immigrati illegali ucraini sono un poco più di 200 mila, in Boemia – fino a 100 mila, in Italia - 200 mila, in Spagna – circa 100 mila, in Portogallo – circa 65 mila e in Grecia – circa 50 mila. La maggioranza degli immigrati ucraini preferiscono restare in Germania, Norvegia o Svizzera e non in Polonia. Stando ai dati in possesso dello stesso NANU, attualmente più del 15 % degli ucraini non vogliono vivere in Ucraina e preferirebbero lavorare in Germania o ottenervi il permesso di soggiorno.
Il maggiore flusso di rifugiati per il momento interessa la Russia Secondo i dati forniti dalle autorità migratorie russe, da marzo nella Federazione Russa sono rifugiati circa mezzo milione di ucraini. Ad onor del vero, non tutti loro sono classificati come rifugiati, poiché la maggioranza risulta ospitata dai numerosi parenti in Russia. Il Dipartimento dell’Alto Commissario dell’ONU per i Rifugiati ha registrato più di 160 mila profughi. Kiev nega totalmente questi fatti dal momento che se li riconoscerà sarà difficile spiegare perché per salvarsi dalle “operazioni di liberazione” della giunta nell’Est del paese centinaia di migliaia di ucraini fuggono proprio in Russia. A questo va aggiunto che Kiev definisce Mosca aggressore e sostiene che a Donetsk e a Lugansk sono proprio i militanti della milizia popolare a bombardare le proprie città e a terrorizzare la popolazione locale.

Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

i nazi Merkel Kiev,  CIA Bildenberg, ed il loro oscuramento della democrazia!
Vaclav Klaus: “Poroshenko parla di pace, ma il sangue continua a scorrere”. L’ex Presidente della Repubblica Ceca, Vaclav Klaus, è di nuovo venuto a Mosca per ricordare la figura di Egor Gajdar. All’inizio dell’anno Klaus era intervenuto al Forum economico dedicato a Gajdar, questa volta ha tenuto una lezione alla Scuola di management di Skolkovo nell’ambito del ciclo Speakers Nights, dedicato al riformatore defunto che in Russia da molti è visto male.
Tale è la parabola di ogni riformatore, ha detto Klaus nell’intervista esclusiva rilasciata a “La Voce della Russia”.
- In una misura o nell’altra, questa è la sorte di tutti coloro che hanno cercato di riformare la società in maniera radicale. Le riforme, incredibilmente difficili, erano oggettivamente necessarie, ma il prezzo da pagare era altissimo. I riformatori devono sempre capire quello che fanno e devono prevedere la reazione. Egor Gajdar, in Russia, ha avviato un coraggioso processo di riforme economiche e politiche. Non tutto gli è riuscito, ma il suo è stato uno dei tentativi più radicali e memorabili di riformare il Paese. Infatti, la Russia è cambiata.
- Parlando dei cambiamenti, l’Ucraina ha firmato la parte economica dell’Accordo di associazione con l’UE. Radio Praga ha riferito che questo accordo frutterà alle aziende ceche 450 milioni di corone all’anno che in seguito potrebbero aumentare fino a 2 miliardi all’anno. Lei come valuta le conseguenze del ravvicinamento economico tra Kiev e Bruxelles?
- Prima, le rispondo in merito alle aspettative delle aziende ceche. Non capisco da dove la radio ceca abbia preso questi dati, tutti questi milioni e miliardi di corone. Come economista non mi sarei mai azzardato a giocare con i numeri. Quando nella Repubblica Ceca ho attuato le riforme, naturalmente volevo aprire il Paese ai mercati internazionali, da Ovest ad Est e da Nord a Sud, perchè era economicamente conveniente. Tra l’altro mi sta bene che le aziende ceche abbiano accesso facilitato al mercato ucraino, la libertà di commercio è una cosa in cui ho sempre creduto. Un’altra cosa è come questa nuova situazione potrà incidere sulle relazioni commerciali tra Russia e Ucraina. Potranno le aziende ucraine mantenere i benefici di cui godono nel mercato della Russia? Non sarà deludente per l’Ucraina il risultato complessivo della sua associazione con l’UE? Sono domande alle quali, al momento, non ho risposte. - Kiev vuole avere un’area di libero scambio sia con l’UE sia con gli Stati CSI. È possibile?
- In linea di massima è possibile. Tutti i Paesi devono scambiare liberamente le loro merci, ne sono fermamente convinto. Al tempo stesso sono categoricamente contrario alle aree di libero scambio regionali. Insomma, l’Ucraina potrebbe riuscire nei suoi intenti, ma vorrei sapere un’altra cosa: con quali condizioni ciò sarebbe possibile? Credo che sia la cosa più importante.
- Che cosa pensa delle prime decisioni politiche del nuovo Presidente ucraino, Petr Poroshenko, del suo piano di pace e della sua scelta geopolitica che punta sul ravvicinamento con l’Occidente e sull’effettivo allontanamento del Paese dalla Russia?
- La stampa informa di questo piano di pace, ma io non conosco i particolari. Pare che il Presidente ucraino abbia intrapreso alcuni passi positivi, ma in Ucraina continua a scorrere il sangue. Quindi, lo scopo non è stato raggiunto. Ma che sto dicendo! È in corso una vera guerra! Questa cosa è terribile e fa paura. È un grandissimo errore di Kiev. Eppure Poroshenko dice che una nuova tregua è possibile. Non capisco come queste dichiarazioni possano essere compatibili con la realtà della guerra che continua. Posso solo esprimere la mia compassione ai poveri abitanti dell’Est che non si meritano questa sorte e che certamente non pensavano di potersi trovare in una situazione del genere.
È ancora possibile normalizzare i rapporti tra Russia e Occidente, guastati dalla crisi ucraina? Chi deve farsi avanti per primo? Negli intenti dell’UE, qual’è lo scopo del ravvicinamento con le economie deboli dell’area post-sovietica? Quali sono le prospettive dell’Europa unita dopo che il premier britannico ha minacciato di uscire dall’UE? Che effetto avrebbe per le economie occidentali il cosiddetto “terzo pacchetto” delle sanzioni antirusse? A queste domande l’ex Presidente della Repubblica Ceca, Vaclav Klaus, risponderà nella seconda parte della sua intervista a “La Voce della Russia”.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

i nazi Merkel Kiev, ed il loro oscuramento della democrazia! 8 luglio 2014, L’Ue trascina l’Ucraina in una trappola finanziaria. Nella parte economica dell’Accordo di associazione dell’Ucraina con l’Ue sono celati degli scogli di una dimensione tale che gli ucraini hanno tutte le possibilità di condividere il destino dei passeggeri del Titanic. I rischi impliciti nell’eurointegrazione delle economie emergenti (nel caso dell’Ucraina – di un’economia piuttosto stagnante) sono ben noti: sconfitta nella concorrenza con i produttori stranieri, debacle della produzione, calo del tenore di vita della popolazione, appesantimento dei problemi sociali. Di conseguenza, degrado fino a disgregazione totale o almeno fino alla trasformazione in un’appendice per le materie prime dell’Occidente. Purtroppo, l’opinione pubblica ucraina non vuole sapere nulla di questi rischi. Ciò è comprensibile: sull’ondata d’informazione antirussa e di elevate aspettative dall’associazione con l’Ue è difficile studiare scrupolosamente il testo del documento che una Bruxelles pragmatica ha messo sotto il naso di una Kiev ingenua, ritiene il politologo Alexey Martynuk, direttore dell’Istituto Internazionale di studi sui paesi moderni:
Non si tratta delle difficoltà economiche che l’Ucraina si troverà ad affrontare nell’ambito di questa associazione. Si tratta, innanzitutto sul versante politico, della distruzione perentoria dei rapporti con la Russia. Molti ucraini continuano a credere tutt’oggi che l’associazione si un primo passo verso l’adesione all’Ue. Ma tutta una serie di paesi latino-americani già ora hanno l’associazione con l’Ue. L’Egitto e la Turchia sono associati con l’Unione Europea già da alcuni decenni ma nessuno di loro è stato ammesso in questa struttura. L’associazione e l’appartenenza non sono cose interconnesse. Quando c’era il bisogno impellente di ampliare l’Ue mediante l’ammissione di paesi europeo-orientali, nessuno di loro ha percorso la fase di appartenenza associativa. L’assorbimento è avvenuto subito, come nel caso della Polonia. Secondo le condizioni dell’Accordo con l’Ue, l’Ucraina s’impegna ad adattare la sua legislazione alle norme dell’Ue. In particolare, si tratta del processo di restituzione obbligatoria, ossia della necessità di restituire i beni illegittimamente nazionalizzati ai loro proprietari o ai loro eredi. Nel testo del documento non c’è nemmeno una parola al riguardo, ma la restituzione è una parte sostanziale del sistema giuridico. Oggetto di contestazioni possono essere tutti i beni che cambiarono il proprietario dopo il 1917. In realtà si tratta di molte migliaia di siti su cui difficilmente riflettono ora i comuni entusiasti dell’integrazione dell’Ucraina nell’Ue. Il Potere sovietico aveva tolto ai proprietari più di due milioni di ettari di terra, ossia più del 52% di tutto il territorio dell’Ucraina d’oggi. Secondo le norme europee tutta la terra deve essere restituita agli ex proprietari o ai loro eredi. Si noti che non tutte queste persone sono cittadini ucraini. Ad avere il più grande appetito in questo senso sono i polacchi (prima del 1939 le regioni di Volynsk, Rovno, Lvov ed Ivanovo-Frankovsk, in generale, erano una parte della Polonia). Un altro paese confinante, Ungheria, conta di farsi riavere il patrimonio in Transkarpazia (Zakarpatie). I romeni stanno stilando l’elenco delle case ereditate e dei pezzi di terreno nella Bukovina Settentrionale e in una parte della Regione di Odessa – ex Bessarabia Meridionale che nel 1940 passò all’Unione Sovietica.
Insomma, l’Ucraina sta correndo il rischio di perdere un terzo delle sue terre arative, (senza parlare poi di centinaia di appartamenti, case ed altri siti immobili). A proposito, per via di un ironico scherzo del destino ne risentiranno più degli altri gli abitanti dell’Ucraina Occidentale. Il loro sogno europeo si rivelerà una trappola economica. E dovranno incolparne solo loro stessi.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

i nazi Merkel Kiev, ed il loro oscuramento della democrazia!
Mass media, l'ucraina “Radio Era” oscura i programmi de “La Voce della Russia”.
La compagnia radiofonica ucraina Radio Era ha cessato di collaborare con la stazione radio La Voce della Russia, appartenente all'agenzia di stampa russa internazionale Rossiya Segodnya.
Il direttore generale dell'agenzia russa Dmitry Kiselev ha definito questa decisione un altro passo nella lotta contro la libertà di parola in Ucraina, che rafforza ulteriormente l'isolamento e il monocolore mediatico del Paese.
"Probabilmente l'informazione de La Voce della Russia dà problemi al regime dell'Ucraina nell'esecuzione dei loro crimini," - ha dichiarato Kiselev.

non è propriamente, colpa dei satanisti americani, loro hanno nei geni del loro perfido istinto, di poter mangiare, e distruggere, le persone più buone, del pianeta! ecco perché, sono riluttanti a divorare quel sacco di escrementi, sharia ummah , nazi ONu LEGA ARABA! ma, questa è la mia verità, quella è la unica minestra, che, i lascerò, a quelle bestia di satana , da poter mangiare! La NATO decide di sviluppare una strategia per la guerra informatica. Nel summit previsto il prossimo settembre la NATO intende formulare nuove regole per la guerra informatica e studiare l'applicabilità del diritto internazionale alla guerra cibernetica.
"L'Alleanza Atlantica vuole garantire che il diritto internazionale tenga conto dello spazio informatico," - ha dichiarato Christian Liftländer, rappresente del dipartimento di protezione contro le minacce informatiche della sede NATO a Bruxelles.
Secondo lui, la NATO non ha il diritto di adottare unilateralmente una legislazione, ma i Paesi membri possono esprimersi a favore dell'applicazione di norme giuridiche internazionali, in particolare per quanto riguarda la condotta della guerra informatica.
Mosca preme sugli USA per la difesa dell'hacker russo Roman Seleznev. Il ministero degli Esteri russo sta adottando tutte le misure possibili affinchè il russo Roman Seleznev, arrestato nella giornata di ieri perchè sospettato di frode e furto di informazioni, non subisca la stessa sorte capitata al pilota russo Konstantin Yaroshenko e all'imprenditore Viktor But, ha dichiarato Konstantin Dolgov, commissario per i Diritti umani, la Democrazia e lo Stato di diritto del ministero degli Esteri.
Dolgov ha anche riferito che la diplomazia russa ha trasmesso agli Stati Uniti la sua posizione sulla situazione del russo agli arresti Roman Seleznev. "Stiamo lavorando ed i nostri intendimenti sono stati indicati molto chiaramenti. La nostra posizione è chiara, l'abbiamo comunicata agli Stati Uniti in modo molto formale e rigoroso. Ora attendiamo la loro risposta," - ha detto.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

In Germania arrestata un'altra sospetta spia americana [ siete degli imbecilli! satanismo è massoneria, sono organismi sovranazionali, voi state prendendo, soltanto, i ladri di polli! ] I servizi segreti tedeschi hanno arrestato un altro uomo con l'accusa di spionaggio a favore degli Stati Uniti. La mattina del 9 luglio la polizia ha fatto irruzione nella casa di un sospetto a Berlino. Secondo una fonte nelle forze dell'ordine, il caso potrebbe essere molto più grave del caso precedente.
Il ministero tedesco degli Esteri ha convocato l'ambasciatore degli Stati Uniti John Emerson a Berlino per spiegazioni.
La scorsa settimana il controspionaggio tedesco aveva scoperto una talpa nei servizi segreti federali (BND) che collaborava con gli USA. Secondo gli inquirenti, nel corso di 2 anni ha passato alla CIA 218 documenti segreti in cambio di 25.000 euro.

Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

la blasfemia, commessa, in un luogo di culto: è un crimine orribile di sacrilegio! quindi, lo sconto di pena, che, voi avete dato a questi criminali, io lo acccrediterò a voi, accorciando, la vita, di tutte le persone che, lavorano nel nuovo Ordine Mondiale!
non solo, ma, anche, tutti voi perderete un dente, in modo traumatico!] [ Attiviste Femen multate a Parigi per danni alle campane di Notre Dame. Oggi il Tribunale di Sorveglianza di Parigi ha condannato al pagamento di una multa di 1.500 euro 9 attiviste del movimento femminista Femen, condannate per danni a una delle campane della Cattedrale di Notre Dame. L'eclatante azione di protesta delle femministe è avvenuta il 12 febbraio 2013, il giorno dopo l'abdicazione di Papa Benedetto XVI. A seguito del blitz delle femministe, come indicato nel rapporto della polizia, è rimasta danneggiata la copertura d'orata di una delle campane.
Inoltre 3 agenti di polizia, che hanno arrestato le dimostranti, sono stati multati con multe da 250 a 500 euro per comportamento eccessivamente violento nei confronti delle femministe. In particolare durante la colluttazione con un poliziotto una ragazza ha perso un dente.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

questo discorso, somiglia al carnefice, quando dice, alla sua vittima: "tu statti fermo, che, io ti devo dissanguare bene, che, poi, è proprio quello che, il fariseo rothschild ha fatto, contro, tutti i popoli del mondo! la usurocrazia, ti fa: "pelo, contropelo ,e ti fa ammalare, attraverso, anarchia, e, sodoma e gomorra a tutti! "
Gli USA frenano sulle sanzioni contro la Russia per unità di azione con la UE. Il governo degli Stati Uniti non ha introdotto nuove misure restrittive nei confronti della Russia perché vuole lavorare a stretto contatto con gli alleati europei, ha dichiarato oggi l'assistente del segretario di Stato americano Victoria Nuland.
Nella giornata di ieri il tema delle sanzioni era stato discusso dai presidenti degli Stati Uniti e della Francia Barack Obama e Francois Hollande. I 2 capi di Stato avevano convenuto nell'affermare che la Russia avrebbe dovuto "pagare un costo aggiuntivo, se non avesse preso immediati provvedimenti per disinnescare la tensione in Ucraina." I presidenti di Francia e USA hanno esortato Mosca a convincere i leader separatisti dell'Ucraina orientale al dialogo con Kiev, nonché a rafforzare la protezione del confine russo-ucraino.

Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

una nuova catastrofe umanitaria in arrivo, per i becchini ONU UE del sistema massonio Bildenberg, i nazisti! Russia, nella regione di Rostov esplose 13 mine ucraine. Il governatore della regione di Rostov Vasily Golubev ha dichiarato che dall'Ucraina sono caduti nel territorio della regione 13 razzi. Secondo Golubev, le esplosioni hanno provocato, "feriti tra i doganieri e le forze di sicurezza." Ha anche aggiunto che nella parte orientale dell'Ucraina potrebbe iniziare una guerriglia, se le forze di sicurezza saranno in grado di conquistare Donetsk. "Se i politici ucraini vedono oltre le proprie ambizioni, dovrebbero fare un passo in avanti verso i negoziati di pace. L'occupazione di una città di milioni di abitanti come Donetsk minaccia una catastrofe "- ha rilevato Golubev.

Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

ed io che, io sono un truffato dall'euro, io posso portare il mio denaro falso nel BRICS? ma, io non voglio più pagare, il signoraggio bancario a Rothschild, il satanista fariseo, che soluzione voi avete per questo?! come sede della banca BRICS, io sceglierei una città della Russia, ai confini con la Cina! [ I Paesi BRICS fonderanno una nuova banca per lo sviluppo. Nel prossimo summit tra il 14 e 16 luglio in Brasile, i leader dei paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) firmeranno un accordo per la creazione di una nuova banca per lo sviluppo con un capitale sociale di circa 100 miliardi di dollari, ha riferito il ministro delle Finanze russo Anton Siluanov. "La banca è aperta ad accettare nuovi soci tra i membri delle Nazioni Unite, con il vincolo che la quota del BRICS non scenda sotto il 55% del capitale sociale. In ogni caso il controllo dell'istituto di credito rimarrà al BRICS",- ha detto Siluanov. Ha anche rilevato che non è ancora risolto il problema su dove collocare la sede della banca e a chi spetterà la presidenza.

Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

I separatisti filorussi rivelano: esercito ucraino in marcia verso Donetsk.
Le truppe controllate da Kiev continuano ad avanzare verso Donetsk, hanno riferito nella sede delle forze separatiste della Repubblica Popolare di Donetsk.Gli indipendentisti hanno inoltre riferito la comparsa in città di gruppi di intelligence delle forze di sicurezza ucraine.
"Inviano piccoli gruppi di ricognizione, formati da 1 massimo 2 uomini, il cui compito è raccogliere informazioni sui movimenti e sulle posizioni delle nostre truppe," - hanno riferito al quartier generale dei filorussi.
Lo scorso fine settimana i separatisti erano stati costretti a ritirarsi verso Donetsk e Lugansk, secondo loro “strategicamente” e per evitare che venisse massacrata la popolazione civile di Slavyansk e Kramatorsk. ai fascisti: usa e getta, subentrano i nazisti Bildenberg Merkel Rothschild, questo è tutto, più struttura NWO!
ed i crimini, dei cecchini CIA, chi li ha fatti? i 4000 cadaveri della guerra contro, il popolo ei russofoni, non potrà mai eclissare, i 100 cadaveri, che , fecero guadaganre la Ucraina alla NATO!
La Procura Generale ucraina accusa Maidan: in piazza omicidi, furti, armi e droga.
In Piazza Maidan, nel centro di Kiev, dalla fine di febbraio sono stati commessi 158 reati penali, ha dichiarato il procuratore generale dell'Ucraina Vitaly Yarema. Secondo lui, sono state fissate aggressioni fisiche nei confronti di 4 cittadini con conseguenze letali.
"Inoltre sono stati individuati casi di furto di veicoli, frode, produzione e spaccio di narcotici e contrabbando d'armi da fuoco," - ha affermato il procuratore generale.
In virtù di questo quadro criminale, Yarema chiede che i dimostranti di Maidan liberino immediatamente gli edifici pubblici amministrativi ancora occupati nel centro di Kiev.
 [ non ha proprio l'aria di essere una persona per bene! ] Il Cremlino accetta ufficialmente il nuovo ambasciatore USA in Russia. Il Cremlino ha ufficialmente accettato di lavorare con il candidato proposto da Washington come ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca John Tefft, ha dichiarato il sottosegretario alla presidenza russa Yury Ushakov. In precedenza era circolata l'indiscrezione non confermata da fonti ufficiali, secondo cui la candidatura del nuovo ambasciatore USA godesse del placet di Mosca. Dal 2009 al 2013 Tefft era stato ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, in precedenza aveva guidato la rappresentanza diplomatica americana in Lituania e Georgia. Tra il 1996 e 1999 era stato vice ambasciatore a Mosca.

Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

ma, nessuno si aspetta, che, un assassino sia sincero, è come, pretendere la verginità da una prostituta! ] Kiev: l'Ucraina non preleva né ora né in futuro il gas per l'Europa. L'Ucraina non sta prelevando e non preleverà il gas di transito destinato all'Europa, ha dichiarato il ministro dell'Energia Yury Prodan. "Oggi, non preleviamo questo gas e non preleveremo in futuro i volumi destinati in Europa," - ha detto il ministro. Nella prima metà di giugno il debito di Kiev per le forniture correnti di gas russo ammontava a 838 milioni di dollari, mentre il livello di indebitamento complessivo si aggirava sui 5,3 miliardi di dollari.
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

in effetti, anche, Hitler aveva la sua normalità! anche il sistema massonico Bildenberg, ha la sua normalità! anche, i satanisti CIA, istituzionali, che fanno 200.000 sacrifici umani sull'altare di satana, ogni anno, hanno la loro normalità, in Francia, Gemania, Inghilterra, USA ] ma, tutto questo, non è la Democrazia! http://cdn.ruvr.ru/2014/07/09/1506655047/9RIAN_02455350.HR.ru.jpg
Kiev annuncia il ritorno alla normalità di Slavyansk. Il rappresentante del dipartimento Informazioni del Consiglio di Sicurezza Nazionale e Difesa dell'Ucraina Andriy Lysenko ha affermato che si sta assistendo “ad un considerevole ritorno degli sfollati a Slavyansk". Inoltre il portavoce dell'operazione speciale in Ucraina orientale Alexey Dmitrashkovsky ha osservato che in città sono riprese le forniture di prodotti alimentari così come sono stati riaperti l'ospedale e il panificio. "Ieri in città per la prima volta dopo tanto tempo è tornata la corrente elettrica, ha ripreso a funzionare la ferrovia, sono arrivati i rifornimenti di cibo ed hanno riniziato a lavorare le autorità pubbliche", - ha sottolineato Lysenko.

Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
2 ore fa

Netanyahu è soltanto, un attore di rothschild, se, lui amasse gli israeliani, o, lui avesse, un poco di rispetto, per suo fratello, che, è stato ucciso dai terroristi islamici? poi, lui ascolterebbe la mia voce! ] [ Netanyahu Decides to Expand Operations Until Rockets Stop. Prime Minister says 'operation will continue until the firing at our communities stops and quiet is restored: 7/9/2014, Prime Minister Binyamin Netanyahu held security consultations at IDF Southern Command headquarters in Be'er Sheva Wednesday, along with Defense Minister Moshe Yaalon, IDF Chief-of-Staff Lt.-Gen. Benny Gantz and GOC Southern Command Maj.-Gen. Sammy Turgeman. Following the consultations, Prime Minister Netanyahu said, "We have decided to further increase the assault on Hamas and the terrorist organizations in Gaza. The IDF is prepared for all possibilities. Hamas will pay a heavy price for firing at Israel's citizens. The security of Israel's citizens is our primary consideration. Our military is strong, the home front is steadfast and our people are united. This combination is our response to the terrorist organizations that want to attack us. “We are all united in the mission to strike at the terrorist organizations and restore quiet. The operation will be expanded and will continue until the firing at our communities stops and quiet is restored. I ask that the public continue to listen to the instructions from IDF Home Front Command – they save lives. On behalf of Israel's citizens, I thank all IDF soldiers and ISA personnel who are participating in the operation." The IDF is purposely targeting the homes of top Hamas officials, experts said Wednesday. According to commentary on Israeli media, the water supply at the “refugee camp” neighborhood of Shati in Gaza has been cut off by the Israeli attacks. This is seen as personally targeting Hamas “Prime Minister” Ismail Haniya, who lives in Shati. As an expert said – Haniya will not be showering in his home in the coming days. Another expert noted that a similar strategy was pursued by the IDF in the 2006 Second Lebanon War, in which the entire Beirut neighborhood that housed Hezbollah's men – the Dahia – was turned to rubble. However, Israel is still not targeting civilian infrastructures such as water and electricity in a way that would create large scale pressure on the Hamas leadership. The Chairman of Israel Electric Company, Yiftah Ron-Tal, sauid Wednesday that he supports cutting off electricity to Gaza – currently supplied by Israel. He noted that the Palestinians owe the IEC a large debt that they are not paying.
 ·
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
3 ore fa

http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/182717#.U72I_7HalxA VI RIMPROVERA, LO SPIRITO SANTO, ANCHE, VOI SIETE PARTE, DI QUESTO SPETTACOLO, TEATRO, HOLLYWOOD, DI MORTE ROTHSCHILD SAUDI ARABIA 322 NWO FMI .. INFATTI ANCHE VOI SIETE I SATANISTI del sistema massonico!
Rispondi
 ·
lorenzojhwh uniusrei
3 ore fa

http://a7.org/Resizer.ashx?source=albums&image=67080&a=470&b=950 IDF Chief of Staff Approves Ground Offensive Plans. [[ No! TUTTE LE VOSTRE PAROLE DI MERDA, NON RIPORTERANNO IN VITA, LE PERSONE INNOCENTI, CHE, SONO MORTE, PERCHé SONO STATE UCCISE DAL TERRORISMO, E SOPRATTUTTO, LA VOSTRA AZIONE FOLLE-PATETICA, CHE, DURA DA 66 ANNI, NON POTRà ESSERE RISOLUTIVA! quindi, IO PRETENDO CHE, I PALESTINESI SIANO DEPORTATI IN SIRIA! ]] Hamas 'extremely frustrated' by Iron Dome. Hamas rocket scores a direct hit on a home but no one hurt. Dimona targeted.  7/9/2014, Merkava Mark IV tank by Gaza. IDF Chief of Staff, Lt. Gen. Benny Gantz, has approved all of the plans for an IDF ground offensive into Gaza, IDF Spokesman Brig. Gen. Moti Almoz said Wednesday evening. He added that the pressure on Gaza will grow in the coming hours and the IAF attacks will become even more intense. According to statistics released by the IDF Wednesday, about 300 rockets have been fired at Israel since Operation Protective Edge began two days ago. Seventy-two rockets hit Israel in the course of Wednesday, by about 8:00 p.m. Two of the rockets were fired at Holon and Bat Yam, just south of Tel Aviv. One of them was intercepted by Iron Dome and the other struck an empty area. Islamic Jihad took responsibility for the rocket fire on the Tel Aviv area. Three other rockets were fired at Dimona, where Israel operates a nuclear plant. One was intercepted and the other two struck empty spaces. One rocket scored a direct hit on a home in a “kibbutz” community in the Shaar Hanegev region. There was no one in the home at the time, and no one was hurt. Hamas is "extremely frustrated" by the success of the Iron Dome system in intercepting most of the rockets that could have caused death and destruction in Israel, according to Channel 2's veteran Arab affairs expert, Ehud Yaari. Sirens sounded Wednesday in Binyamina, Habonim, Zihron Yaakov, Bat Shlomo and Or Akiva, near the Mediterranean coast south of Haifa. Two rockets fell in that vicinity – the northernmost point that Hamas has succeeded in hitting since the current operation began. The IDF has attacked over 160 targets in Gaza since the morning. Over 580 targets have been struck since the operation began. Wednesday saw 31 terror tunnels attacked, as well as 60 buried launchers, and other targets including a weapons storage site. Eleven homes of senior Hamas officers that served as command centers were also hit. Videos released by the IDF Wednesday show hits on Hamas officers' homes, weapons cahes and other installations. Prime Minister Binyamin Netanyahu held security consultations at IDF Southern Command headquarters in Be'er Sheva Wednesday, along with Defense Minister Moshe Yaalon, IDF Chief-of-Staff Lt.-Gen. Benny Gantz and GOC Southern Command Maj.-Gen. Sammy Turgeman. Following the consultations, Prime Minister Netanyahu said, "We have decided to further increase the assault on Hamas and the terrorist organizations in Gaza. The IDF is prepared for all possibilities. Hamas will pay a heavy price for firing at Israel's citizens. The security of Israel's citizens is our primary consideration. Our military is strong, the home front is steadfast and our people are united. This combination is our response to the terrorist organizations that want to attack us. “We are all united in the mission to strike at the terrorist organizations and restore quiet. The operation will be expanded and will continue until the firing at our communities stops and quiet is restored." The IDF is purposely targeting the homes of top Hamas officials, experts said Wednesday. According to commentary on Israeli media, the water supply at the “refugee camp” neighborhood of Shati in Gaza has been cut off by the Israeli attacks. This is seen as personally targeting Hamas “Prime Minister” Ismail Haniya, who lives in Shati. IDF Capo di Stato Maggiore approva i piani terra offensivi. Hamas 'estremamente frustrato' di Iron Dome. Hamas colonne sonore razzo un colpo diretto su una casa, ma nessun ferito. Dimona mirati.  2014/07/09, Merkava Mark IV vasca da Gaza. IDF capo di stato maggiore, il tenente generale Benny Gantz, ha approvato tutti i piani per un'offensiva di terra israeliano a Gaza, IDF Portavoce Briga. Gen. Moti Almoz ha detto Mercoledì sera. Egli ha aggiunto che la pressione su Gaza crescerà nelle prossime ore e gli attacchi IAF diventerà ancora più intenso. Secondo le statistiche rilasciate dalla IDF Mercoledì, circa 300 razzi sono stati sparati contro Israele dall'inizio dell'operazione di protezione Riva iniziato due giorni fa. Settantadue razzi hanno colpito Israele nel corso di Mercoledì, di circa 08:00 Due razzi sono stati sparati contro Holon e Bat Yam, appena a sud di Tel Aviv. Uno di loro è stato intercettato da Iron Dome e l'altro ha colpito una zona vuota. Jihad islamica ha responsabilità per il lancio di razzi sulla zona di Tel Aviv. Altri tre razzi sono stati sparati a Dimona, dove Israele gestisce un impianto nucleare. Uno è stato intercettato e gli altri due realizzando spazi vuoti. Un razzo ha segnato un colpo diretto su una casa in una comunità "kibbutz" nella regione di Shaar Hanegev. Non c'era nessuno in casa, al momento, e nessuno è rimasto ferito. Hamas è "estremamente frustrato" dal successo del sistema Iron Dome a intercettare la maggior parte dei razzi che potrebbero aver causato morte e distruzione in Israele, secondo Canale 2 del veterano esperto di questioni arabe, Ehud Yaari. Sirene suonarono Mercoledì a Binyamina, Habonim, Zihron Yaakov, Bat Shlomo e Or Akiva, vicino alla costa mediterranea a sud di Haifa. Due razzi sono caduto in quella zona - il punto più a nord che Hamas è riuscita a colpire in quanto l'operazione in corso ha avuto inizio. L'IDF ha attaccato oltre 160 obiettivi a Gaza fin dal mattino. Più di 580 obiettivi sono stati colpiti in quanto l'operazione è iniziata. Mercoledì ha visto 31 gallerie terrore attaccato, così come 60 lanciatori sepolti, e altri obiettivi, tra cui un sito di stoccaggio di armi. Undici case degli alti ufficiali di Hamas che servivano come centri di comando sono state colpite. Video rilasciati dalle IDF Mercoledì spettacolo di visite sulle case ufficiali di Hamas, cahes armi e altre installazioni. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha tenuto consultazioni di sicurezza presso la sede della Southern Command dell'IDF a Be'er Sheva Mercoledì, insieme al ministro della Difesa Moshe Yaalon, IDF capo di stato maggiore tenente-Gen. Benny Gantz e GOC Southern Command Maj-Gen. Sammy Turgeman. Dopo le consultazioni, il primo ministro Netanyahu ha detto: "Abbiamo deciso di aumentare ulteriormente l'assalto Hamas e le organizzazioni terroristiche a Gaza. L'IDF è predisposto per tutte le possibilità. Hamas pagherà un prezzo pesante per la cottura ai cittadini di Israele. La sicurezza delle cittadini di Israele è la nostra considerazione preminente. nostro militare è forte, il fronte interno è costante e il nostro popolo sono uniti. Questa combinazione è la nostra risposta alle organizzazioni terroristiche che vogliono attaccarci. "Siamo tutti uniti nella missione per colpire le organizzazioni terroristiche e ripristinare la calma. L'operazione sarà ampliato e continuerà fino a quando la cottura a nostre comunità si ferma e tranquilla viene ripristinato. " L'IDF è volutamente di mira le case degli alti funzionari di Hamas, dicono gli esperti Mercoledì. Secondo il commento media israeliani, la fornitura di acqua presso il quartiere "campo profughi" di Shati a Gaza è stata tagliata dagli attacchi israeliani. Questo è visto come personalmente il targeting di Hamas "Primo Ministro" Ismail Haniya, che vive in Shati.

io conosco, che, voi, il vostro pene, il vostro ventre, non amate la verità, e che, vi piace, a vivere nella menzogna di Rothschild, e Saudi Arabia.. ma, è un vero peccato per voi, che, per voi non amare la verità mia, ora, per voi significa morire!

come, una qualsiasi religione, o un qualsiasi potere politico, o una associazione, può negare il fondamento, che, è la legge naturale? per diventare un potere distruttivo, parassitario, negativo, dannoso, nella società degli uomini? ecco perché, ogni cosa dipende da me, perché, io sono il DECALOGO vivente, io sono la legge naturale! Matrimonio significa santità! e dalla parte degli escrementi, voi potrete cercare la vostra santità soltanto in privato! infatti, io sono il libero arbitrio, perché, la legge naturale, contempla, anche, il libero arbitrio, quando questo, non offende, l'arbitrio altrui!

mai, in tutta la storia del Genere umano, il Regno di Dio, in modalità politica, potrebbe esistere, con tanta potenza, e mai più, il genere umano potrebbe avere, questa occasione! Se, non ascoltate la mia voce, certamente, voi morire in una guerra mondiale nucleare! ma, Dio mi ha promesso, che, libererà i popoli del mondo dai farisei e dai salafiti, comunque! .. infatti, tutti coloro, che, sono stati predestinati, alla vita eterna, ascoltano, la mia voce!

tutti coloro, che, non vengono, a chiedere a me, il permesso, di poter governare, o di poter esercitare, il potere politico e religioso, in mio nome? SARANNO SPAZZATI VIA, dai miei ministri, gli angeli! Perché, io sono il Governatore universale, del Regno di Dio: JHWH, il Vivente di Israele! io sono il supremo amministratore, di tutto il Regno di Dio! .. ecco perché, io posso trovare, una soluzione alle genealogie ebraiche, alle tribù smarrite, della casa di Giacobbe, ecc.. ed, io posso trovare una soluzione, ad ogni problema, per tutti, nella certezza, che, quello che, io stabilisco in terra, sarà anche, stabilito in cielo.. ed, io cercherò di accontentare tutti, se, quello che, mi viene chiesto, non potrebbe diventare qualcosa di dannoso, per un altro... perché, come Dio non può essere complice del male, così, anche io, io non posso essere il complice di nessuna ingiustizia! Infaatti, io non ho ricevuto delle istruzioni, come, i profeti hanno ricevuto... ed, io HO UNA AUTORITà SOVRANA E DIVINA, autorità DELEGATA, ECCO PERCHé, SI DICE IL GOVERNATORE Unius REI, PERCHé, DOVE è LUI, VENGONO rappresentate, E, SVOLTE LE FUNZIONI DEL RE: in sua assenza, NEL SUO VOLERE E NELLA SUA AUTORITà, ma, sempre e soltanto, Dio sarà lodato e glorificato! ecco perché, io non mi sono vergognato, di mostrare, i miei peccati al NWO dei satanisti farisei, in tutti questi anni! in realtà, anche, chi svolge un ministero terribile, esclusivo, come il mio, lui deve dire: "noi siamo servi inutili, noi abbiamo fatto soltanto, il nostro dovere!" ed infatti, tutto quello, che, si chiede ad un amministratore è che, lui sia trovato fedele! ed il sovrannome della mia famiglia paterna? è proprio "FEDELE", che significa, Lorenzo figlio di Fedele, ma, che, per noi, ha un significato spirituale, perché, soltanto noi, in youtube e google, noi sappiamo quello che nessuno può sapere!

perché, gli scellerati sanno credere nel regno di satana, ed hanno fatto la piramide degli Illuminati farisei FMI FED BCE; Sharia, merda, 322 Bush, e poi, contestualmente, loro non sanno credere nel Regno di Dio? proprio perché, tu sai credere nel potere del male, e poi, tu non sai credere nel potere del bene.. ecco perché, tu hai poco da vivere! presto, tu sarai in una disperazione, che, è oltre la follia, di ogni immaginazione!

COSA è COSì DIFFICILE DA CAPIRE? IO NON POTREI MAI ESSERE, UN MINISTERO POLITICO UNIVERSALE, CHE, DIO HA SOLLEVATO, come immagine del ruolo politico del Regno di Dio, E POI, I MIEI NEMICI, POTER RIMANERE VIVI.. QUESTO è IMPOSSIBILE! infatti, io non sono una opinione, o una credenza religiosa.. io sono la Monarchia, teocratica del libero arbitrio, che, si muove sul piano del ragionamento razionale, agnostico, ma, tuttavia, io sono, sempre, la gestione politica, di un potere politico ben specifico, quindi, i miei ministri hanno il compito di sopprimere i miei oppositori! Tutti coloro che sono da Dio o che, sono onesti? verranno da me!

in un mondo, dove tutti sono bugiardi, assassini, ladri, lobbisti, MAFIOSI FARISEI SALAFITI BILDENBERG SATANISTI? qualcuno che, dice sempre, la verità, come, fa Unius REI? questo, può essere, un potere devastante! MA, QUESTO è IL DOGMA UNIUS REI, LUI NON MENTIRà, MAI, A NESSUNO! E LA SUA POROLA SARà TROVATA VERA E STABILE PER SEMPRE! Ecco perché Unius REI è il fondamento, la vita dei popoli! Quelli che sono stati a sputare veleno fin'ora, ed io li ho sentiti, poi, non hanno il coraggio di parlare contro, me, PERCHé SONO DEI VIGLIACCHI! ed io sono qui, per questo, PER PARALRE CON LORO.. MA, loro sanno, che, le loro opere sono cattive! ECCO PERCHé, I DEMONI VOGLIONO FUGGIRE DALLA MIA PRESENZA!

delicheres Sharia Law love of Allah they are no moderates in islam , it-s an occidental concept to avoid opening our eyes on the horrible truth of this devils religion !  /watch?v=gKNNIVXTDPQ&feature=gp-n-y yes, today Islam is nazi evil shalom + salam, but, tomorrow , will be very good!

shawn dahl /watch?v=JF9IxOWZV7k  People need to stop supporting the evil that is Islam. https://www.youtube.com/watch?v=JF9IxOWZV7k UniusReiOrWarW666IMF SHALOM + SALAM IS today Islam is bad
Posta un commento